L’architetto Saul Steinberg e Fontana Arte

Titolo Rivista: TERRITORIO
Autori/Curatori: Mario Tedeschini Lalli
Anno di pubblicazione: 2016 Fascicolo: 76 Lingua: English
Numero pagine: 13 P. 118-130 Dimensione file: 979 KB
DOI: 10.3280/TR2016-076017
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Saul Steinberg, laureato in Architettura a Milano, ha sempre negato o minimizzato le radici professionali della sua arte. Recenti studi sugli anni della sua formazione in Italia (1933-1941) hanno tuttavia scoperto alcuni significativi lavori che egli effettuò come architetto/progettista d’interni, prima che le leggi razziali italiane lo costringessero alla fuga nel 1941. La collaborazione più importante in questo rispetto fu quella con Fontana Arte, la casa fondata da Gio Ponti e da Pietro Chiesa. Steinberg produsse per Fontana Arte disegni per decorare mobili bar, paralumi e almeno un paravento. Le poche immagini disponibili mostrano affinità interessanti di questi disegni con le vignette che continuava a disegnare per i giornali umoristici in quegli stessi mesi e con alcuni degli assai più celebri lavori degli anni ’50. Alcuni disegni conservati in collezioni private sono qui pubblicati per la prima volta

  1. Deboni F., 2012, Fontana Arte. Gio Ponti, Pietro Chiesa, Max Ingrand. Torino-Londra-Venezia-New York: Umberto Allemandi.
  2. Girard A.H., Laurie Jr. W.D., 1949, eds., An Exhibition for Modern Living». Detroit: Detroit Institute of Arts.
  3. Hughes R., 1978, «The World of Steinberg». Time, April 17.
  4. Lori F., 1941, Storia del R. Politecnico di Milano. Milano: Antonio Cordani.
  5. Lupi I., 1999, «Steinberg. A Tribute to Saul Steinberg 1914-1999». Abitare, 387: 136-141.
  6. Montefusco S., 2012, a cura di, Fontana Arte: repertorio 1933-1943 delle immagini dalle immagini dell’epoca. Genova: The Arting Company.
  7. Pellicciari F., 2005, Critic Without Word. Saul Steinberg e l’architettura. Venezia: Istituto Universitario di Architettura, tesi di Laurea.
  8. Ponti G., 1949, «I paraventi di Fornasetti». Domus, 233, 2: 55-56.
  9. Smith J., 2006, Saul Steinberg: Illuminations. New York-London: Yale U.P.
  10. Steinberg S., 2002, Lettere ad Aldo Buzzi. A cura del destinatario. Milano: Adelphi.
  11. Tedeschini Lalli M., 2008, «Fuga d’artista. L’internamento di Saul Steinberg in Italia attraverso il suo diario e i suoi disegni». Mondo Contemporaneo, 2: 91-127.
  12. Tedeschini Lalli M., 2011, «Descent from Paradise: Saul Steinberg’s Italian Years (1933-1941)». Quest. Issues on Contemporary Jewish Issues, 2. http://www.quest-cdecjournal.it/focus.php?issue=2&id=221.

Mario Tedeschini Lalli, L’architetto Saul Steinberg e Fontana Arte in "TERRITORIO" 76/2016, pp 118-130, DOI: 10.3280/TR2016-076017