Clicca qui per scaricare

Brecce. Inclinazioni principesche e libertà nei discorsi di Machiavelli secondo Elena Fasano Guarini
Titolo Rivista: SOCIETÀ E STORIA  
Autori/Curatori: Luigi Lazzerini 
Anno di pubblicazione:  2015 Fascicolo: 148 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  12 P. 327-338 Dimensione file:  45 KB
DOI:  10.3280/SS2015-148005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Nei Discorsi di Machiavelli è possibile individuare, secondo Elena Fasano Guarini, alcuni punti specifici in cui il Segretario critica l’incapacità delle repubbliche di garantire la sicurezza e l’uguaglianza di fronte alla legge di tutti i cittadini, compresi quelli che vivono nelle città del dominio e nelle aree rurali del contado. Queste considerazioni conducono Machiavelli a valutare positivamente la monarchia, con particolare riferimento al modello francese di un re che governa sotto uno stretto controllo della legge. Fasano parla di "brecce" nel tessuto della ideologia della libertà che caratterizza il testo machiavelliano dei Discorsi. Il saggio esamina questo approccio e muove alcune critiche all’ipotesi di Fasano. Se fosse possibile modificherei così il titolo in modo da rendere esplicito il riferimento a Machiavelli che nel saggio è l’oggetto della discussione:


Keywords: Machiavelli; Discorsi sopra la prima Deca di Tito Livio; Rinascimento; libertà/uguaglianza giuridica; Repubblica/Principato; Firenze; centro/periferia

Luigi Lazzerini, in "SOCIETÀ E STORIA " 148/2015, pp. 327-338, DOI:10.3280/SS2015-148005

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche