Click here to download

Il principio di condizionalità (al tempo della crisi)
Journal Title: GIORNALE DI DIRITTO DEL LAVORO E DI RELAZIONI INDUSTRIALI  
Author/s:  Luisa Corazza 
Year:  2013 Issue: 139 Language: Italian 
Pages:  17 Pg. 489-505 FullText PDF:  709 KB
DOI:  10.3280/GDL2013-139006
(DOI is like a bar code for intellectual property: to have more infomation:  clicca qui   and here 


The conditionality principle is a pillar of employment policies in Europe since a long time. Nowadays, it is put to the test by the economic crisis. This paper is focused on the impact of the crisis on the conditionality principle and its recent Italian reform. The effect of the crisis on employment would have required different measures. In particular, it would have required measures regarding self-employment and the rebuilding of the Italian welfare system towards a universal social safety net.
Keywords: Conditionality principle; Employment services; Active labour market policies; European employment strategy; Welfare; Unemployment.

  1. Alaimo A. (2009). Il diritto sociale al lavoro nei mercati integrati. I servizi per l’impiego tra regolazione comunitaria e nazionale. Torino: Giappichelli.
  2. Alaimo A. (2012). Servizi per l’impiego e disoccupazione nel «welfare attivo» e nei «mercati del lavoro transizionali». RDSS, p. 555 ss.
  3. Baldini M., Toso S. (2010). Come migliorare e potenziare l’Indicatore di Situazione Economica.
  4. In: Ciccarone G., Franzini M., Saltari E., a cura di, L’Italia possibile. Equità e crescita. Roma: Brioschi editore.
  5. Barbieri M. (2011). Ammortizzatori in deroga e modelli di welfare negli Accordi Stato-Regioni e Regioni-parti sociali. RGL, I, p. 379 ss.
  6. Bin R. (1992). Diritti e argomenti. Il bilanciamento degli interessi nella giurisprudenza costituzionale. Milano: Giuffrè.
  7. Bozzao P. (2011). Reddito minimo e welfare multilivello: percorsi normativi e giurisprudenziali. DLRI, p. 589 ss.
  8. Bronzini G. (2011). Il reddito di cittadinanza. Una proposta per l’Italia e per l’Europa. Torino: Edizioni Gruppo Abele.
  9. Caruso B. (2007). Occupabilità, formazione e «capability» nei modelli di regolazione dei mercati del lavoro. DLRI, p. 1 ss.
  10. Casey B.H. (2004). The OECD job Strategy and the European Employment Strategy: Two views of the Labour Market and Welfare State. EJIR, p. 329 ss.
  11. Ciccarone G., Franzini M., Saltari E., a cura di (2010). L’Italia possibile. Equità e crescita. Roma: Brioschi editore.
  12. Cinelli M. (2012). Gli ammortizzatori sociale nel disegno di riforma del mercato del lavoro. A proposito degli artt. 2-4 della legge n. 92/2012. RDSS, p. 227 ss.
  13. Ciucciovino S. (2013). Apprendimento e tutela del lavoro. Torino: Giappichelli.
  14. Curzio P., a cura di (2009). Ammortizzatori sociali. Regole, deroghe, prospettive. Bari: Cacucci.
  15. D’Antona M. (1999). Il diritto al lavoro nella Costituzione e nell’ordinamento comunitario. RGL, I, p. 15 ss.
  16. De Luca Tamajo R., Rusciano M., Zoppoli L. (2004). Mercato del lavoro. Riforma e vincoli di sistema. Napoli: Esi.
  17. Dolowitz D.P. (1997). British Employment Policy in the 1980s: Learning from the American Experience. Governance, p. 23 ss.
  18. Forlani L. (2013). Politiche del lavoro e governance nei paesi dell’Unione europea: uno sguardo d’insieme. Testo disponibile al sito: http:www.nelmerito.com, 25 gennaio 2013 (consultato il 28.6.2013).
  19. Fredriksson P., Holmlund B. (2006). Improving incentives in unemployment insurance: A review of rcent research. JES, p. 357 ss.
  20. Freedland M., Countouris N. (2005). Diritti e doveri nel rapporto tra disoccupati e servizi per l’impiego in Europa. DLRI, p. 557 ss.
  21. Garofalo D. (2005). La stato di disoccupazione tra legislazione statale e provvedimenti regionali. Adapt working papers.
  22. Gazier B., Schmid G., eds. (2002). The Dynamics of Full Employment: Social Integration through Transitional Labour Markets. Cheltenham: Edward Elgar.
  23. Giubileo F. (2011). Uno o più modelli di politiche del lavoro in Europa? I servizi al lavoro in Italia, Germania, Francia, Svezia e Regno Unito. RDSS, p. 760 ss.
  24. Gori C., Baldini M., Ciani E., Pezzana P., Sacchi S., Spano P., Trivellato U. (2010). Per un piano nazionale contro la povertà. Roma: Carocci.
  25. Gragnoli E. (2012). Gli strumenti di tutela del reddito di fronte alla crisi finanziaria. DLRI, p. 573 ss.
  26. Hepple B. (1981). «A right to work?». ILJ, p. 68 ss.
  27. Kluver et al. (2007). Active Labor Market Policies in Europe: Performance and Perspectives. Berlin: Springer.
  28. Liso F. (2002). Collocamento e agenzie private. DLRI, p. 593 ss.
  29. Liso F. (2004). Appunti sulla trasformazione del collocamento da funzione pubblica a servizio.
  30. In: De Luca Tamajo R., Rusciano M., Zoppoli L., Mercato del lavoro. Riforma e vincoli di sistema. Napoli: Edizioni scientifiche italiane.
  31. Liso F. (2006). Voce “Servizi all’impiego”. Enc. giur. Treccani. Roma: Istituto della Enciclopedia italiana.
  32. Liso F. (2008). La recente giurisprudenza della Corte costituzionale in materia di stato di disoccupazione. DRI, p. 330 ss.
  33. Liso F. (2009a). Gli ammortizzatori sociali. Percorsi evolutivi e incerte prospettive di riforma.
  34. In: Curzio P., a cura di, Ammortizzatori sociali. Regole, deroghe, prospettive. Bari: Cacucci.
  35. Liso F. (2009b). Il diritto al lavoro. DLRI, p. 139 ss.
  36. Liso F. (2013). Politiche attive e servizi per l’impiego dopo la Riforma Fornero. Relazione al seminario «Politiche attive e servizi per l’impiego», Roma, Fondazione Brodolini, 4 aprile 2013.
  37. Mancini G.F. (1975), Commento all’art. 4. In Branca G., diretto da, Principi fondamentali. Commentario della Costituzione. Bologna-Roma: Zanichelli, Il Foro italiano.
  38. Marocco M. (2009). Il ruolo dei servizi pubblici per l’impiego nella strategia di flexicurity. DRI, p. 496 ss.
  39. Mortati C. (1953). Il diritto al lavoro secondo la Costituzione della Repubblica (Natura giuridica, efficacia, garanzie). In: Atti della Commissione parlamentare d’inchiesta sulladisoccupazione. Roma: Camera dei deputati.
  40. Nogler L. (2012). Crescita economica e riforma della disciplina dei rapporti di lavoro. MGL,p. 450 ss.
  41. Paci N. (2012). La condizionalità. In: Cinelli M., Ferraro G., Mazzotta O., a cura di, Commentario alla legge n. 92/2012. Torino: Giappichelli.
  42. Pascucci P. (2012). Servizi per l’impiego, politiche attive, stato di disoccupazione e condizionalità nella legge n. 92 del 2012. RDSS, p. 453 ss.
  43. Pedrazzoli M. (2011). Assiologia del lavoro e fondamento della Repubblica: il lavoro è una «formazione sociale»? QC, p. 969 ss.
  44. Perulli A. (2013). Il lavoro autonomo tradito e il perdurante equivoco del lavoro a progetto. DRI, p. 1 ss.
  45. Pintore A. (2003). I diritti della democrazia. Bari: Laterza.
  46. Pratt J.H., Zeckhauser R.J. (1985). Principals and Agents: An Overview. In: Pratt J.H., Zeckhauser R.J., eds., Principal Agent. The structure of business. Cambridge: Cambridge University Press.
  47. Razzolini O. (2012). Piccolo imprenditore e lavoro prevalentemente personale. Torino: Giappichelli.
  48. Rehn G. (1985). Swedish Active Labour Market Policy: Retrospect and Prospect. IR, p. 62 ss.
  49. Rogowski R, ed. (2008). The European Social Model and Transitional Labour Markets: Law and Policy. Aldershot: Ashgate.
  50. Sacchi S. (2011). I nodi critici dell’attuazione di uno schema di reddito minimo in Italia: alcune proposte. DLRI, p. 247 ss.
  51. Sacchi S., Vesan P. (2011). Il cambiamento delle politiche del lavoro italiane negli ultimi venti anni: spunti interpretativi. DSLW Working paper, 4/2011.
  52. Schmid G. (1998). Transitional labour markets: a new European employment strategy. Discussion paper // Wissenschaftszentrum Berlin für Sozialforschung, For- schungsschwerpunkt: Arbeitsmarkt und Beschäftigung. Abteilung: Arbeitsmarktpolitik und Beschäftigung. No. FS I 98-206.
  53. Schmid G. (2002). Towards a Theory of Transitional Labour Markets, in Gazier B., Schmid G., eds. The Dynamics of Full Employment: Social Integration through Transitional Labour Markets. Cheltenham: Edward Elgar.
  54. Sciarra S. (2013). Flessibilità e politiche attive del lavoro. Note critiche sulla riforma Monti-Fornero. DLRI, in questo fascicolo.
  55. Spattini S. (2012a). Politiche attive e condizionalità dei sussidi: il ruolo dei servizi per l’impiego. In: Magnani M., Tiraboschi M., La nuova riforma del lavoro. Milano: Giuffrè.
  56. Spattini S. (2012b). Il funzionamento degli ammortizzatori sociali in tempo di crisi: un confronto comparato. DRI, p. 670 ss.
  57. Standing G. (2012). Precari. La nuova classe esplosiva. Bologna: il Mulino.
  58. Treu T. (2013). Le istituzioni del lavoro nell’Europa della crisi. Relazione presentata al Convegno dell’Aidlass su «La crisi e i fondamenti del diritto del lavoro» (Bologna, 16-17 maggio 2013). Testo disponibile al sito: http://www.aidlass.it/news/la-crisi-e-ifondamenti-del-diritto-del-lavoro (consultato il 10.6.2013).
  59. Varesi P.A. (2002). Regioni e politiche attive del lavoro dopo la riforma Costituzionale. LPA, suppl. al n. 1, p. 121 ss.
  60. Zoppoli L. (2012). La flexicurity dell’Unione europea: appunti per la riforma del mercato del lavoro in Italia. WP CSDLE “Massimo D’Antona”.IT – 141/2012. Testo disponibile al sito: http://csdle.lex.unict.it/docs/workingpapers/La-flexicurity-dellUnione-europea-appuntiper-la-riforma-del-mercato-del-lavoro-in-Italia-/2784.aspx (consultato il 28.6.2013).

Luisa Corazza, in "GIORNALE DI DIRITTO DEL LAVORO E DI RELAZIONI INDUSTRIALI " 139/2013, pp. 489-505, DOI:10.3280/GDL2013-139006

   

FrancoAngeli is a member of Publishers International Linking Association a not for profit orgasnization wich runs the CrossRef service, enabing links to and from online scholarly content