Clicca qui per scaricare

Il DOC e i disturbi correlati alla luce del DSM 5. Un approfondimento sul Disturbo da Accumulo
Titolo Rivista: IPNOSI 
Autori/Curatori: Marina Duro 
Anno di pubblicazione:  2015 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  12 P. 55-66 Dimensione file:  54 KB
DOI:  10.3280/IPN2015-001004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


The DSM-5 has introduced new important changes in the diagnosis and categorization of Obsessive-Compulsive and Related Disorders. The paper shows the main changes in this diagnostic class with particular regard to Obsessive- Compulsive Disorder and Hoarding Disorder; the aim of this work is to focus on the effectiveness of ericksonian hypnotic approach in disorders like Hording Disorder which are still not deeply esplored. Due to the inseparable mind-body relation, the modified state of counsciousness extends its effectiveness even to other disorders comorbid with OCD, for example by attenuating symptoms not only belonging to free anxiety as seen in the present case report.

Il DSM-5 ha introdotto sostanziali modifiche nella diagnosi e nella categorizzazione del Disturbo Ossessivo-Compulsivo (DOC) e dei disturbi correlati. Nell’articolo sono state riportate tali modifiche con particolare riferimento al disturbo principale e al Disturbo da Accumulo, con il proposito di richiamare l’attenzione sulla possibile efficacia dell’approccio ipnotico ericksoniano anche in disturbi ancora poco esplorati come l’hoarding disorder. Lo stato modificato di coscienza, per effetto dell’inscindibile rapporto mentecorpo, estende la sua efficacia anche ad altre patologie in comorbità con il disturbo principale, ad esempio attenuando i sintomi, e non solo, dell’ansia libera come nel caso clinico presentato.
Keywords: Spettro ossessivo-compulsivo, disturbo da accumulo, ipnosi, ansia, psicosi.

  1. American Psychiatric Association DSM-5 Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (2014). Milano: Raffaello Cortina.
  2. Blundo C. (2011). Neuroscienze cliniche del comportamento. Milano: Elsevier.
  3. Del Castello E., Loriedo C. (1995). Tecniche dirette ed indirette in ipnosi e psicoterapia.
  4. Milano: Franco Angeli. Ducci G. (2013). “Ipnosi e neuroscienze: un minimo comune denominatore per la psicoterapia?”. Paestum: II Congresso SIIPE (testo non pubblicato).
  5. Faravelli C. (2010). Psicofarmacologia per Psicologi. Bologna: Il Mulino.
  6. Frost R.O., Steketee G. (2012). Tengo tutto. Perché non si riesce a buttare via niente. Trento: Erickson.
  7. Giberti F., Rossi R. (2007). Manuale di Psichiatria. Padova: Piccinin.
  8. Hellenberger H.F. (1976). La scoperta dell’inconscio. Torino: Universale Bollati Boringhieri.
  9. Janet P. (1903). Les obsessions et la Psichastenie. Parigi: Alcan.
  10. Marks I.M., Lelliot P.P., Basoglu M., Noshirvani H., Monteiro W., Cohen D., Kasvikis Y. (1988). Clomipramine, self-exposure and therapist-aided exposure for obsessive-compulsive rituals. British Journal of Psychiatry, 152:522-534., DOI: 10.1192/bjp.152.4.522
  11. Rizzolatti G., Vozza L. (2008). Nella mente degli altri. Bologna: Zanichelli.
  12. Tamarin G.R. (1977). Some formal logical and social specicities of the obsessive and paranoid life style and though organization. Isr Ann Psychiatry Relate Disciplines, 15(1): 1-11.
  13. Yaryura J.A., Neziroglu F.A. (2001). Lo spettro dei Disturbi Ossessivo-Compulsivi. Torino: Centro Scientifico Editore.



  1. Yassin M'Boge, The Council and the Court: Shared Objectives or Opposing Views on the Crime of Aggression in SSRN Electronic Journal /2010 pp. , DOI: 10.2139/ssrn.1641142

Marina Duro, in "IPNOSI" 1/2015, pp. 55-66, DOI:10.3280/IPN2015-001004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche