Clicca qui per scaricare

Strumenti per l’intensità di cura e la complessità assistenziale: una revisione della letteratura
Titolo Rivista: MECOSAN 
Autori/Curatori: Maria Mongardi, Erika Bassi 
Anno di pubblicazione:  2015 Fascicolo: 95 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  17 P. 9-25 Dimensione file:  20071 KB
DOI:  10.3280/MESA2015-095002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


In Italia, a partire dagli anni Duemila circa, sono stati ideati e/o sperimentati diversi strumenti per la classificazione dei pazienti ospedalizzati con l’obiettivo di intercettare la gravita delle condizioni cliniche dei pazienti e coglierne tutta la varieta dei bisogni, in contesti di riorganizzazione per intensita di cura. La finalita della presente revisione e stilare una panoramica della letteratura disponibile sugli strumenti di classificazione utilizzati per l’allocazione dei pazienti nei contesti organizzati per intensita di cura, e analizzarli attraverso l’utilizzo di tavole sinottiche. Cio che emerge dall’analisi della letteratura e una notevole eterogeneita degli strumenti a oggi utilizzati e il fatto che un esiguo numero di questi sia in grado di intercettare in modo congiunto l’intensita clinica e la complessita assistenziale.


Keywords: Intensita clinica, complessita assistenziale, strumenti di classificazione

  1. Allegrini E., Maimeri P., Ferrari C. et al. (2006). Sistemi di classificazione dei pazienti. Assistenza Infermieristica e Ricerca, 25(1): 56-60., DOI: 10.1702/132.1468
  2. Baratto S. et al. (2012). Validazione di uno strumento per l’organizzazione dell’assistenza infermieristica, in Atti del XVI Congresso Federazione nazionale Collegi IPASVI: 33-34 disponibile al sito http://www.ipasvi.it/archivio_news/pagine/172/IPASVI_INNOVAZIONEedESPERIENZE. Pdf
  3. Bevilacqua B., Laratta L. (2009). SIPI: il Sistema Informativo della Performance Infermieristica. Tempo di Nursing, 54: 21-22.
  4. Bollini G., Colombo F., Lolli A. (2011). L’intensità assistenziale e la complessità clinica: un progetto di ricerca della Regione Lombardia. Milano: Era Futura.
  5. Buli F., Talarico F., Suppressa A. et al. (2008). Riorganizzazione UUOO Chirurgia/Urologia/Senologia/ginecologia per Intensità di cura/Complessità assistenziale infermieristica. Dipartimento Chirurgico/Dipartimento Materno Infantile, Stabilimento Ospedaliero di San Giovanni in Persiceto, Azienda USL di Bologna.
  6. Burch V.C., Tarr G., Morroni C. (2008). Modified Early Warning Score predicts the need for hospital admission and in hospital mortality. Emergency Medicine Journal, 25: 674-678.
  7. Cavaliere B., Snaidero D. (1999). Metodologia per la rilevazione della complessita assistenziale infermieristica: calcolo dell’indice di complessita assistenziale. Management Infermieristico, 1: 32-36.
  8. Cavaliere B., Susmel M. (2001). La qualita nell’assistenza infermieristica: uno strumento di rilevazione e di elaborazione dell’Indice di Complessita Assistenziale (ICA). Nursing Oggi, 2: 20-25.
  9. Cavaliere B. (2006). Sistema integrato di misurazione della complessita assistenziale. Management Infermieristico, 2: 13-22.
  10. Cavaliere B. (2009). Misurare la complessità assistenziale. Repubblica di San Marino: Maggioli.
  11. Regione Toscana – Consiglio Sanitario Regionale (2014). National Early Warning Score (NEWS): misurazione standardizzata della gravità della malattia. Documento Regionale di Indirizzo n. 24.
  12. Duckitt R.W., Buxton-Thomas R., Walker J. et al. (2007). Worthing physiological scoring system: derivation and validation of a physiological earlywarning system for medical admissions. An observational, population-based single-centre study. British Journal of Anaesthesia, 98 (6): 769-74., DOI: 10.1093/bja/aem097
  13. Galimberti S. et al. (2012). The SIPI for measuring complexity in nursing care: evaluation study. International Journal of Nursing Studies, 49 (3): 320-6., DOI: 10.1016/j.ijnurstu.2011.09.016
  14. Guerra A., Cavaliere B. (2003). Applicazione della metodologia dell’indice di complessita assistenziale (ICA) presso l’ospedale “Pasquinucci”, Massa, A.O. IFC CNR-CREAS, Pisa. Management Infermieristico, 1: 4-11.
  15. Hudon C., Fortin M., Vanasse A. (2005). Cumulative Illness Rating Scale was a reliable and valid index in a family practice context. Journal of Clinical Epidemiology, 58: 603-608., DOI: 10.1016/j.jclinepi.2004.10.017
  16. Kellett J., Wang F., Woodworth F. et al. (2013). Changes and their prognostic implications in the abbreviated VitalPAC-Early Warning Score (ViEWS) after admission to hospital of 18,827 surgical patients. Resuscitation, 84 (4): 471-476., DOI: 10.1016/j.resuscitation.2012.12.002
  17. Linn B.S., Linn M.W., Gurel L. (1968). Cumulative Illness Rating Scale. Journal of the American Geriatrics Society, 16 (5): 622-626., DOI: 10.1111/j.1532-5415.1968.tb02103.x
  18. Moiset C., Vanzetta M. (2009). Misurare l’assistenza. Il SIPI: dalla progettazione all’applicazione. Milano: McGraw-Hill.
  19. Moiset C., Vanzetta M., Vallicella F. (2003). Misurare l’assistenza. Un modello di sistema informativo della perfomance infermieristica. Milano: McGraw-Hill.
  20. Mongardi M., Bassi E., Di Ruscio E. (a cura di) (2015). Ospedale per intensità di cura: strumenti per la classificazione dei pazienti. Direzione Generale Sanita e Politiche Sociali, Servizio Presidi ospedalieri,
  21. Regione Emilia-Romagna. Disponibile al sito http://salute.regione.emilia-romagna.it/documentazione/rapporti/201cospedale-per-intensitadi-cura-strumenti-per-la-classificazione-deipazienti201d-febbraio-2015/view
  22. Morgan R.J.M., Williams F., Wright M.M. (1997). An Early Warning scoring System for detecting developing critical illness. Clinical Intensive Care, 8: 100.
  23. Nagaratnam N., Gayagay G. Jr (2007). Validation of the Cumulative Illness Rating Scale (CIRS) in hospitalized nonagenarians. Archives of Gerontology and Geriatrics, 44 (1): 29-36., DOI: 10.1016/j.archger.2006.02.002
  24. Nardi R., Arienti V., Nozzoli C. (2012). Organizzazione dell’ospedale per intensita di cure: gli errori da evitare. Italian Journal of Medicine, 6 (1): 1-13., DOI: 10.1016/j.itjm.2011.07.001
  25. Niccolai F., Nuti S. (2012). Intensità di cura e intensità di relazioni. Idee e proposte per cambiare l’ospedale. Pisa: Edizioni ETS.
  26. Parmelee P.A., Thuras P.D., Katz I.R. et al. (19 95). Validation of the Cumulative Illness Rating Scale in a Geriatric Residential Population. Journal of the American Geriatrics Society, 43(2): 130-137., DOI: 10.1111/j.1532-5415.1995.tb06377.x
  27. Pitacco G. (2003). Un modello di analisi della complessita assistenziale. I Quaderni supplemento de L’Infermiere, 8-9.
  28. Polverini F., Di Giulio P., Gregari D. (2009). Esperienza di validazione dell’indice di complessita assistenziale (ICA) presso un’Azienda Sanitaria Ospedaliera della Regione Liguria. L’infermiere, 1: 26-33.
  29. Prytherch D.R., Smith G.B., Schmidt P.E., Featherstone P.I. (2010). ViEWS – Towards a national early warning score for detecting adult inpatient deterioration. Resuscitation, 81 (8): 932-937., DOI: 10.1016/j.resuscitation.2010.04.014
  30. Rocco M.J., Papetti A. (2012). La valutazione della complessita assistenziale infermieristica in medicina interna: applicazione di due metodi. Italian Journal of Medicine, 6 (1): 27-32., DOI: 10.1016/j.itjm.2011.11.001
  31. Royal College Of Physicians (2012). National Early Warning Score (NEWS). Standardising the assessment of acute-illness severity in the NHS. Report of a working party. London: RCP. Santullo A. (2009). Le scale di valutazione in sanità. Milano: McGraw-Hill.
  32. Silvestro A., Maricchio R., Montanaro A., Molinar
  33. Min M., Rossetto P. (2009). La complessità assistenziale. Concettualizzazione, modello di analisi metodologia applicativa. Milano: McGraw-Hill.
  34. Smith G.B., Prytherch D.R., Meredith P., Schmidt P.E., Featherstone P.I. (2013). The ability of the National Early Warning Score (NEWS) to discriminate patients at risk of early cardiac arrest, unanticipated intensive care unit admission, and death. Resuscitation, 84 (4): 465-470., DOI: 10.1016/j.resuscitation.2012.12.016
  35. Subbe C.P., Kruger M., Rutherford P. et al. (2001). Validation of a modified Early Warning Score in medical admissions. QJMed, 94 (10): 521-526., DOI: 10.1093/qjmed/94.10.521
  36. Subbe C.P., Davies R.G., Williams E. et al. (2003). Effect of introducing the Modified Early Warning Score on clinical outcomes, cardio-pulmonary arrests and intensive care utilisation in acute medical admissions. Anaesthesia, 58 (8): 775-803., DOI: 10.1046/j.1365-2044.2003.03258.x
  37. Zanotti R. (2003). Uso ottimale delle risorse: infermiere ed OTAA nella nuova organizzazione dell’assistenza. Padova: Societa Cooperativa Tipografica
  38. Pettina G., Seghieri G., Monfardini M., Cirillo L.,Badini P., Venturi S.(2005). Il rilevamento dell’indice di complessita assistenziale per la definizione di elevata intensita di cura in Medicina Interna. Italian Journal of Medicine, 4(2):64-8



  1. Francesco Ventrella, Francesca Fortunato, Organizzazione della Struttura Complessa di Medicina interna per intensità di cure: l'Area critica di Medicina interna in MECOSAN 112/2020 pp. 7, DOI: 10.3280/MESA2019-112002

Maria Mongardi, Erika Bassi, in "MECOSAN" 95/2015, pp. 9-25, DOI:10.3280/MESA2015-095002

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche