Il contributo della clinica di Sándor Ferenczi a una riflessione sulle pratiche educative nella contemporaneità

Titolo Rivista: EDUCAZIONE SENTIMENTALE
Autori/Curatori: Stiozzi Stefania Ulivieri
Anno di pubblicazione: 2015 Fascicolo: 24 Lingua: Italiano
Numero pagine: 10 P. 151-160 Dimensione file: 69 KB
DOI: 10.3280/EDS2015-024010
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Questo articolo vuole rileggere i temi centrali dell’opera di Sándor Ferenczi, psicoanalista ungherese della prima generazione, amico intimo e stretto collaboratore di Freud, come filtro sensibile della storia di una scienza lunga un secolo. Egli ha portato alla luce la teoria della formazione celata nell’impianto clinico freudiano per evidenziarne, oltre all’enorme portato rivoluzionario, i limiti e le collusioni con i dispositivi educativi dell’epoca. La sua aderenza alla matrice esperienziale del processo di cura gli consentono di disegnare i tratti di una nuova educazione, sganciata dall’impianto morale dell’educazione corrente del suo tempo e vivificata da un sapere relazionale che esalta la forza vitale dell’uomo. Il suo contributo così originale e inedito consente di rileggere la sua opera come una testimonianza viva, capace di interrogare le domande che legano, ancora oggi, le pratiche educative di genitori, educatori ed insegnanti alle loro trame biografiche inconsce.

  1. Abraham N. e Torok M. (1987). La scorza e il nocciolo. Roma: Borla, 1993.
  2. Antonelli G. (1997). Il mare di Ferenczi. La storia, il pensiero, la tecnica di un maestro della psicoanalisi. Roma: Di Renzo.
  3. Anzieu D. (1985). L’Io-pelle. Roma: Borla, 1994.
  4. Baranger W. e Baranger M. (1961-1962). La situazione psicoanalitica come campo bipersonale. Milano: Cortina, 1990.
  5. Bleger J. (1967). Simbiosi e ambiguità. Studio psicoanalitico. Roma: Armando, 2010.
  6. Bleger J. (1989). Psicoigiene e Psicologia Istituzionale. Loreto: Lauretana, 2010. Bonomi C. (1999). Fuga nella normalità. Riesame dell’allegazione di Jones sulla malattia di Ferenczi. International Journal of Psychoanalysis, 80, pp. 507-542. DOI: 10.1516/002075799159888
  7. Borgogno F., a cura di (2003). La partecipazione affettiva dell’analista. Il contributo di Sándor Ferenczi al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Milano: FrancoAngeli.
  8. Cabré L.J.M. (2006). Una strana e silenziosa trasmissione. La presenza di Ferenczi nel pensiero di alcuni pionieri della psicoanalisi latinoamericana. In: Bonomi C., a cura di, Sándor Ferenczi e la psicoanalisi contemporanea. Roma: Borla.
  9. Dupont J. (2005). La diffusione di Ferenczi in Francia. In: Bonomi C., a cura di, Sándor Ferenczi e la psicoanalisi contemporanea. Roma: Borla, 2006.
  10. Ferenczi S. (1908-1912). Opere. Milano: Cortina, 1989,Vol. I.
  11. Ferenczi S. (1913-1919). Opere. Milano: Cortina, 1989, Vol. II.
  12. Ferenczi S. (1919-1926). Opere. Milano: Cortina, 1989, Vol. III.
  13. Ferenczi S. (1927-1933). Opere. Milano: Cortina, 1989,Vol. IV.
  14. Ferenczi S. (1932). Diario clinico gennaio-ottobre 1932. Milano: Cortina, 2004.
  15. Guignard F. (1995). Nel vivo dell’infantile. Riflessioni sulla situazione analitica. Milano: FrancoAngeli, 1996.
  16. Kohut H. (1971). Narcisismo ed analisi del Sé. Torino: Bollati Boringhieri, 1976.
  17. Korff Sausse S. (2006). Dalla parte del bambino re. Milano: Fabbri, 2007.
  18. Massa R., a cura di (1992). La clinica della formazione. Un’esperienza di ricerca. Milano: FrancoAngeli.
  19. Miller A. (1980). La persecuzione del bambino. Le radici della violenza. Torino: Bollati Boringhieri, 1987.
  20. Mottana P. (1993). Formazione e affetti. Roma: Armando.
  21. Pichon-Rivière E. (1980). Teoria del vinculo. Buenos Aires: Ediciones Nueva Visòn.
  22. Recalcati M. (2010). L’uomo senza inconscio. Figure della nuova clinica psicoanalitica. Milano: Cortina.
  23. Riva M.G. (1993). L’abuso educativo. Teoria del trauma e pedagogia. Milano: Unicopli.
  24. Riva M.G. (2004). Il lavoro pedagogico come ricerca dei significati e ascolto delle emozioni. Milano: Guerini.
  25. Stern D.N. (1985). Il mondo interpersonale del bambino. Torino: Bollati Boringhieri, 1987.
  26. Ulivieri Stiozzi S. (2012). The disappearance of childhood and the lack of desire. Rethinking intergenerational education between pedagogy and psychoanalysis. Education Science and Society, 3, 2.
  27. Ulivieri Stiozzi S. (2013). Sándor Ferenczi educatore. Eredità pedagogica e sensibilità clinica. Milano: FrancoAngeli.
  28. Ulivieri Stiozzi S. (2014). La famiglia come «teatro interno». Trasformare l’eredità del passato per fondare nuovi patti educativi. In: Formenti L., a cura di, Sguardi di famiglia tra ricerca pedagogica e pratiche educative. Milano: Guerini Scientifica.
  29. Villa A. (2008). Il bambino adulterato. Milano: FrancoAngeli.

Stiozzi Stefania Ulivieri, Il contributo della clinica di Sándor Ferenczi a una riflessione sulle pratiche educative nella contemporaneità in "EDUCAZIONE SENTIMENTALE" 24/2015, pp 151-160, DOI: 10.3280/EDS2015-024010