Un lavoro per far emergere le emozioni

Titolo Rivista: PSICOBIETTIVO
Autori/Curatori: Sara Boschetti
Anno di pubblicazione: 2015 Fascicolo: 3 Lingua: Italiano
Numero pagine: 5 P. 118-122 Dimensione file: 83 KB
DOI: 10.3280/PSOB2015-003008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

L’Autrice si concentra sull’importanza del rilevamento da parte dello psicoterapeuta dell’età evolutiva dei fattori emotivi inconsci sottesi alle manifestazioni sintomatiche del bambino in terapia. Viene inoltre segnalata l’opportunità di coinvolgere entrambi i genitori nel percorso terapeutico, per una maggiore possibilità di comprensione e di cura. L’Autrice pone l’attenzione sulle difficoltà di separazione di Giulia, in relazione alla sua storia personale, e sulle ambivalenze della figura materna davanti al possibile svincolo della figlia. Viene sottolineato quanto il tono emotivo, nel lavoro, così come nella raccolta anamnestica, possa essere portatore di informazioni sul modo in cui la famiglia vive il disturbo e sulle conseguenze di quest’ultimo. Inoltre, la possibilità di lavorare con genitori e bambini durante i colloqui aiuta i bambini con disturbi d’ansia come Giulia ad avvicinarsi alla terapia con maggiore disponibilità.

  1. Allenby A. (1985) “L’archetipo del padre nella psicologia della donna”, in Samuels A. (a cura di), Il padre, prospettive junghiane contemporanee, Borla, Roma, 1991
  2. Baldisserotto E. (2014) “Gemellarità e complesso fraterno”, Studi Junghiani, 39: 5-19, FrancoAngeli, Milano. DOI: 10.3280/JUN2014-03900
  3. Fordham M. (1969) Il bambino come individuo, Vivarium, Milano, 1996
  4. Fordham M. (1988) “La nascita dell’analisi infantile”, in Sidoli M., Davies M. (a
  5. cura di), La psicoterapia junghiana con i bambini, Magi, Roma, 2004
  6. Grosso W. (2008) “Il posto del terzo nella relazione e in analisi (Dal terzo intruso al terzo etico)”, in Nagliero G., Grosso W., Analisi in età evolutiva, Vivarium, Milano, 2008
  7. Jung C.G. (1909) “L’importanza del padre nel destino dell’individuo”, in Opere, vol. 4, Bollati Boringhieri, Torino, 1973
  8. Mahler M., Pine F., Bergman A. (1975) La nascita psicologica del bambino, Boringhieri, Torino, 1989
  9. Sidoli M. (1988) “Analisi: uno spazio per la separazione”, in Sidoli M., Davies M. (a cura di), La psicoterapia junghiana con i bambini, Magi, Roma, 2004

Sara Boschetti, Un lavoro per far emergere le emozioni in "PSICOBIETTIVO" 3/2015, pp 118-122, DOI: 10.3280/PSOB2015-003008