Esperienza intersoggettiva e sviluppo della mente

Titolo Rivista: RIVISTA DI PSICOTERAPIA RELAZIONALE
Autori/Curatori: Chiara Angiolari, Adriana De Francisci
Anno di pubblicazione: 2014 Fascicolo: 39 Lingua: Italiano
Numero pagine: 16 P. 25-40 Dimensione file: 74 KB
DOI: 10.3280/PR2014-039002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Considerando che il modello relazionale sistemico è sempre stato considerato carente per quanto riguarda una teoria dello sviluppo, le Autrici esaminano parte dei contributi del’Infant Research, e in particolare di Louis Sander e Daniel Stern, per evidenziare la coerenza tra i concetti sistemici applicati in campo evolutivo e il modello relazionale sistemico. Partendo dalla centralità della relazione e dall’importanza di una matrice intersoggettiva per lo sviluppo dell’individuo, vengono esaminati i processi fondamentali di adattamento che consentono la sopravvivenza del bambino e l’organizzazione della mente nell’interazione con il care-giver. In particolare sono descritti i tre principi salienti che regolano la formazione di aspettative su come procede la relazione e la costruzione di strategie adattive: la regolazione attesa, rottura e riparazione, i momenti emotivi intensi. Infine viene proposta l’analisi degli isomorfismi tra processo di sviluppo e processo terapeutico come studio fondamentale per aumentare la comprensione e l’efficacia del lavoro terapeutico.

  1. Tronick E.Z. (2008). Gli stati affettivi prolungati del bambino e la cronicità dei sintomi depressivi. La co-creazione di modi specifici di stare insieme “nel bene e nel male” (I e II). In: Carli L., Rodini C., a cura di, Le forme di intersoggettività: l’implicito e l’esplicito nelle relazioni interpersonali. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  2. Von Bertalanffy L. (1952). Problems of life. New York: Harper.
  3. Von Bertalanffy L. (1968). Teoria generale dei sistemi. Fondamenti, sviluppo, applicazioni. Milano: ILI.
  4. Weinberg M.K.., Tronick E.Z. (1994). Beyond the face: an empirical study of infant affective configuration of facial, vocal, gestural, and regulatory behaviors. Child Development, 65, pp. 1503-1515.
  5. Weinberg M.K., Tronick E.Z. (1997). Maternal depression and infant maladjust- ment: a failure of mutual regulation. In: Noshpitz J., a cura di, The Handbook of Child and Adolescent Psychiatry. New York: Wiley and Sons.
  6. Weiss P. (1970). Whither life science?. In American Scientist, 58, pp. 156-163.
  7. Winnicott D.W. (1970). Sviluppo affettivo e ambiente. Roma: Armando Editore.
  8. Winnicott D.W. (1994). Colloqui terapeutici con i bambini: interpretazioni di 300 scarabocchi. Roma: Armando Editore.
  9. Beebe B., Lachmann F. (1994). Representation and internalization in infancy: three principles of salience. Psychoanalitic Psychology, 11, pp. 127-165.
  10. Boston Change Process Study Group (2012). Il cambiamento in psicoterapia. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  11. Carli L., Rodini C., a cura di (2008). Le forme di intersoggettività: l’implicito e l’esplicito nelle relazioni interpersonali. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  12. Edelman G.M. (1995). Darwinismo neuronale. La teoria della selezione dei gruppi neuronali. Torino: Einaudi Editore.
  13. Fivaz-Depeuringe E., Corboz-Warnery A. (2000). Il triangolo primario: le prime interazioni triadiche tra padre, madre e bambino. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  14. Fogel A., Lyra M.C.D.P. (1997). Dynamics of development in relationship. In
  15. Masterpasqua F., Perna P.A., The Psychological Meaning of Chaos: Translating Theory into Practice. Washington, D.C.: APA Press (trad. it. In: Carli L., Rodini C., a cura di, Le forme di intersoggettività: l’implicito e l’esplicito nelle relazioni interpersonali. Milano: Raffaello Cortina Editore, 2008).
  16. Loriedo C. (2012). La capacità negoziale nella famiglia. Da strumento di valutazione dell’interazione familiare a intervento terapeutico complesso. Roma: Seminario di Apertura dell’Anno Accademico dell’IIPR.
  17. Rizzolatti G., Sinigaglia C. (2006). So quel che fai. Il cervello che agisce e i neuroni specchio. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  18. Sameroff A.J. (1983). Developmental systems: Context and evolution. In: Kessen W., Mussen’s Handbook of Child Psychology, vol. 1. New York: John Wiley.
  19. Sameroff A.J., Emde R.N. (1991). Disturbi delle relazioni nella prima infanzia. Torino: Bollati Boringhieri.
  20. Sander L. W. (1964). Adaptive relationship in early mother-child interaction. Journal of the American Academy of Child Psychiatry, 3, pp. 231-264.
  21. Sander L.W. (1975). Infant and caretaking environment: investigation and conceptualization of adaptive behavior in a system of increasing complexity. In: Anthony, E.J., ed. Explorations in Child Psychiatry. New York: Plenum Press, pp. 129-166 (trad. it. In: Sander, L. W. Sistemi viventi. Milano: Raffaello Cortina Editore, 2007).
  22. Sander L.W. (1977). The regulation of exchange in the infant-caretaker system and some aspect of the context-content relationship. In: Lewis M., Rosenblum L., eds. Interaction, Conversation, and the Development of Language. New York: John Wiley.
  23. Sander L.W. (1983). Polarity, paradox and the organisational process in development. In: Call J.D., Galenson E., Tyson R., eds., Frontiers of Infant Psychiatry. New York: Basic Book.
  24. Sander L.W. (1991). Recognition process: Specificity and organization in early human development. Relazione presentata alla Conferenza The Psychic Life of the Infant. Amherst: Università del Massachusetts.
  25. Sander L.W. (1997). Paradox and resolution: from the beginning. In: Noshpitz J.D., ed., Handbook of Child and Adolescent Psychiatry. New York: Wiley and Sons. trad. it. In: Sander L. W. (2007). Sistemi viventi. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  26. Sander L.W. (2005). Pensare differentemente. Per una concettualizzazione dei processi di base dei sistemi viventi. La specificità del riconoscimento. Ricerca psicoanalitica, XVI, 3, pp. 267-300.
  27. Sander L. W. (2007). Sistemi viventi. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  28. Stern D.N. (1987). Il mondo interpersonale del bambino. Torino: Bollati Boringhieri.
  29. Stern D.N. (1995). La costellazione materna. Il trattamento psicoterapeutico della coppia madre-bambino. Torino: Bollati Boringhieri.
  30. Stern D.N. (2005). Il momento presente. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  31. Trevarthen C. (1998). The concept and foundations of infant intersubjectivity. In: Braten S., ed., Intersubjective communication and emotion in early ontogeny. Cambridge: Cambridge University Press.
  32. Tronick E.Z., Cohn J. (1989). Infant-mother face-to-face interaction: Age and gender differences in coordination and the occurence of miscoordination. Child Development, 60, pp. 85-92.
  33. Tronick E.Z. (1999). Le emozioni e la comunicazione affettiva nel bambino. In: Riva Crugnola, C., a cura di, La comunicazione affettiva tra il bambino e i suoi partner. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  34. Tronick E.Z. (2006). The still-face: Infants and toddlers, stress and physiologic reactivity. Seminari del Dipartimento di Psicologia. Milano: Università di Milano-Bicocca.

Chiara Angiolari, Adriana De Francisci, Esperienza intersoggettiva e sviluppo della mente in "RIVISTA DI PSICOTERAPIA RELAZIONALE " 39/2014, pp 25-40, DOI: 10.3280/PR2014-039002