L’ordine celeste della città e il suo abbandono

Titolo Rivista: TERRITORIO
Autori/Curatori: Remo Bodei
Anno di pubblicazione: 2016 Fascicolo: 77 Lingua: English
Numero pagine: 7 P. 7-13 Dimensione file: 370 KB
DOI: 10.3280/TR2016-077001
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Secondo una tradizione di lunga durata, risalente ai pitagorici, la città deve ispirarsi alle proporzioni e alle armonie dell’universo. Le comunità umane, partecipi della vita del cosmo, devono perciò seguirne l’ordine, imitandone i movimenti ciclici e regolari. La compattezza del corpo civico è inoltre garanzia della compattezza della comunità, antidoto alla sua disgregazione. La corrispondenza tra ordine cosmico e società terrena si spezza all’inizio dell’età moderna, dove i conflitti vengono ritenuti fattori di crescita. Nelle città multiculturali e nell’epoca di veloci mutamenti, in cui l’identità individuale e collettiva appare minacciata, una delle tante strategie per integrarsi nella propria città è quella di apprendere a percepirlo quale spazio qualitativo e disomogeneo, con soglie di discontinuità che delimitano la scansione del tempo e lo svolgersi di differenti stili di vita

Remo Bodei, L’ordine celeste della città e il suo abbandono in "TERRITORIO" 77/2016, pp 7-13, DOI: 10.3280/TR2016-077001