Le relazioni petrolifere Italia-Urss: l’Agip e il Nepthesyndacat 1926-1934
Titolo Rivista: ITALIA CONTEMPORANEA 
Autori/Curatori: Giacinto Mascia 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: 281  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  0 Dimensione file:  0 KB
DOI:  10.3280/ic281-oa1
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 

 

Articolo Open Access
Clicca qui per vederlo.

L'articolo analizza il rapporto petrolifero fra l'Agip e il Nepthesyndacat russo durante la prima fase di sviluppo della politica petrolifera italiana. Nel 1926 il governo istituì l'Agip che avviò subito le attività di upstream in Romania ed Albania, ma fino al 1934 l'attività di downstream Agip in Italia si limitò alla commercializzazione di prodotti petroliferi raffinati importati. Per inserirsi e consolidarsi sul mercato petrolifero italiano controllato dalla Siap e dalla Nafta, filiali rispettivamente della Standard Oil of New Jersey e della Royal Dutch-Shell, l'Agip si avvalse della collaborazione del Nepthesyndacat. L'afflusso dei carburanti russi permise all’Agip di contrastare il downstream Siap-Nafta, consentendo un generale rafforzamento dell’ente di Stato sul mercato nazionale in attesa della valorizzazione dei suoi campi petroliferi rumeni e albanesi.


Keywords: Agip, Nepthesyndacat, Nafta, Siap, upstream, downstream

Giacinto Mascia, in "ITALIA CONTEMPORANEA" 281/2016, pp. , DOI:10.3280/ic281-oa1

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche