I "campi nomadi" sono discriminatori. A proposito di una recente sentenza

Titolo Rivista: SOCIOLOGIA DEL DIRITTO
Autori/Curatori: Letizia Mancini
Anno di pubblicazione: 2015 Fascicolo: 2 Lingua: English
Numero pagine: 7 P. 183-189 Dimensione file: 143 KB
DOI: 10.3280/SD2015-002007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Il 30 maggio 2015 il Tribunale Civile di Roma ha affermato, per la prima volta in Europa, il carattere discriminatorio di un "campo nomadi", luogo da tempo riconosciuto, anche a livello internazionale, come spazio di segregazione e di discriminazione su base etnica. La nota analizza la sentenza e la inquadra all’interno di una riflessione sulle politiche pubbliche nei confronti della minoranza rom.

  1. Bonetti, Paolo, 2012. I nodi giuridici della condizione dei Rom e Sinti in Italia. In Paolo Bonetti, Alessandro Simoni & Tommaso Vitale (a cura di), La condizione giuridica di Rom e Sinti in Italia. Milano: Giuffrè Editore.
  2. Brunello, Piero (a cura di), 1996. L’urbanistica del disprezzo. Campi rom e società italiana. Roma: Manifestolibri.
  3. Di Rado, Daniela, Luca Cefisi & Silvia Doria, 2013. In the Sun. Alla luce del sole. Ricerca sul fenomeno dell’apolidia tra le comunità rom in Italia.
  4. Mancini, Letizia. 2001. Il debole riconoscimento di una minoranza. Il caso degli zingari. Diritto, immigrazione e cittadinanza, 3: 65-72.
  5. Perin, Giulia, 2012. L’applicazione ai Rom e ai Sinti non cittadini delle norme sull’apolidia, sulla protezione internazionale e sulla condizione degli stranieri comunitari ed extracomunitari. In Paolo Bonetti, Alessandro Simoni & Tommaso Vitale (a cura di), La condizione giuridica di Rom e Sinti in Italia. Milano: Giuffrè.
  6. Palermo, Francesco, 2012. Rom e Sinti come minoranza. Profili di diritto pubblico italiano e comparato e di diritto internazionale. In Paolo Bonetti, Alessandro Simoni & Tommaso Vitale (a cura di), La condizione giuridica di Rom e Sinti in Italia. Milano: Giuffrè.
  7. Sassen, Saskia, 2000. Regulating Immigration in a Global Age: A New Policy Landscape. The Annals of the American Academy, 1: 65-77.
  8. Sigona, Nando. 2002. Figli del ghetto. Gli italiani, i campi nomadi e l’invenzione degli “zingari”. Civezzano: Nonluoghi Libere Edizioni

Letizia Mancini, I "campi nomadi" sono discriminatori. A proposito di una recente sentenza in "SOCIOLOGIA DEL DIRITTO " 2/2015, pp 183-189, DOI: 10.3280/SD2015-002007