Costruzione e condivisione di dati geografici: il sistema informativo per la gestione del piano

Titolo Rivista: TERRITORIO
Autori/Curatori: Daniela Giannoccaro
Anno di pubblicazione: 2016 Fascicolo: 77 Lingua: Italiano
Numero pagine: 4 P. 63-66 Dimensione file: 254 KB
DOI: 10.3280/TR2016-077009
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

La strutturazione delle informazioni geografiche a supporto del Piano paesaggistico lombardo parte da un’attività di ricognizione delle criticità dello strumento vigente, valutata sia attraverso esperienze dirette nei contesti di utilizzo dello stesso sia nella prospettiva dell’evoluzione tecnologica registrata negli ultimi anni in materia di produzione e distribuzione di dati geografici digitali, anche rispetto alla nuova cultura degli Open Data. Il Piano paesaggistico è uno strumento chiamato a gestire un sistema di componenti estremamente dinamiche e relazionate, ciascuna delle quali è rappresentata attraverso informazioni territoriali che richiedono continui aggiornamenti. L’obiettivo è quello di creare un sistema informativo comune ai differenti soggetti e strumenti, capace di innescare un processo ciclico di aggiornamento delle informazioni spaziali a supporto delle decisioni e della fase di gestione del piano

  1. Biallo G., 2013, a cura di, Dati Geografici Aperti: istruzioni per l’uso. I Quaderni di OpenGeoData Italia, Associazione OpenGeoData Italia. www.opengeodata.it (ultimo accesso 11/3/2016).
  2. Bocher E., Neteler M., 2012, eds., «Geospatial Free and Open Source Software in the 21st Century». Lecture Notes in Geoinformation and Cartography, XIV: 261. DOI: 10.1007/978-3-642-10595-1
  3. De Robbio A., 2013, «Dati aperti nella Pubblica Amministrazione tra crescita e trasparenza». DigItalia, 1: 29-50.
  4. Dominici G., 2013, «Open Data: amministrazioni e cittadini protagonisti del cambiamento», In: Biallo, op. cit., 20-24.
  5. Faini F., 2015, «Italian Open Government Strategy in National and Regional Regulation». Electronic Government and the Information Systems Perspective, 9265: 271-286. DOI: 10.1007/978-3-319-22389-6_20
  6. Manfredini F., Villa D., 2012, «From Location Aware Technologies to Open Data: Toward a New Urban Research Agenda». In: Seventh International Conference on Informatics and Urban and Regional Planning input. Cagliari, 1127-1138.
  7. Steiniger S., Bocher E., 2009. «An Overview on Current Free and Open Source Desktop gis Developments». International Journal of Geographical Information Science, 23, 10: 1345-1370. DOI: 10.1080/13658810802634956

Daniela Giannoccaro, Costruzione e condivisione di dati geografici: il sistema informativo per la gestione del piano in "TERRITORIO" 77/2016, pp 63-66, DOI: 10.3280/TR2016-077009