Click here to download

I Punti Unici di Accesso (PUA) nel settore socio-sanitario: una riflessione teorica e una proposta per la progettazione dei PUA
Journal Title: MECOSAN 
Author/s: Elisabetta Notarnicola, Francesco Longo, Giovanni Fosti, Agnese Pirazzoli 
Year:  2015 Issue: 94 Language: Italian 
Pages:  16 Pg. 51-66 FullText PDF:  20005 KB
DOI:  10.3280/MESA2015-094004
(DOI is like a bar code for intellectual property: to have more infomation:  clicca qui   and here 


In recent years, several Italian Regions are facing the pressure of growing demand in the health and social care sector, with a general attention on better coordination, integration of care and rationalization of users’ pathways. The article, moving from the analysis of the existing literature about the implementation of services to promote better coordination and users management, such as points of care or "Punto Unico di Accesso" in Italy, aims to propose an analytical framework to assess and promote future development of such kind of services. The framework can be useful to researchers, practitioners and policy makers both in the analysis of existing systems and in future design of alternative solutions.
Keywords: Point of care, community care, integrated care, primary care, service design.

  1. Abet L., Cicoletti D., Merlo G. (2013). La presa in carico per le persone con disabilita: il primo livello essenziale. Lombardiasociale.it.
  2. Ancona A. (2008). Sette buone ragioni per investire
  3. sui PUA. Quaderno di Monitor n.2: Punto unico di accesso, presa in carico, continuità assistenziale, 7 (21): 4-6.
  4. Rebba V. (2009). I ticket sanitari: strumenti di controllo della domanda o artefici di disuguaglianze nell’accesso alle cure? Politiche sanitarie, 10 (4): 221-242.
  5. Bellentani D., Inglese S.A., Banchero A. (2008). Punto unico di accesso: i risultati della ricerca. Quaderno di Monitor n. 2: Punto unico di accesso, presa in carico, continuità assistenziale, 7 (21): 7-22. Bruni A. (2007). Conclusioni: l’accesso come traiettoria e interstizio. In: Bruni A., Fasol R., Gherardi
  6. S. (a cura di). L’accesso ai servizi sanitari: traiettorie, differenze, disuguaglianze. Roma: Carocci Faber.
  7. Devastato G. (2008). Le funzioni del welfare dell’accesso. Prospettive Sociali e Sanitarie, 38 (18): 5-7.
  8. Devastato G. (2012). Crisi del welfare e servizi alla persona: minaccia o opportunita? In: Devastato G. (a cura di). Oltre la crisi: quali sfide per il welfare dei soggetti. Santarcangelo di Romagna: Maggioli.
  9. Fosti G., Larenza O., Longo F., Rotolo A. (2012). Caratteristiche e criticita del settore socio-sanitario italiano: quali prospettive di policy?. In: Cantu E. (a cura di), L’aziendalizzazione della sanità in Italia. Rapporto OASI 2012. Milano: Egea.
  10. Fosti G., Larenza O., Longo F., Rotolo A. (2013). Governare la domanda di servizi socio-sanitari: evidenze dalla Regione Emilia-Romagna. Mecosan, 21 (88): 39-54.
  11. Fosti G., Longo F. (2013). Chi viene selezionato dalle reti? Le leve di service management in ambito sociale e socio-sanitario. In: Fosti G. (a cura di). Rilanciare il welfare locale. Ipotesi e strumenti: una prospettiva di management delle reti. Milano: Egea.
  12. Fosti G., Longo F., Notarnicola E. (2014). Dai Sistemi ai percorsi di Long Term Care nei servizi: premesse di service management e introduzione ai casi studio. In: Fosti G., Notarnicola E. (a cura di). Il Welfare e la Long Term Care in Europa. Milano: Egea.
  13. Fosti G., Rotolo A. (2014). Qual e la mission di un’equipe socio-sanitaria integrata? Welfareoggi, 10 (5): 67-71.
  14. Frau G., Gumirato G., Soro G.M., Vidotto F. (2008). La “presa in carico” della persona nel punto unico di accesso: il modello di governance socio-sanitaria della Asl di Cagliari. Mecosan, 17 (67): 85-103.
  15. Gori C. (2008). Quali livelli essenziali per i non autosufficienti? In: Ranci Ortigosa E. (a cura di). IQuid n. 2: Diritti sociali e livelli essenziali delle prestazioni. Milano: Prospettive Sociali e Sanitarie.
  16. Hardy B., Young R., Wistow G. (1999). Dimensions of choice in the assessment and care management process: the views of older people, careers and care managers. Health & Social Care in the Community, 7 (6): 483-491., DOI: 10.1046/j.1365-2524.1999.00217.x
  17. Katsaliaki K., Brailsford S., Browning D., Knight P. (2005). Mapping care pathways for the elderly. Journal of health organization and management, 19 (1): 57-72., DOI: 10.1108/14777260510592130
  18. Katz J., Holland C., Mitchell K., Gage H., Thein N., Sheehan B. (2013). Careers’ perspectives on choosing a care home for a relative with dementia. Families, Relationships and Societies, 2 (2): 211-228., DOI: 10.1332/204674313x664905
  19. Longo F., Mele S., Salvatore D., Tasselli S. (2010). L’integrazione professionale e la continuita delle cure: definizioni concettuali e metodologie di rilevazione. In: Longo F., Mele S., Salvatore D., Tasselli S. (a cura di). Organizzare la salute nel territorio. Bologna: il Mulino.
  20. Pesaresi F. (2008). La porta sociale: le tendenze in Italia. Prospettive Sociali e Sanitarie, 38 (18): 1-4.
  21. Pesaresi F. (2013 a). Le funzioni dei Punti Unici di Accesso. WelfareOggi, 9 (1): 15-22.
  22. Pesaresi F. (2013 b). L’organizzazione dei Punti unici di accesso. WelfareOggi, 9 (2): 55-63
  23. Ricciardi W., De Belvis A.G., Sabetta T., Silenzi A. (2012). Effetti della crisi sulla salute e sull’accesso ai servizi nelle regioni italiane. PRISMA Economia-Società-Lavoro, 3: 58-69., DOI: 10.3280/pri2012-003006

Elisabetta Notarnicola, Francesco Longo, Giovanni Fosti, Agnese Pirazzoli, in "MECOSAN" 94/2015, pp. 51-66, DOI:10.3280/MESA2015-094004

   

FrancoAngeli is a member of Publishers International Linking Association a not for profit orgasnization wich runs the CrossRef service, enabing links to and from online scholarly content