Clicca qui per scaricare

Caporetto e il Novecento. Offensivismo e "guerra di posizione" nel pensiero strategico e politico
Titolo Rivista: ITALIA CONTEMPORANEA 
Autori/Curatori: Fabio Vander 
Anno di pubblicazione:  2012 Fascicolo: 268-269 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  25 P. 472-496 Dimensione file:  305 KB
DOI:  10.3280/IC2012-268005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il saggio contiene una rilettura della battaglia di Caporetto, da un punto di vista originale: quello delle novità strategiche emerse in quell’episodio fondamentale della prima guerra mondiale. Centrale nell’articolo è la figura di Giulio Douhet, che denunciò in occasione di Caporetto proprio il fallimento della strategia offensivista di Cadorna e l’affermarsi invece della "guerra di posizione" come modalità prevalente della guerra novecentesca. La tesi che ormai la guerra era "totale" - non riguardava cioè più solo la "tecnica" militare, ma coinvol- geva integralmente, dal punto di vista materiale e morale, tutte le parti in lotta - è qui ricostruita nel dibattito italiano. Da una parte Douhet, che declinò in termini totalitari, aderendo al fascismo, il motivo dell’indistinto politico-militare; dall’altra Gramsci, che con i concetti di "guerra di posizione" e "cadornismo politico" cercò di trarre dalle novità della prima guerra mondiale, conseguenze politiche capitali, segnatamente in ordine a una "rivoluzione" che non fosse più quella "di movimento" dell’Ottobre bolscevico.


Keywords: Prima guerra mondiale, Caporetto, strategia militare, Giulio Douhet, guerra di posizione, strategia politica, Antonio Gramsci

Fabio Vander, in "ITALIA CONTEMPORANEA" 268-269/2012, pp. 472-496, DOI:10.3280/IC2012-268005

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche