Clicca qui per scaricare

La pubblica amministrazione in Italia: origini, sviluppi, riforme
Titolo Rivista: RIVISTA TRIMESTRALE DI SCIENZA DELL’AMMINISTRAZIONE 
Autori/Curatori: Erica Antonini 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  28 P. 23-50 Dimensione file:  995 KB
DOI:  10.3280/SA2014-001002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Intento di queste note è ripercorrere le origini e i successivi sviluppi del processo di strutturazione della Pubblica Amministrazione in Italia, con particolare riferimento alle più recenti fasi di riforma, che a partire dai primi anni ’80, hanno caratterizzato, in linea con quanto accadeva nel più ampio contesto internazionale65, il tentativo di sostituire progressivamente i principi della gerarchia e dell’accentramento, propri del tradizionale modello burocratico weberiano, con quelli della delega e del trasferimento di competenze. Tra le innovazioni più rilevanti figurano: l’istituzione delle agenzie esecutive, come unità funzionalmente autonome rispetto ai ministeri e strutturate secondo criteri di tipo reticolare; l’incremento dell’autonomia organizzativa e finanziaria dei dirigenti; l’estensione, in materia di gestione del personale, dei margini di applicazione della contrattazione collettiva e l’introduzione di numerose deroghe al principio della stabilità del posto di lavoro; la diffusione di nuovi strumenti e parametri per il controllo dell’efficacia e dell’economicità della prestazione amministrativa, per la valutazione dei risultati e per il miglioramento della qualità dei servizi erogati. Da ciò emerge il tentativo di ridurre le distanze fra settore pubblico e settore privato, sulla base della convinzione secondo cui quest’ultimo rappresenti un riferimento imprescindibile per incrementare l’efficienza del primo. A ben vedere, si tratta di un processo che comporta sia progressi sia criticità, come emerge dalle riflessioni qui esposte in riferimento al caso italiano.


Keywords: Pubblica Amministrazione, processi di riforma, valutazione

  1. Antonini E. (2010). Percorsi di riforma nella Pubblica Amministrazione: un’analisi comparata. Rivista Trimestrale di Scienza dell’Amministrazione, 3: 73-99.
  2. Cammelli M. (2004). La pubblica amministrazione. Bologna: il Mulino.
  3. Capano G. (2000). Le politiche amministrative: dall’improbabile riforma alla riforma permanente?. In: G. Di Palma, S. Fabbrini, G. Freddi, Condannata al successo? L’Italia nell’Europa integrata. Bologna: il Mulino.
  4. Capano G., Gualmini E., a cura di (2006). La pubblica amministrazione in Italia. Bologna: il Mulino.
  5. Cassese S. (1984). Il sistema amministrativo italiano. Bologna: il Mulino.
  6. Cassese S. (1996). Le privatizzazioni in Italia. Stato e Mercato, 47: 323-350.
  7. Cassese S. (2007). L’ideale di una buona amministrazione. Il principio del merito e la stabilità degli impiegati. Napoli: Editoriale Scientifica.
  8. Cassese S., Franchini C. (1994). L’amministrazione pubblica italiana. Un profilo. Bologna: il Mulino.
  9. Chiarini R. (2000). Assetti politici e burocrazie: il rapporto tra esecutivo e amministrazione centrale. Quaderni di Scienza Politica, 3: 418-447.
  10. Copeland C.W. (2011). Cost-Benefit and Other Analysis Requirements in the Rulemaking. Congressional Research Service. CRS Report for Congress (www.crs.gov).
  11. D’Alberti M. (1994). Studi su Gran Bretagna, Stati Uniti d’America, Spagna, Francia e Italia. Bologna: il Mulino.
  12. De Forges J.M. (1994). Gli alti funzionari pubblici in Francia e il ruolo dell’ENA. In: M. D’Alberti (a cura di). L’alta burocrazia. Bologna: il Mulino.
  13. Fedele F. (1998). Come cambiano le amministrazioni pubbliche. Roma-Bari: Laterza.
  14. Franzon F., Godetti G., La Rosa M. (a cura di) (1995). La pubblica amministrazione tra privatizzazione ed innovazioni organizzative. Milano: FrancoAngeli.
  15. Girotti F. (2007). Le amministrazioni pubbliche. Storia e modelli. Roma: Carocci.
  16. Gualmini E. (2003). L’amministrazione nelle democrazie contemporanee. Roma-Bari: Laterza.
  17. Guy Peters B. (1995). The Politics of Bureaucracy. New York: Longman (trad. it.: La pubblica amministrazione. Un’analisi comparata. Bologna: il Mulino, 1999).
  18. Heady F. (1990). La pubblica amministrazione. Prospettive di analisi comparata. Bologna: il Mulino.
  19. Isernia P. (1995). Fra politica e burocrazia: modelli e variabili. In: G. D’Auria, P. Bellucci (a cura di), Politici e burocrati al governo dell’amministrazione. Bologna: il Mulino.
  20. Manocchio F. (2001). Considerazioni sulle agenzie amministrative tra modello statale e prospettive regionali. Le Istituzioni del Federalismo, 3, 54: 675-706.
  21. Melis G. (1998). La burocrazia. Bologna: il Mulino.
  22. Mény Y., Wright V. (a cura di) (1994). La riforma amministrativa in Europa. Bologna: il Mulino.
  23. Merloni F. (2006). Dirigenza pubblica e amministrazione imparziale. Il modello italiano in Europa. Bologna: il Mulino.
  24. Ministero per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione (2011). Relazione al Parlamento sullo stato della Pubblica Amministrazione 2010-2011 (www.innovazionespa.it)
  25. OECD (2010). Modernising the Public Administration. A Study on Italy. Paris.
  26. OECD (2011). Government at a Glance 2011. Country Note Italy. Paris, 24 giugno.
  27. Olsen J.P., Peters B.G. (1996). Lessons from Experience: Experiential Learning in Administrative Reforms in Eight Democracies. Oslo: Scandinavian University Press.
  28. Petroni A.M. (2013). Le riforme della pubblica amministrazione in Italia: una valutazione. Giornale di Diritto Amministrativo, 5: 537-547.
  29. Sciullo G. (2000). Alla ricerca del centro. Le trasformazioni in atto nell’amministrazione statale italiana. Bologna: il Mulino.
  30. Sepe S. et al. (2003). Lineamenti di storia dell’amministrazione italiana (1861-2002). Roma: Carocci.

Erica Antonini, in "RIVISTA TRIMESTRALE DI SCIENZA DELL’AMMINISTRAZIONE" 1/2014, pp. 23-50, DOI:10.3280/SA2014-001002

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche