Clicca qui per scaricare

Parte prima: il contesto socioeconomico e istituzionale di riferimento. economia e welfare: fattori costitutivi ed effetti
Titolo Rivista: QUADERNI DI ECONOMIA DEL LAVORO 
Autori/Curatori: Renata Livraghi 
Anno di pubblicazione:  2015 Fascicolo: 103  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  22 P. 11-32 Dimensione file:  87 KB
DOI:  10.3280/QUA2015-103002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Originariamente, welfare significa "ben andare" ovvero essere in grado di agire bene e ciò richiede l’uso di razionalità, etica e giustizia. La costruzione di un nuovo sistema di welfare, dopo un periodo di crisi, richiede un’analisi attenta della qualità della vita, in maniera multidimensionale. Ora, si hanno le informazioni quantitative e qualitative, per analizzarla, nei diversi paesi europei. La prima rilevazione statistica è stata resa pubblica dall’EUROSTAT, nel luglio 2015. In Italia, la qualità della vita non può essere considerata "buona" e ciò influenzerà sull’occupazione e, sullo sviluppo economico e sociale. La dimensione oggettiva più grave è data dai bassi livelli d’istruzione e formazione che influisce sul funzionamento dei mercati del lavoro, seguita dagli indicatori di sicurezza e da quelli sull’ambiente. La mancanza di fiducia per i politici e per le istituzioni pubbliche rende poi difficile la progettazione sociale e la realizzazione delle azioni integrate nei diversi territori.


  1. Campanella F. (1982). Lavoro. In: Lunghini G., a cura di, Dizionario di Economia Politica. Torino: Bollati Boringhieri. Vol. I, pag. 93.
  2. Cottarelli C. (2015). La lista della spesa. La verità sulla spesa pubblica italiana e su come si può tagliare. Milano: Giangiacomo Feltrinelli Editore. Maggio.
  3. EUROSTAT (2015). Quality of life. Facts and views. Lussemburgo.
  4. Giovanola B. (2012). Oltre l’homo œconomicus. Lineamenti di etica economica. Napoli: Orthotes Editrice.
  5. Giustiniani P. (2002). Coltivare la speranza esercitando la ragione. Nessuno deve scegliere per noi. La proposta del testamento biologico. --Testo disponibile al sito: http://www.istitutobioetica.org/Forum/Direttive%20anticipate/Englaro/Giustiniani%20Testamento.htm.
  6. Grimi E. (2014). G.E.M. Anscombe. The Dragon Lady. Siena: Cantagalli.

Renata Livraghi, in "QUADERNI DI ECONOMIA DEL LAVORO" 103/2015, pp. 11-32, DOI:10.3280/QUA2015-103002

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche