Il tempo e il luogo della cura. Una riflessione junghiana sul setting

Titolo Rivista: STUDI JUNGHIANI
Autori/Curatori: Marina Corradi, Massimo Giannoni
Anno di pubblicazione: 2016 Fascicolo: 43 Lingua: English
Numero pagine: 22 P. 5-26 Dimensione file: 357 KB
DOI: 10.3280/JUN2016-043001
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Si propone una riflessione sul setting, sostenendo la tesi che esiste un rapporto necessitante tra la cornice (interna ed esterna) in cui si svolge la cura (setting) e la teoria del funzionamento psichico che organizza la prassi terapeutica. Nella tradizione freudiana, pur essendo state introdotte negli anni alcune variazioni, si sono sempre rintracciati gli elementi di continuità con le posizioni del fondatore. Con l’introduzione del paradigma relazionale emergono invece elementi di notevole discontinuità rispetto al setting freudiano classico e si aprono nuove riflessioni sul setting e sulle sue possibili variazioni. Cerchiamo di definire uno specifico setting junghiano, che trovi nelle teorie del funzionamento psichico di Jung il suo fondamento. Vengono inoltre evidenziate convergenze e differenze del setting junghiano rispetto a quello proposto dalla psicoanalisi relazionale.

  1. Aron L. (2003). The Paradoxical Place of Enactment in Psychoanalysis. Psychoanalytic Dialogues, 13, 5: 623-631. DOI 10.1080/10481881309348760. 
  2. Barker R. (1968). Echological psychology. Concepts and methods for studying the environment of human behavior. Palo Alto, Stanford University Press. Bass A. (2007). When the Frame doesn’t fit the Picture. Psychoanalytic Dialogues, 17, 1: 1-27. DOI 10.1080/10481880701301022. 
  3. Beebe B., Lachman F.M. (2002). Infant Research and Adult Treatment. London: Routledge (trad. it. Infant Research e trattamento degli adulti. Milano: Cortina, 2003).
  4. Bion W.R. (1967). Learning from Experience. London: Heinemann (trad. it. Apprendere dall’esperienza. Roma: Armando, 1972).
  5. Bleger J. (1962). Simbiosis y ambigüedad. Buenos Aires: Amorrortu (trad. it. Simbiosi e ambiguità. Loreto: Lauretana, 1992).
  6. Coppo P. (2003). Tra psiche e culture. Torino: Bollati Boringhieri.
  7. Etchegoyen H. (1986). Los fundamentos de la tecnica psicoanalitica. Buenos Aires: Amorrortu (trad. it. I fondamenti della tecnica psicoanalitica. Roma: Astrolabio, 1990).
  8. Freud S. (1912). Ratschläge für den Arzt bei der psychoanalytischen Behandlung (trad. it. Consigli al medico nel trattamento psicoanalitico. In: Opere, vol. 6. Torino: Boringhieri, 1974).
  9. Freud S. (1913-14). Weitere Ratschläge zur Technok der Psychoanalyse (trad. it. Nuovi consigli sulla tecnica della psicoanalisi. In: Opere, vol. 7. Torino: Boringhieri, 1975).
  10. Gabbard G.O. (2007). Flexibility of the Frame Revisited. Commentary on Tony Bass’s: “When the Frame doesn’t fit the Picture”. Psychoanalytic Dialogues, 17, 6: 923-929. DOI 10.1080/10481880701704100. 
  11. Gabbard G.O., Lester E.P. (1995). Boundaries and boundary violations in psychoanalysis. Washington, DC, London: American Psychiatric Association (trad. it. Violazioni del setting. Milano: Cortina, 1999).
  12. Galimberti U. (1999). Dizionario di Psicologia. Torino: Garzanti.
  13. Gill M. (1994). Psychoanalysis in Transition. London: Routledge (trad. it. Psicoanalisi in transizione. Milano: Cortina, 1996).
  14. Greenberg J.L. (1995). Psychoanalytic Technique and the interactive Matrix. Psychoanalytic Quarterly, 64: 1-22.
  15. Jacobs T.J (1986). On Countertransference Enactments. Journal of American Psycoanalytic Association, 34: 289-307. DOI 10.1177/000306518603400203. 
  16. Jung C.G. (1918). Über die Energetik der Seele. (trad. it. Energetica psichica. In: Opere, vol. 8. Torino: Boringhieri, 1976).
  17. Jung C.G. (1928). Die Beziehungen zwischen dem Ich und dem Unbewussten (trad. it. L’Io e l’Inconscio. In: Opere, vol. 7. Torino: Boringhieri, 1983).
  18. Jung C.G. (1929). Die Probleme der modernen Psychoterapie (trad. it. Problemi della psicoterapia moderna. In: Opere, vol. 16. Torino: Boringhieri, 1981).
  19. Jung C.G. (1935). Fundamental Psychological Conceptions: A Report of Five Lectures (trad. it. Fondamenti della psicologia analitica. Quinta conferenza Tavistock. In: Opere, vol. 15. Torino: Boringhieri, 1991).
  20. Jung C.G. (1946). Was ist Psychotherapie? (trad. it. Che cos’è la psicoterapia?. In: Opere, vol. 16. Torino: Boringhieri, 1981).
  21. Jung C.G. (1946). Die Psychologie der Übertragung (trad. it. La psicologia della traslazione. In: Opere, vol. 16. Torino: Borighieri, 1981).
  22. Jung C.G (1957-1958). Die Transzendente Funktion (trad. it. La funzione trascendente. In: Opere, vol. 8. Torino: Boringhieri, 1976).
  23. Knox J. (2003). Archetypes, Attachment, Analysis. London: Routledge (trad. it. Archetipo, attaccamento e analisi. La psicologia junghiana e la mente emergente. Roma: Magi, 2007).
  24. Kohut H. (1984). How Does Analysis Cure? Chicago: University of Chicago Press (trad. it. La cura psicoanalitica. Torino: Boringhieri, 1986).
  25. Langs R. (1974). The Technique of Psychoanalytic Psychotherapy. New York: Aronson (trad. it. La tecnica della psicoterapia psicoanalitica. Torino: Boringhieri, 1979).
  26. Langs R. (1985). Madness and cure. Emerson, N.J.: Newconcept Press (trad. it. Follia e cura. Torino: Boringhieri, 1988).
  27. Lichtenberg J.D., Lachman F.M., Fosshage J.L. (1996). The clinical Exchange. Hillsdale, N.J.: Analytic Press (trad. it. Lo scambio clinico. Milano: Cortina, 2000).
  28. Mitchell S.A. (1988). Relational Concepts in Psychoanalysis. Cambridge, Mass.: Harvard University Press (trad. it. Gli orientamenti relazionali in psicoanalisi. Torino: Boringhieri, 1993).
  29. Mitchell S.A. (1993). Hope and dread in Psychoanalysis. New York: Basic Books (trad. it. Speranza e timore in psicoanalisi. Torino: Boringhieri, 1995).
  30. Ricoeur P. (1965). De L’Interprétation. Paris: Gallimard (trad. it. Della interpretazione. Saggio su Freud. Milano: Il Saggiatore, 1986).
  31. Stern A. (2004). The Present Moment in Psychotherapy and Everyday Life. New York: Norton (trad. it. Il momento presente. Milano: Cortina, 2006).
  32. Turner V. (1969). The Ritual Process. Ithaca: Cornell University Press (trad. it. Il processo rituale. Brescia: Morcelliana, 2001).
  33. Stolorow R., Atwood G. (1992). Contexts of Being. Hillsdale: Analytic Press (trad. it. I contesti dell’essere. Torino: Boringhieri, 1995).
  34. Winnicott D.W. (1971). Playing and reality. London: Tavistock Publications (trad. it. Gioco e realtà. Roma: Armando, 1993).
  35. Voltaggio F. (1992). L’arte della guarigione. Torino: Bollati Boringhieri.

Marina Corradi, Massimo Giannoni, Il tempo e il luogo della cura. Una riflessione junghiana sul setting in "STUDI JUNGHIANI" 43/2016, pp 5-26, DOI: 10.3280/JUN2016-043001