Clicca qui per scaricare

Struttura sociale e cultura della povertà: per un approccio contestualista
Titolo Rivista: SOCIOLOGIA URBANA E RURALE 
Autori/Curatori:  Marco Castrignanò 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: 103 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  10 P. 15-24 Dimensione file:  633 KB
DOI:  10.3280/SUR2014-103002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo sottolinea l’importanza di integrare struttura e cultura nelle riflessioni intorno alla cultura della povertà. Ciò è possibile, secondo l’autore, se si tiene presente che le recenti acquisizioni in tema di cultura della povertà costituiscono un passo in avanti nel dibattito su povertà e neighborhood effects. In questa direzione il passaggio dal modello delle subculture a quello dell’eterogeneità culturale costituisce un valore aggiunto negli studi sugli effetti di quartiere se valorizza l’imprescindibile importanza del contesto evitando i pericoli di una decontestualizzazione culturalista. Nello stesso tempo il modello dell’eterogeneità culturale, volto a cogliere i meccanismi e le condizioni in cui agisce il neighborhood effect, consente di evitare i rischi di una tipizzazione strutturalista (universalistica), da un lato, e di una rappresentazione folclorica dall’altro, dei quartieri poveri.


Keywords: Struttura, cultura, contesto, eterogeneità, approccio condizionale, effetto quartiere

  1. Bourdieu P. (1983). La distinzione. Critica sociale del gusto. Bologna: il Mulino.
  2. Castel R. (2006). La discrimination negative. Le deficit de citoyenneté des jeunes de banlieue. Annales-HSS, IV
  3. Castrignanò M. (2012). Comunità, capitale sociale, quartiere. Milano: FrancoAngeli.
  4. De Angelis R. (2010). Gente di torri, ponti e serpentoni. In Sgritta G.B. (a cura di). Dentro la crisi. Povertà e processi di impoverimento in tre aree metropolitane. Milano: FrancoAngeli.
  5. Hannerz U. (1969). Soulside: Inquiries into Ghetto Culture and Community. New York: Columbia University Press. Harding D.J., Lamont M., Small M.L. (2010). (eds.). Reconsidering Culture and Poverty.
  6. The Annals of the American Academy of Political and Social Science, 629.
  7. Lagrange H. (2010). Le déni des cultures. Paris: Edition du Seuil.
  8. Manella G. (2013). Chicago e gli studi urbani. L’attualità della Scuola Ecologica. Milano: FrancoAngeli.
  9. Marques E.C.L. (2012). Opportunities and Deprivation in the Urban South. Poverty, Segregation and Social Networks in Sao Paulo. London: Ashgate.
  10. Sampson R.J. (2012). Great American City. Chicago: University of Chicago Press.
  11. Small M.L. (2009). How Many Cases Do I Need? On Science and the Logic of Case Selection in Field-based Research. Ethnography, 10., 10.1177/146613810809958DOI: 10.1177/146613810809958
  12. Small M.L. (2011a). Villa Victoria. Povertà e capital sociale in un quartiere di Boston. Milano: FrancoAngeli.
  13. Small M.L. (2011b). How to conduct a Mixed Method Study. Recent Trends in a Rapidly Growing Literature. Annual Review of Sociology, 37., 10.1146/annurev.soc.012809.10265DOI: 10.1146/annurev.soc.012809.10265
  14. Wilson W.J. (2009). More Than Just Race: Being Black and Poor in the Inner City. New York: W.W. Norton & Company Inc.
  15. Wilson W.J. (2010). Why Both Social Structure and Culture Matter in a Holistic Analysis of Inner City Poverty. In Harding D. J., Lamont M., Small M.L. (eds.). Reconsidering Culture and Poverty. The Annals of the American Academy of Political and Social Science, 629.



  1. Livia Bruscaglioni, Pratiche di diversità quotidiana. Relazioni e spazi urbani nel quartiere pratese di San Paolo in SOCIOLOGIA URBANA E RURALE 117/2019 pp. 117, DOI: 10.3280/SUR2018-117007
  2. Stefania Ferraro, La configurazione spaziale delle politiche sociali in alcune aree del disagio napoletano in SOCIOLOGIA URBANA E RURALE 111/2017 pp. 117, DOI: 10.3280/SUR2016-111008

Marco Castrignanò, in "SOCIOLOGIA URBANA E RURALE" 103/2014, pp. 15-24, DOI:10.3280/SUR2014-103002

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche