Clicca qui per scaricare

Learning from (Milan) Expo
Titolo Rivista: TERRITORIO 
Autori/Curatori: Antonella Bruzzese, Stefano Di Vita 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: 77 Lingua: Inglese 
Numero pagine:  11 P. 95-105 Dimensione file:  503 KB
DOI:  10.3280/TR2016-077016
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Nei mesi successivi alla conclusione dell’Esposizione Universale di Milano 2015, l’articolo propone un’esplorazione delle ricadute territoriali della manifestazione, contribuendo alla riflessione in corso sulla capacità dei grandi eventi di continuare ad essere fattori di cambiamento urbano nella fase di incertezze economiche, politiche e sociali determinate dall’attuale congiuntura. Considerando sei temi - grandi infrastrutture, accessibilità/spazio pubblico, coinvolgimento/visibilità, legacy culturale, innovazione tecnologica e stato di eccezione - e osservando gli effetti territoriali dell’evento nel breve periodo, vengono riconosciuti sia gli aspetti critici, sia gli elementi di innovazione, che hanno caratterizzato l’esperienza milanese e che potrebbero influenzare il futuro sviluppo, sia del sito espositivo, sia della regione metropolitana


Keywords: Expo Milano 2015; urban change; innovazione urbana

  1. Aa.Vv., 2008, «Mobilità e grandi eventi». Tema, Journal of Land Use, Mobility and Environment, 1, 2 ( special issue).
  2. Aimone L., Olmo C., 1990, Le esposizioni universali. 1851-1900 il progresso in scena. Torino: Allemandi.
  3. Anderson C., 2012, Makers. The New Industrial Revolution. New York: Crown Pub.
  4. Azzone G., Balducci A., 2015, «Il dopo Expo secondo il Politecnico: una valle dell’innovazione». Corriere della Sera, May 11th.
  5. Balducci A., Fedeli V., Pasqui G., eds., 2011, Strategic Planning for Contemporary Urban Regions. London: Ashgate.
  6. Basso M., Di Vita S., 2015, Aspetti processuali e di governance dell’Expo di Milano 2015: alcuni limiti e paradossi di una ‘italica’ gestione para-emergenziale. Arcavata di Rende: paper presented at the XXXVI Conferenza Italiana di Scienze Regionali, September.
  7. Battisti E., Battisti F., Di Vita S., Guerritore C., 2011, Expo Diffusa e Sostenibile. Milano: Unicopli-dpa.
  8. Bolocan Goldstein M., 2015, «Un post-Expo coerente con una Milano gateway». Notiziario della Banca Popolare di Sondrio, 129, 21-23.
  9. Bolocan Goldstein M., forthcoming, «Oltre Expo 2015, geografie milanesi in prospettiva metropolitana». Urbanistica, 152.
  10. Bolocan Goldstein M., Dapri G., Di Vita S., Galuzzi P., Nobile P., 2015, Expo 2015. Problematiche di sviluppo nell’arena metropolitana e lombarda. Report. Milano: Cgil Lombardia. Botto I.S., 2014, «Expo 2015, Quattro anni sprecati poi il rush finale». Il Giornale dell’Architettura, 117: 13.
  11. Botto I.S., 2015, «Expo 2015 e il buco nell(a Via d’)Acqua». Eyesreg, 5, 2, 63-66.
  12. Botto I.S, Di Vita S., 2015, «Expo: quale legacy per il futuro di Milano». Planum Magazine. www.planum.net/planum-magazine/themesonline/expo-quale-legacy-per-il-futuro-di-milano.
  13. Clark G., 2008, Local Development Benefits from Staging Major Events. Paris: oecd.
  14. Collina L., ed., 2015, «Building the Expo». Domus, special issue.
  15. Costa G., 2014, «Impatti e legacy sociali dei grandi eventi, esperienze internazionali, sfide e opportunità per Milano 2015». In: Lodigiani R. (a cura di), Milano 2014. Expo, laboratorio metropolitano cantiere per un nuovo mondo, Rapporto sulla città della Fondazione Culturale Ambrosianeum. Milano: FrancoAngeli.
  16. Di Vita S., 2010, Milano Expo 2015. Un’occasione di sviluppo sostenibile. Milano: FrancoAngeli.
  17. Di Vita S., 2014a, «Il riposizionamento strategico delle città europee: dalla spettacolarizzazione dell’urbano alla smart city. L’esperienza di Milano». Officina, 2: 18-23.
  18. Di Vita S., 2014b, «Governance, progettazione e smartness di Expo 2015. Occasioni mancate e tentativi di innovazione nella grande contrazione ». In Lodigiani R. (a cura di), Milano 2014. Expo, laboratorio metropolitano cantiere per un nuovo mondo, Rapporto sulla città della Fondazione Culturale Ambrosianeum. Milano: FrancoAngeli, 51-70.
  19. Di Vita S., 2014c, «La metamorfosi della città tra terziarizzazione e neoindustrializzazione: riflessioni per un’agenda urbana della nuova Città Metropolitana di Milano». Urbanistica Informazioni, 257: 11-16.
  20. Di Vita S., forthcoming, «L’Esposizione Universale del 2015 nel tempo: dalla candidatura al post-evento». Urbanistica, 152.
  21. Florida R., 2005, Cities and the Creative Class. New York: Routledge.
  22. Furrer P., 2002, «Giochi olimpici sostenibili: utopia o realtà?». Bollettino della Società Geografica Italiana, VII, 4: 1-28.
  23. Gaja i Diaz F., 2009, «Grandi eventi, grandi progetti: una scommessa ad alto rischio». Territorio, 48: 91-97., 10.3280/TR2009-048016DOI: 10.3280/TR2009-048016
  24. Getz D., 2008, Event Studies. Theory, Research and Policy for Planned Events. London: Elsevier.
  25. Guala C., 2015, Mega Eventi. Immagini e legacy dalle Olimpiadi alle Expo. Roma: Carocci.
  26. Hall C.M., 1992, Hallmark Tourist Events: Impact, Management and Planning. London: Bellhaven.
  27. Hayes G., Karamichas J., eds., 2011, Olympic Games, Mega-Events and Civil Societies. Basingstoke: Palgrave MacMillan.
  28. Liso O., 2015, «Expo, cosa resterà: dai cluster alle vele. Ipotesi riciclo per la Triennale del design». Repubblica on line. November 23rd.
  29. Morandi C., 2015, «Oltre Expo: con quali prospettive?». Eyesreg, 5, 2: 39-42.
  30. Morandi C., Rolando A., Di Vita S., 2016, From Smart City to Smart Region. Digital Services for an Internet of Places. Cham: Springer.
  31. Munoz F., 2011, «I grandi eventi nella città del XXI secolo: variazioni sull’esperienza di Barcellona». Sociologia Urbana e Rurale, 96: 46-71., 10.3280/SUR2011-096004DOI: 10.3280/SUR2011-096004
  32. Olmo C., 2015, «Tra Padiglioni iperrealisti la riscoperta della terra è un’eredità immateriale». La Stampa, November 1st.
  33. Pasqui G., forthcoming, «Expo 2015 e Milano: storie intrecciate». Urbanistica, 152.
  34. Rifkin J., 2011, The Third Industrial Revolution. How Lateral Power is Transforming Energy, the Economy, and the World. New York: Palgrave MacMillan.
  35. Roche M., 2000, Mega-events and Modernity: Olympics and Expos in the Growth of Global Culture. London: Routledge.
  36. Rolando A., 2014, «Tecnologie digitali fuori porta». Il Giornale dell’Architettura, 117: 15.
  37. Scott A.J., 2014, «Beyond the Creative City: Cognitive-Cultural Capitalism and the New Urbanism». Regional Studies, 48, 4: 565-578., 10.1080/00343404.2014.891010DOI: 10.1080/00343404.2014.891010
  38. Vainer C., 2010, «Cidade e Excepção: Reflexões a partir do Rio de Janeiro ». http://pfdc.pgr.mpf.gov.br/atuacao-e-conteudos-de-apoio/publicacoes/direito-a-moradia-adequada/artigos/cidade-de-excecaocarlos-vainer.
  39. Wilson M., 2010, «Event Engineering: Urban Planning for Olympics and World’s Fairs». In: Brunn S.D. (ed.), Engineering Earth: The Impacts of Megaengineering Projects. Dordrecht: Springer Science + Business Media, 100-110.



  1. Stefano Di Vita, Mega-Events and Legacies in Post-Metropolitan Spaces pp. 115 (ISBN:978-3-319-67767-5)
  2. Corinna Morandi, Mega-Events and Legacies in Post-Metropolitan Spaces pp. 15 (ISBN:978-3-319-67767-5)

Antonella Bruzzese, Stefano Di Vita, in "TERRITORIO" 77/2016, pp. 95-105, DOI:10.3280/TR2016-077016

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche