La disciplina delle biotecnologie tra scelte di politica comune e sviluppo territoriale

Titolo Rivista: AGRICOLTURA ISTITUZIONI MERCATI
Autori/Curatori: Matteo Benozzo
Anno di pubblicazione: 2012 Fascicolo: 1 Lingua: Italiano
Numero pagine: 14 P. 55-68 Dimensione file: 288 KB
DOI: 10.3280/AIM2012-001004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Nel campo delle biotecnologie, il differente approccio dei legislatori nazionali risente del differente bisogno di salubrità e della peculiare sensibilità verso la sicurezza alimentare. Il modello comunitario, in questi termini, è venuto modellando una disciplina stringente e limitativa delle libere circolazione ed utilizzo degli ogm, caratterizzando le attività imprenditoriali in materia da una notevole eteroderminazione. Le scelte autorizzative preventive e di etichettatura degli ogm, infatti, rispondono alla piena e diretta applicazione del principio di precauzione, nonché al principio di responsabilità delle imprese e degli individui alle esigenze della società attuale e delle generazioni future, che porta a preferire l’astensione e la limitazione dell’operare ove il muoversi nel territorio dell’incertezza, può esporre la collettività a rischi mai adeguatamente e completamente risarcibili. Ma è solo tale finalità l’obiettivo perseguito dal legislatore europeo o vi sono altri scopi e motivazioni dello strutturato sistema regolamentare in vigore che giunge ad imporre un «obbligo di autorizzazione e di vigilanza sussiste a prescindere dalla proporzione di materiale geneticamente modificato contenuta nel prodotto di cui trattasi» e ciò «indipendente dal carattere intenzionale o accidentale dell’introduzione della sostanza di cui trattasi»? Dopo una presentazione della disciplina comunitaria e dei differenti approcci ai prodotti biotecnologici alimentari attualmente seguiti nei paesi del nord del mondo, l’articolo analizza le motivazioni di fondo delle scelte europee, proponendo una motivazione politica-economica particolare.

  • Nuove regole sulla convivenza allo studio in Europa: un cambiamento di approccio nella disciplina degli Ogm Matteo Benozzo, in AGRICOLTURA ISTITUZIONI MERCATI 1/2015 pp.109
    DOI: 10.3280/AIM2014-001006

Matteo Benozzo, La disciplina delle biotecnologie tra scelte di politica comune e sviluppo territoriale in "AGRICOLTURA ISTITUZIONI MERCATI " 1/2012, pp 55-68, DOI: 10.3280/AIM2012-001004