Dal feudo al latifondo. Bronte e la Ducea Nelson

Titolo Rivista: HISTORIA MAGISTRA
Autori/Curatori: Alessandra Mangano
Anno di pubblicazione: 2012 Fascicolo: 10 Lingua: Italiano
Numero pagine: 16 P. 93-108 Dimensione file: 115 KB
DOI: 10.3280/HM2012-010008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Nelson’s Archive, housed in the State Archive of Palermo, throws light on some issues mainly linked to local usages and the clash they create between the people from Bronte and the English administrators of the Duchy. Court cases, riots and threats are evidence of a complex and really problematic situation which develops soon after the abolition of feudalism in 1812. Bronte, which on the other hand represents the last military feud, witnesses better than other places the uneasiness and legislative chaos which are spread throughout Sicily, provoked by a decision which is still flimsy and highly undefined. The study of the Duchy allows to analyse this tormented period in which feudalism is not really abolished but transformed, leaving many unsolved questions on a system which shaped European society for centuries.

Alessandra Mangano, Dal feudo al latifondo. Bronte e la Ducea Nelson in "HISTORIA MAGISTRA" 10/2012, pp 93-108, DOI: 10.3280/HM2012-010008