Clicca qui per scaricare

Massima occupazione. Il ministero del Lavoro e della previdenza sociale nell’Italia da ricostruire 1945-1950
Titolo Rivista: ITALIA CONTEMPORANEA 
Autori/Curatori: Michele Colucci 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: 274 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  32 P. 42-73 Dimensione file:  657 KB
DOI:  10.3280/IC2014-274002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il ministero del Lavoro e della previdenza sociale assume una particolare rilevanza nella ricostruzione postbellica perché le questioni del lavoro e della disoccupazione sono un terreno di conflitto e di dibattito molto acceso e sentito sia per le forze politiche e sociali sia per l’opinione pubblica. Dal punto di vista della transizione tra fascismo e Italia repubblicana, il ministero si presenta come un interessante laboratorio per analizzare i fattori di continuità e di rottura con il vecchio regime. Abolito dal fascismo nel 1923, esso rinasce con il governo Parri, costituendo un elemento di novità importante nel delicato passaggio in cui le forze della Resistenza assumono la responsabilità di governo. Fino alla rottura dell’unità delle forze antifasciste, nel maggio 1947, il ministero è guidato da socialisti, poi, fino al 1950, dal democristiano Amintore Fanfani; nell’amministrazione mantengono però un ruolo di primo piano i dirigenti del ministero delle Corporazioni. Nel saggio è tratteggiata la storia politica del ministero tra il 1945 e il 1950, la sua organizzazione interna, le competenze che esso via via assume e la significativa azione delle sue articolazioni territoriali: gli uffici del lavoro e gli ispettorati del lavoro, riorganizzati in ogni provincia.


Keywords: Fascismo, Italia repubblicana, continuità-rottura, ricostruzione, ministero del Lavoro e della previdenza sociale, ministero delle Corporazioni

  1. Enzo Bartocci, Il modello italiano di protezione sociale da Crispi e De Gsperi, “Economia e lavoro”, 2005, n. 3., DOI: 10.1400/5357
  2. Michele Colucci, Organizzare l’emigrazione. Il nuovo ruolo del Ministero del lavoro e della previdenza sociale (1945-57), “Le Carte e la storia”, 2008, n. 1., DOI: 10.1411/2717
  3. Dora Marucco, Alle origini del Ministero del lavoro e della previdenza sociale in Italia, “Le carte e la storia”, 2008, n. 1., DOI: 10.1411/2717
  4. David Mugnai, La critica italiana al piano Beveridge, “Economia e lavoro”, 2005, n. 3., DOI: 10.1400/5357
  5. Pia Quinzio, Un ferroviere nel governo Parri: Gaetano Barbareschi a quarant’anni della scomparsa, “Storia e problemi contemporanei”, 2003, n. 34., DOI: 10.1400/5387



  1. Combined Bibliograhy in Journal of Modern Italian Studies /2017 pp. 167, DOI: 10.1080/1354571X.2017.1286105
  2. Manfredi Alberti, Italian welfare as seen from the standpoint of the International Labour Organization (1944–68) in Journal of Modern Italian Studies /2017 pp. 194, DOI: 10.1080/1354571X.2017.1286100

Michele Colucci, in "ITALIA CONTEMPORANEA" 274/2014, pp. 42-73, DOI:10.3280/IC2014-274002

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche