Il silenzio dello psicoanalista

Titolo Rivista: PSICOANALISI
Autori/Curatori: Evelyne Sechaud
Anno di pubblicazione: 2015 Fascicolo: 1 Lingua: English
Numero pagine: 5 P. 63-67 Dimensione file: 24 KB
DOI: 10.3280/PSI2015-001006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

In Francia esiste una tradizione di studio sul silenzio degli psicoanalisti. Il silenzio consiste dapprima nella reazione al discorso adattativo. Si muta poi in discorso silenzioso. Il silenzio, che è una sorta di comportamento, copre una gran varietà di attività mentali che si espandono su uno spettro molto ampio: dalla resistenza alla psicoanalisi all’implicazione psichica di comunicazione fusionale, fino a includere l’attenzione sospesa, che, a ben parlare, è la fonte dell’interpretazione. Tali dinamiche sono determinate dal transfert e dal controtransfert.

  1. Freud S. (1892-95). Studien über Hysterie (trad. it. Studi sull’Isteria. In: Opere, vol. 1. Torino: Boringhieri, 1968).
  2. Freud S. (1905). Bruchstück einer Hysterie Analyse (trad. it. Frammento di un’analisi d’isteria. In: Opere, vol. 4. Torino: Boringhieri, 1968).
  3. Freud S. (1920). Über die Psychogenese eines Falles von weiblicher Homosexualität (trad. it. Psicogenesi di un caso di omosessualità femminile. In: Opere, vol. 9. Torino: Boringhieri, 1978).
  4. Freud S. (1937). Konstruktionen in der Analyse (trad. it. Costruzioni nell’analisi. In: Opere, vol. 11. Torino: Boringhieri, 1979).
  5. Green A. (1979). Le silence du psychanalyste. In: la folie Privé. Paris: Gallimard (trad. it. Il silenzio dell’analista. In: Psicoanalisi degli stati limite: la follia privata. Milano: R. Cortina, 1991).
  6. Viderman S. (1979). “Le temps du silence”. Nouvelle Revue de Psychanalyse, 20: pagine?
  7. Widlöcher D. (1996). Les nouvelles cartes de la psychanalyse. Paris: Odile Jacob (trad. It. Le nuove carte della psicoanalisi. Roma: Borla, 2004).
  8. Winnicott D.W. (1963). Communicating and not communicating. In: The maturational Processes and the Facilitating Environment. London: The Hogarth press and the Institute of Psycho-analysis (trad. it. Comunicare e non comunicare. In: Sviluppo affettivo e ambiente. Roma: Armando, 1970).

Evelyne Sechaud, Il silenzio dello psicoanalista in "PSICOANALISI" 1/2015, pp 63-67, DOI: 10.3280/PSI2015-001006