Clicca qui per scaricare

L’emigrazione italiana nell’Africa mediterranea 1876-1914
Titolo Rivista: ITALIA CONTEMPORANEA 
Autori/Curatori: Francesca Fauri 
Anno di pubblicazione:  2015 Fascicolo: 277  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  29 P. 34-62 Dimensione file:  242 KB
DOI:  10.3280/IC2015-277002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il saggio intende, da un lato, presentare una sintesi della letteratura relativa all’emigrazione italiana verso l’Africa mediterranea e, dall’altro, dare un contributo originale a livello quantitativo dei flussi migratori dalle province e dalle regioni italiane verso la Tunisia, l’Egitto e l’Algeria, le principali mete dell’emigrazione italiana in Africa. Perché gli italiani erano attratti in particolare dai paesi dell’Africa mediterranea? Le risposte possono essere rinvenute sia nella lunga storia delle relazioni tra ciascuno di questi tre paesi e l’Italia sia nelle opportunità economiche che essi offrivano. In termini economici, tra le ragioni della forza di attrazione dell’Africa vanno ricordate le seguenti: il modesto costo del viaggio, la distanza accettabile dai porti meridionali italiani, maggiori e migliori opportunità di lavoro in vari settori - sicuramente l’apertura di importanti cantieri di lavori pubblici fu un fattore chiave in tutti e tre i casi - e, da ultimo, non certo meno importante, la possibilità di diventare piccoli proprietari terrieri, specialmente in Tunisia.


Keywords: Emigrazione italiana, motivazioni economiche, Africa mediterranea, Tunisia, Egitto, Algeria



  1. Francesca Fauri, Donatella Strangio, The economic bases of migration from Italy: the distinct cases of Tunisia and Libya (1880s–1960s) in The Journal of North African Studies /2020 pp. 447, DOI: 10.1080/13629387.2019.1608188

Francesca Fauri, in "ITALIA CONTEMPORANEA" 277/2015, pp. 34-62, DOI:10.3280/IC2015-277002

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche