La nuova politica di sviluppo rurale dell’Unione Europea

Titolo Rivista: ARGOMENTI
Autori/Curatori: Franco Sotte
Anno di pubblicazione: 2014 Fascicolo: 41 Lingua: Italiano
Numero pagine: 20 P. 23-42 Dimensione file: 145 KB
DOI: 10.3280/ARG2014-041002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Questo articolo analizza la politica di sviluppo rurale per il periodo di programmazione 2014-2020. In particolare, esso presenta innanzitutto i suoi nuovi obiettivi e le sue priorità, e si sofferma ad analizzare il menu delle nuove misure previste nel Regolamento n. 1305/2013. La politica di sviluppo rurale si sviluppa in Italia attraverso 21 Programmi di sviluppo rurale regionali ed un programma nazionale trasversale relativo ad alcune misure a gestione centrale. Il paper si sofferma in particolare sulle novità introdotte nella nuova programmazione europea dello sviluppo rurale, con particolare riferimento all’integrazione con le altre politiche strutturali dell’Unione, alle misure adottate per assicurare all’intervento maggiore finalizzazione ed efficienza, al networking per l’integrazione tra politiche territoriali, l’innovazione attraverso la diffusione della conoscenza, la partecipazione a livello regionale e locale.

  1. Camaioni B., Esposti R., Lobianco A., Pagliacci F., Sotte F. (2013). How rural is the EU RDP? An analysis through spatial funds allocation. WWWforEurope, Bio-based and Applied Economics, Vol. 2 No. 3.
  2. Commissione Europea (2012). “Position Paper” dei Servizi della Commissione sulla preparazione dell’Accordo di Partenariato e dei Programmi in Italia per il periodo 2014-2020. Rif. Ares (2012) 1326063 - 09/11/2012.
  3. De Filippis F. (a cura) (2014). La PAC 2014-2020. Le decisioni dell’Ue e le scelte nazionali. Gruppo 2013. Edizioni Tellus. Roma.
  4. De Filippis F., Sandali P. (a cura) (2013). La nuova Pac - Un’analisi dell’accordo del 26 giugno 2013. Working Paper del Gruppo 2013, n. 21 Agosto.
  5. De Filippis (a cura) (2014). La PAC 2014-2020. Le decisioni dell’Ue e le scelte nazionali, Gruppo 2013. Edizioni Tellus. Roma.
  6. Dipartimento Politiche per lo Sviluppo e la Coesione Economica (DPS), Ministero dello Sviluppo Economico (2013). Accordo di Partenariato 2014-2020 – Italia. Roma, 18 aprile.
  7. Pupo D’Andrea M.R. (2014). Le scelte italiane di applicazione del I pilastro della PAC 2014-2020. Agriregionieuropa, n.38. Associazione “Alessandro Bartola”, Ancona.
  8. Sotte F. (a cura) (2009). La politica di sviluppo rurale 2007-2013. Un primo bilancio per l’Italia. Quaderni del Gruppo 2013. Edizioni Tellus. Roma.
  9. Sotte F., Ripanti R. (2008). I Psr 2007-2013 delle Regioni italiane. Una lettura quali-quantitativa. Working Paper del Gruppo 2013, n. 6 Aprile.
  10. Sotte F. (2014). La geografia della nuova PAC in Italia. Agriregionieuropa, n.38, Associazione “Alessandro Bartola”, Ancona.

Franco Sotte, La nuova politica di sviluppo rurale dell’Unione Europea in "ARGOMENTI" 41/2014, pp 23-42, DOI: 10.3280/ARG2014-041002