Clicca qui per scaricare

Definire e programmare le Cure Intermedie nella filiera dei servizi per la fragilità e gli anziani: metodi ed evidenze dal caso della Regione Emilia-Romagna
Titolo Rivista: MECOSAN 
Autori/Curatori: Maria Pia Fantini, Giulia Pieri, Simona Rosa, Bianca Caruso, Andrea Rossi, Davide Pianori, Francesco Longo 
Anno di pubblicazione:  2015 Fascicolo: 93 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  23 P. 75-97 Dimensione file:  1413 KB
DOI:  10.3280/MESA2015-023005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Si stanno sviluppando a livello internazionale modelli di organizzazione dei servizi cosiddetti di "cure intermedie", per rispondere ai bisogni emergenti rappresentati da invecchiamento, aumento di patologie croniche, multimorbosita e fragilita, per evitare ospedalizzazioni inappropriate e ritardare l’istituzionalizzazione di lungo periodo. Obiettivo dello studio e esaminare il caso di studio della Regione Emilia- Romagna (RER) per meglio definire il ruolo di questi servizi "intermedi" nella filiera della long term care per gli anziani. Sono quindi valutate le dotazioni infrastrutturali e l’utilizzo dei servizi nelle diverse aziende della RER per evidenziare variabilita infra-regionali, principali spill over tra setting assistenziali, aree potenziali di inappropriatezza e gap di servizi. A partire dalle evidenze emerse, vengono proposte suggestioni per un nuovo framework di rappresentazione e pianificazione delle cure intermedie e della filiera in cui collocarle.


Keywords: Cure intermedie, fragilita, anziani, post-acuzie, assistenza socio-sanitaria, assistenza domiciliare.

  1. Annicchiarico N., Colombo M., Protonotari A. (2012). La rete della post-acuzie: un sistema di continuita di cure ospedale-territorio dell’area bolognese. Mecosan Management ed economia sanitaria, 84: 63-78.
  2. Compagni A., Tediosi F., Tozzi V.D. (2010). L’integrazione tra ospedale e territorio nelle Aziende Sanitarie. In Cantu E. (a cura di). Rapporto OASI 2010: L’aziendalizzazione della sanità in Italia. Milano: Egea.
  3. Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano, Piano d’indirizzo per la riabilitazione (rep. Atti n. 30/csr del 10 febbraio 2011). Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Provincie Autonome di Trento e Bolzano, Patto per la Salute per gli anni 2014-2016. Intesa sancita il 10 luglio 2014.
  4. Fantini M.P., Borgonovi E., Maciocco G., Pieri G., Longo F. (2013). La ricerca di modelli clinici e organizzativi capaci di coniugare personalizzazione e ingegnerizzazione delle cure. Mecosan Management ed economia sanitaria, 87: 3-8.
  5. Fosti G., Larenza O., Longo F., Rotolo A. (2013a). Sistemi sociali e sociosanitari a confronto: convergenze e divergenze tra modelli regionali. In Rapporto OASI 2013. Milano: Egea.
  6. Fosti G., Larenza O., Longo F., Rotolo A. (2013b). Governare la domanda di servizi socio-sanitari: evidenze dalla Regione Emilia-Romagna. Mecosan Management ed economia sanitaria, 88: 9-24.
  7. Lenzi J., Mongardi M., Rucci P., Di Ruscio E., Vizioli M., Randazzo C., Toschi E., Carradori T., Fantini M.P. (2014). Sociodemographic, clinical and organizational factors associated with delayed hospital discharges: a cross-sectional study. BMC Health Service Research, 2014, 14: 128., DOI: 10.1186/1472-6963-14-128
  8. Ministero della Salute, Bozza Decreto “Regolamento recante: “Definizione degli standard qualitativi, strutturali, tecnologici e quantitativi relativi all’assistenza ospedaliera, in attuazione dell’articolo 1, comma 169, della legge 30 dicembre 2004, n. 311” e dell’articolo 15, comma 13, lettera c), del decretolegge 6 luglio 2012, n. 95 convertito, con modificazioni dalla legge 7 agosto 2012, n. 135”.
  9. Mirza Z. (2013). Intermediate Care Project. Report to South Kent Coast Health and Well Being Board. South Kent Coast, Clinical Commissioning Group: NHS.
  10. Mongardi M., Lenzi J., Di Ruscio E., Rucci P., Vizioli M., Randazzo C., Toschi E., Carradori T., Fantini M.P. (2013). Il fenomeno delle dimissioni ospedaliere ritardate nella Regione Emilia-Romagna. Mecosan Management ed economia sanitaria, 86: 73-86.
  11. NHS Benchmarking Network (2013). National Audit of Intermediate Care. Report 2013.
  12. Pearson M., Hunt H., Cooper C., Shepperd S., Pawson R., Anderson R. (2013). Intermediate care: a realist review and conceptual framework. Final report. NIHR Service Delivery and Organization program. Regione Emilia-Romagna. DGR n. 1455/1997.
  13. “Direttiva per i criteri di organizzazione e finanziamento della funzione di lungodegenza post-acuzie e riabilitazione estensiva nell’ambito della rimodulazione dell’assistenza ospedaliera nelle aziende sanitarie della Regione Emilia-Romagna”. Regione Emilia-Romagna. DGR 124/1999. Criteri per la riorganizzazione delle cure domiciliari. Regione Emilia-Romagna. DGR 1378/1999.
  14. Direttiva per l’integrazione di prestazioni sociali e sanitarie ed a rilievo sanitario a favore di anziani non auto-sufficienti assistiti nei servizi integrati socio-sanitari di cui all’art. 20 DELLA LR N. 5/94. Regione Emilia-Romagna. Circolare n.9 del 31/05/2002. Specifiche per il sistema informativo e rilevazione dell’attivita di assistenza domiciliare sanitaria e socio-assistenziale (SI-ADI). Regione Emilia-Romagna. Legge Regionale 23 dicembre 2004, n. 27. “Legge finanziaria regionale adottata a norma dell’articolo 40 della Legge Regionale 15 novembre 2001, n. 40 in coincidenza con l’approvazione del bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna per l’esercizio finanziario 2005 e del bilancio pluriennale 2005-2007”. Regione Emilia-Romagna. DGR 509/2007.
  15. “Fondo Regionale per la Non Autosufficienza – Programma per l’avvio nel 2007 e per lo sviluppo nel triennio 2007-2009”.
  16. Regione Emilia-Romagna. DGR 1206/2007. Fondo Regionale Non Autosufficienza. Indirizzi
  17. attuativi della Deliberazione G.R. 509/2007. Regione Emilia-Romagna. DGR 514/2009.
  18. “Primo provvedimento della Giunta regionale attuativo dell’art. 23 della L.R. 4/08 in materia di accreditamento dei servizi sociosanitari”. Regione Emilia-Romagna. DGR 2110/2009. “Approvazione del sistema omogeneo di tariffa per i servizi socio-sanitari per anziani valevole per l’accreditamento transitorio”.
  19. Regione Emilia-Romagna. DGR n.291/2010.
  20. “Casa della salute: indicazioni regionali per la realizzazione e l’organizzazione funzionale”. Regione Emilia-Romagna. Circolare n. 15 del 2/10/2009. “Specifiche per il sistema informativo dell’assistenza sanitaria e socio-assistenziale: Anno 2010”. Regione Emilia-Romagna. DGR n.284/2013. “Indicazioni attuative del Piano Sociale e Sanitario Regionale per il biennio 2013-2014. Programma annuale 2013: obiettivi e criteri generali di ripartizione del fondo sociale ai sensi dell’art. 47, comma 3 della L.R. 2/2003”.
  21. Regione Emilia-Romagna. Report “Fotografia del sociale. Uno sguardo alla situazione italiana ed emiliano-romagnola”. Bologna, marzo 2014. Consultabile al sito: http://sociale.regione.emiliaromagna. it/report-la-fotografia-del-sociale [consultato il 30/07/2014].
  22. Salsi A., Calogero P. (2010). Le cure intermedie. Italian Journal of Medicine, 4: 57-62. Sistema Informativo Politiche per la Salute e Politiche Sociali. Consultabile al sito: http://www.saluter.it/siseps [consultato il 30/07/2014].

Maria Pia Fantini, Giulia Pieri, Simona Rosa, Bianca Caruso, Andrea Rossi, Davide Pianori, Francesco Longo, in "MECOSAN" 93/2015, pp. 75-97, DOI:10.3280/MESA2015-023005

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche