Clicca qui per scaricare

Straniero e devianza in Italia
Titolo Rivista: SICUREZZA E SCIENZE SOCIALI 
Autori/Curatori: Gemma Marotta 
Anno di pubblicazione:  2013 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  16 P. 36-51 Dimensione file:  575 KB
DOI:  10.3280/SISS2013-001004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


This paper examines the "immigration issue", which has taken in recent years increasing importance in Italy, especially for the uprising of social conflicts, often because of the feelings of insecurity and a false perception of immigrants as deviant, partly as a outcome of media representation. The author aims to outline, through the analysis of official statistics since 2001, the quantitative/qualitative scenario of irregular and illegal migration and aliens’ criminality according to the changes of European and Italian politics of migration control.


  1. Ballerini A. e Benna A. (2002). Il muro invisibile, immigrazione e legge Bossi-Fini. Genova: Ed. Fratelli Frilli.
  2. Barbagli M. (2002). Immigrazione e reati in Italia. Bologna: il Mulino.
  3. Calvanese E. (2011). Media e immigrazione tra stereotipi e pregiudizi. Milano: FrancoAngeli.
  4. Castells M. (1996). The Rise of the Network Society (Vol. 1 The Information Age: Economy, Society and Culture). Oxford: Blackwell.
  5. Cohen R. (1987). The New Helots: Migrants in the International Division of Labour. Aldershot: Grower.
  6. Cohen R. e Kennedy P. (2000). Global Sociology. New York: New York University Press.
  7. Colombo A. (2007). Gli immigrati nella stampa nazionale quotidiana. In: 1° Rapporto sugli immigrati in Italia, Roma: Ministero dell’Interno: 339-351.
  8. Dal Lago A. (1997). Lo straniero e il nemico. Genova: Costa & Nolan.
  9. ISTAT (2012). Rapporto Annuale 2012. La situazione del Paese. Soveria Mannelli: Rubbettino print.
  10. Kritz M.M. e Zlotnik H., eds. (1992). International Migration Systems: A Global Approach. Oxford: Clarendon Press.
  11. Marchi A. (2007). Mass media e immigrazione. Scheda informativa su www.cestimorg/08media.htm, 5 febbraio 2013.
  12. Marotta G. (1995). Immigrati: devianza e controllo sociale. Padova: Cedam.
  13. Marotta G. (1999). L’immigrazione clandestina in Italia. In: Coluccia A., a cura di, Immigrazione. Riflessioni e ricerca. Milano: Giuffrè: 3-43.
  14. Marotta G. (2003a). Detenuti stranieri in Italia: dimensioni e problematiche del multiculturalismo penitenziario. Rassegna penitenziaria e criminologia, n. 1/2: 39-109.
  15. Marotta G. (2003b). Straniero e devianza. Padova: Cedam.
  16. Marotta G. (2007). Teorie criminologiche e questione immigrazione. Sociologia, a. XL, n. 2: 59-73.
  17. Ministero dell’Interno (2007). Rapporto sulla criminalità in Italia. Analisi, Prevenzione, Contrasto. Roma: Ministero dell’Interno.
  18. Morelli M. e Ruggerini M.G. (2001). Le paure degli ‘altri’. Sicurezza e insicurezza urbana nell’esperienza migratoria. Roma: Dipartimento per gli Affari Sociali, Commissione per le politiche di integrazione, Presidenza del Consiglio dei Ministri, Working Paper n. 13.
  19. Naldi A. (2002). Mondi a parte: stranieri in carcere. In: Anastasia S., Gonnella P., a cura di, Inchiesta sulle carceri italiane. Roma: Carocci: 33-52.
  20. Osservatorio europeo sulla sicurezza a cura (2013). Tutte le insicurezze degli italiani. www.vita.it/static/…/tutte-le-insicurezze-degli-italiani-rapporto-2012, 5 febbraio 2013.
  21. Palidda S. (2001). Devianza e vittimizzazione tra i migranti. Milano: Fondazione Cariplo-ISMU.
  22. Ramacci F. e Spangher G. a cura di (2010). Il sistema della sicurezza pubblica. Milano: Giuffrè.
  23. Terracciano U. e Lupo O. (2011). Codice degli stranieri commentato. Rimini: Maggioli.



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Gemma Marotta, in "SICUREZZA E SCIENZE SOCIALI" 1/2013, pp. 36-51, DOI:10.3280/SISS2013-001004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche