Ipotesi su lamartine. Contributo alla storia del "populismo"

Titolo Rivista: HISTORIA MAGISTRA
Autori/Curatori: Cristina Cassina
Anno di pubblicazione: 2012 Fascicolo: 10 Lingua: Italiano
Numero pagine: 14 P. 15-28 Dimensione file: 111 KB
DOI: 10.3280/HM2012-010003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Alphonse de Lamartine (1790-1869), removed from history manuals of political thought and confined to literature anthologies, is here discussed in the light of the hypothesis of a possible "resurrection". The battles of the Thirties - in particular the proposal for a politique naturelle, improbable mix of liberalism, Catholicism and democracy - now sound irreparably outdated. Nevertheless, there are reasons to believe that other cues of his public career help to historically understand one of the greatest dilemmas of our times: the populist drifting. The famous speech of 6 October 1848, read in the light of the most recent literature, suggests, in fact, to deem Lamartine not only as a "missing link" within the development of this phenomenon, but perhaps as the real initiator, at least from a theoretical point of view, of modern populism.

Cristina Cassina, Ipotesi su lamartine. Contributo alla storia del "populismo" in "HISTORIA MAGISTRA" 10/2012, pp 15-28, DOI: 10.3280/HM2012-010003