Clicca qui per scaricare

Well-being Shift through Healthy Eating. From Organic Consumption to a Paradigm of Alternative Local Development
Titolo Rivista: RIVISTA DI STUDI SULLA SOSTENIBILITA' 
Autori/Curatori: Roberta Paltrinieri, Stefano Spillare 
Anno di pubblicazione:  2015 Fascicolo: 2  Lingua: Inglese 
Numero pagine:  12 P. 83-94 Dimensione file:  153 KB
DOI:  10.3280/RISS2015-002008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Starting from the fact of the crisis of the current model of development, this work aims to propose an interpretive framework to the possibilities of alternative social development based on "critical consumption" and its ability to stimulate social capital, civic engagement and the shared responsibility. The assumption is the relationship and collaboration between consumers, between consumers and producers, as well as among all the other social stakeholders of the local context (businesses, government and associations). Thanks to the example of the alternative organic food supply chain (the socalled Alternative Food Networks), the authors examine the way in which consumers, farmers and civil society could be involved in the creation of alternative models of understanding economic relations, now more focused on the concept of common good than based on the mere economic interest.

A partire dalle evidenze relative alla crisi dell’attuale modello di sviluppo, il presente lavoro intende proporre un possibile framework interpretativo legato alle possibilità di sviluppo economico e sociale basata sul "consumo critico" e sulla sua capacità di incentivare il capitale sociale, l’impegno civico e la responsabilità condivisa grazie alle reti di relazione tra consumatori, tra consumatori e produttori, nonché tra questi e gli altri stakeholders locali (imprese, Amministrazioni pubbliche e associazionismo). Grazie all’esempio offerto dalle forme alternative di approvvigionamento legate al cibo biologico (i cosiddetti Alternative Food Networks) gli autori esaminano in che modo consumatori, produttori e società civile possono essere coinvolti nello sviluppo di modelli alternativi di intendere le relazioni economiche, ora incentrate più sul concetto di bene comune che sul mero interesse economico.
Keywords: Benessere, sostenibilità, agricoltura biologica, agricoltura civica, alternative food networks

  1. Arnesano G. (2010). Seconda mano. Oggetti significati e relazioni nei mercatini di abiti usati. Besa, Lecce.
  2. Bartolini S. (2010). Manifesto per la felicità. Come passare dalla società del benavere a quella del ben-essere. Donzelli, Roma.
  3. Becchetti L. (2005). Felicità sostenibile. Economia della responsabilità sociale. Donzelli, Roma.
  4. Beck U. (1999). Che cos’è la globalizzazione. Rischi e prospettive della società planetaria. Carocci, Roma.
  5. Beck U. (2001). La società globale del rischio. Asterios, Trieste.
  6. Beck U. (2010). Potere e contropotere nell’età globale. Laterza, Roma-Bari.
  7. Bruni L., Porta P.L. (a cura di) (2004). Felicità ed economia. Guerini & Associati, Milano.
  8. Bruni L., Zamagni S. (2004). Economia Civile. il Mulino, Bologna.
  9. Davis M. (2011). From Individualism to interdependence: a basis for shared social responsibilities. Trends in Social Cohesion, 23, Council of Europe Publishing, Strasbourg.
  10. De Biase L. (2007). Economia della Felicità. Dalla blogosfera al valore del dono e oltre. Feltrinelli, Milano.
  11. Di Iacovo F., Fonte M., Galasso A. (2014). Agricoltura civica e filiera corta. Nuove pratiche d’impresa e relazioni tra produttori e consumatori. Working paper Gruppo 2013, 22.
  12. Donati P. (a cura di) (2003). Famiglia e capitale sociale nella società italiana. San Paolo, Cinisello Balsamo.
  13. Donati P., Solci R. (2011). I beni relazionali. Che cosa sono e quali effetti producono. Bollati Boringhieri, Torino.
  14. El Hage Scialabba N., Müller-Lindenlauf M. (2010). Organic Agriculture and Climate Change. Renewable Agriculture and Food System, 25 (2): 158-169.
  15. Fabris G. (2010). La società post-crescita. Egea, Milano.
  16. Gallino L. (2011). Finanzcapitalismo. Einaudi, Torino.
  17. Gili G. (2001). Il problema della manipolazione. Peccato originale dei media? FrancoAngeli, Milano.
  18. Goodman D. (2003). The quality turn and alternative food practices: reflections and agenda. Journal of Rural Studies, 19: 1-7.
  19. Jackson T. (2011). Prosperità senza crescita. Edizioni Ambiente, Milano.
  20. Latouche S. (2005). L’invenzione dell’economia. Arianna Editrice, Bologna.
  21. Meadows E.H. (1972). I limiti dello sviluppo. Mondadori, Milano.
  22. Micheletti M. (2010). Critical shopping. Consumi individuali e azioni collettive. FrancoAngeli, Milano.
  23. Ostron E. (1990). Governing the commons. The evolution of institutions for collective action. Cambridge University Press, Cambridge.
  24. Paltrinieri R. (2010). Promuovere i circoli virtuosi per una felicità responsabile. In:
  25. Parmigiani M.L. (a cura di), Siamo tutti stakeholder. Maggioli, Sant’Arcangelo di Romagna.
  26. Paltrinieri R. (2012). Felicità Responsabile. FrancoAngeli, Milano.
  27. Paltrinieri R., Spillare S. (2015). L’Italia del biologico. Un fenomeno sociale, dal campo alla città. Edizioni Ambiente, Milano.
  28. Putnam R. (2004). Capitale sociale e individualismo. il Mulino, Bologna.
  29. Sassatelli R. (2009). Consumership. (De)costruire il consumatore-cittadino. Partecipazione e conflitto, 3: 51-60.
  30. Zamagni S. (2008). L’economia del bene comune. Città Nuova Editrice, Roma.



  1. Agnes Neulinger, Fanni Bársony, Natasha Gjorevska, Orsolya Lazányi, György Pataki, Sándor Takács, Anna Török, Engagement and subjective well‐being in alternative food networks: The case of Hungary in International Journal of Consumer Studies /2020 pp. 306, DOI: 10.1111/ijcs.12566

Roberta Paltrinieri, Stefano Spillare, Dal ben-avere al ben-essere, attraverso il ben-mangiare. Dal consumo di prodotti biologici ad un nuovo paradigma di sviluppo locale in "RIVISTA DI STUDI SULLA SOSTENIBILITA'" 2/2015, pp. 83-94, DOI:10.3280/RISS2015-002008

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche