"Diritto alla storia" e stato costituzionale

Titolo Rivista: HISTORIA MAGISTRA
Autori/Curatori: Maria Chiara Locchi
Anno di pubblicazione: 2012 Fascicolo: 10 Lingua: Italiano
Numero pagine: 9 P. 51-59 Dimensione file: 88 KB
DOI: 10.3280/HM2012-010005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

The large number of laws and judicial decisions on anti-negationism as well as the reflections on conditions and limits of the so called "memory laws" demonstrate that lawyers are deeply interested in "history" and "memory". However, in contemporary constitutional States the "right to history" must be addressed from a broader perspective, which takes into account the essential link between the Constitutional State and the history of Fascism and anti-fascist Resistance in Europe. A conception of history as a constitutional right and duty requires a promotional approach on different levels: a free and financially supported historical research, the interpretation and enforcement of the constitution in its historical consistency, history education as a tool for active citizenship and democratic participation.

Maria Chiara Locchi, "Diritto alla storia" e stato costituzionale in "HISTORIA MAGISTRA" 10/2012, pp 51-59, DOI: 10.3280/HM2012-010005