Clicca qui per scaricare

Food Poverty and Solidarity Networks in Italy
Titolo Rivista: RIVISTA DI STUDI SULLA SOSTENIBILITA' 
Autori/Curatori: Claudio Bellia, Giuseppe Bonfiglio, Carmela Adernò 
Anno di pubblicazione:  2015 Fascicolo: 2  Lingua: Inglese 
Numero pagine:  18 P. 95-112 Dimensione file:  198 KB
DOI:  10.3280/RISS2015-002009
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Among effects generated by the intense and prolonged financial, economic and labor crisis which has affected the economically advanced countries, we could also include on the one hand food poverty and on the other food losses and wastage that exist alongside the food system. The occurrence of Food Losses and Wastage assume different proportions in different regions of the world. According to FAO data, approximately 56% of Food Losses and Wastage occur in developed countries; the remaining 44% in developing countries. At the level of the final consumer in Europe we have a waste per capita of approximately 95-115 kg/year. What does it mean in terms of economic impact? From these data and questions, the present work describes the phenomenon of food poverty and solidarity networks, highlighting the role of AGEA and charitable institutions within the system of EU aid.

Tra gli effetti generati dall’intensa e prolungata crisi finanziaria, economica ed occupazionale che ha colpito, soprattutto, i Paesi economicamente avanzati, si può certamente ricomprendere da un lato la povertà alimentare e dal altro lo spreco perdite di cibo che sussistono all’interno del sistema alimentare. Il verificarsi di perdite di cibo e sprechi assume proporzioni dissimili nelle diverse regioni del mondo. Secondo i dati della FAO, circa il 56% delle perdite di cibo e di sprechi si verificano nei Paesi sviluppati; il restante 44% nei Paesi in via di sviluppo. A livello del consumatore finale in Europa si ha uno spreco capite di circa 95-115 kg/anno. Che cosa significa tutto questo in termini di impatto economico? Da questi dati e da questi interrogativi, parte il presente lavoro che cerca di descrive il fenomeno della povertà alimentare e delle reti di solidarietà, mettendo in evidenza il ruolo dell’AGEA e delle istituzioni caritative nel sistema degli aiuti UE.
Keywords: Povertà alimentare, perdita e spreco alimentare, terzo settore, reti di solidarietà, aiuti UE

  1. AA.VV. (2011). Global Food Losses and Food Waste. Extent, Causes and Prevention, FAO, Roma.
  2. AGEA (2013). Piano di distribuzione degli alimenti agli indigenti 2013 – consuntivo delle attività realizzate al 30.04.2013.
  3. Allegra V., Bellia C., Zarbà A.S. (2014). The logistics of direct sales: New approaches of the EU. Italian Journal of Food Science, 26 (4): 443-450.
  4. Barilla Center for Food and Nutrition (2010). Doppia piramide: alimentazione sana per le persone, sostenibile per il pianeta. Parma.
  5. Bellia C., Pilato M. (2011). Actuality and future prospects on GMos crops in agriculture: some main aspects and problems. Quality – Access to Success: 280-288.
  6. Bellia C., Pilato M. (2013). Considerations on the Changes in the Economic Land Use in Italy and the Corresponding Soil Consumption. In: Society, Integration, Education: Utopias And Dystopias In Landscape And Cultural Mosaic: Visions Values Vulnerability, Vol. V, Rezekne Higher Educ Institut, ISSN 1691-5887.
  7. De Castro P. (2004). Verso una nuova agricoltura europea. Agra, Roma.
  8. European Commission (2009). Eurobarometer Survey on poverty and social exclusion. 2010.
  9. European Commission (2010). DG Environment. Preparatory study on food waste across EU 27, Technical Report 2010-054.
  10. Fanfani R. (2009). Il sistema agroalimentare in Italia. I grandi cambiamenti e le tendenze recenti. Edagricole – Edizioni Agricole de Il Sole-24 Ore Business Media S.r.l., Milano: 191.
  11. FAO (2014). Food Wastage Footprint – full costs accounting final report. E-ISBN 978-92-5-108513-4 (PDF).
  12. Leisering, L. (2003). I due usi delle ricerche dinamiche sulla povertà. Modelli deterministici e contingenti delle carriere individuali di povertà. Sociologia e politiche sociali, 2.
  13. Segrè A. (2008). Elogio dello spreco. Formule per una società sufficiente. Emi, Bologna.
  14. Segrè A., Falasconi L. (2002). Abbondanza e scarsità nelle economie sviluppate. Per una valorizzazione sostenibile dei prodotti alimentari invenduti. FrancoAngeli, Milano.
  15. Segrè A., Falasconi L. (2011). Il libro nero dello spreco in Italia: il cibo (Vol. 12). Edizioni Ambiente, Milano.
  16. Tomei G. (2011). Guardare per pensare, agire per vedere. La valutazione delle reti di intervento sociale come strategia di disoccultamento dell’emarginazione grave. In: Pellegrino M., Ciucci F., Tomei G., Valutare l’invisibile. Interventi di contrasto alle povertà estreme a dieci anni dalla legge 328/2000. FrancoAngeli, Milano: 103-124.
  17. Tomei G., Natilli M. (a cura di) (2011). Dinamiche di impoverimento. Meccanismi, traiettorie ed effetti in un contesto locale. Carocci, Roma.
  18. Walker R., Leisering L. (2003). Verso una scienza sociale dinamica. Sociologia e politiche sociali, 2.



  1. Manuela Pilato, Marco Platania, Hugues Séraphin, Tourism in the Mediterranean Sea pp. 257 (ISBN:978-1-80043-901-6)
  2. Gabriella Vindigni, Giuseppe La Terra, Rethinking IPRs on agro-biotechnological innovations in the context of food security in RIVISTA DI STUDI SULLA SOSTENIBILITA' 2/2017 pp. , DOI: 10.3280/RISS2016-002007

Claudio Bellia, Giuseppe Bonfiglio, Carmela Adernò, La Povertà alimentare e le reti di solidarietà in Italia in "RIVISTA DI STUDI SULLA SOSTENIBILITA'" 2/2015, pp. 95-112, DOI:10.3280/RISS2015-002009

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche