Clicca qui per scaricare

La riforma sanitaria obama e l’«eccezionalismo» americano: due commenti sulla decisione della Corte Suprema in National Federation of Independent Business et al. v. Sebelius, Secretary of Health and Human Services et al.
Titolo Rivista: GIORNALE DI DIRITTO DEL LAVORO E DI RELAZIONI INDUSTRIALI  
Autori/Curatori:  Stefano Giubboni 
Anno di pubblicazione:  2013 Fascicolo: 138  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  5 P. 221-225 Dimensione file:  235 KB
DOI:  10.3280/GDL2013-138003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


I tre articoli offrono un commento alla storica decisione della Corte Suprema americana sulla costituzionalità della riforma sanitaria Obama. Stefano Giubboni mette sinteticamente in luce l’importanza politica e costituzionale della sentenza della Corte. Mark Barenberg offre una analisi si-stematica, e critica, dello sviluppo della dottrine costituzionali sulle quali la decisione è fondata. Enzo Balboni analizza l’evoluzione legislativa e giurisprudenziale nell’area del welfare sanitario statunitense in una prospettiva europea e comparata.


Keywords: Riforma sanitaria americana; Individual mandate; Commerce Clause; Potere del congresso di imporre tasse per il benessere generale; Giurisprudenza costituzionale della Corte Suprema degli Stati Uniti d’America.

  1. Freddi G. (2012). L’anomalia americana. Perché è tanto difficile, se non impossibile, riformare la sanità statunitense. Milano: Vita e Pensiero.
  2. Hacker J.S., Pierson P. (2010). Winner-Take-All Politics. New York-London: Simon & Schuster Paperbacks.
  3. Lipset S.M. (1996). American Exceptionalism. A Double-Edge Sword. New York: Norton.
  4. Rampini F. (2012). «Non ci possiamo più permettere uno Stato sociale» Falso!. Roma-Bari: Laterza.
  5. Stiglitz J.E. (2012). The Price of Inequality. New York-London: W.W. Norton & Company.

Stefano Giubboni, in "GIORNALE DI DIRITTO DEL LAVORO E DI RELAZIONI INDUSTRIALI " 138/2013, pp. 221-225, DOI:10.3280/GDL2013-138003

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche