Clicca qui per scaricare

Riflessivita, attivita grafico-pittoriche e arte: un circolo virtuoso
Titolo Rivista: RICERCHE DI PSICOLOGIA  
Autori/Curatori: Gabriella Gilli 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: 3  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  10 P. 423-432 Dimensione file:  174 KB
DOI:  10.3280/RIP2016-003011
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il nesso tra i progressi del pensiero riflessivo da un lato e la fruizione di opere d’arte e l’attivita grafico-pittorica dall’altro viene esaminato alla luce della letteratura scientifica, di riflessioni metodologiche e di proposte applicative. L’arte e le produzioni grafico-pittoriche sono intesi come esercizi di mentalizzazione, in quanto costituiscono una realta inter-mentale che promuove un incontro di menti e favoriscono nel fruitore le ipotesi (il ragionamento mentalistico) circa le relazioni tra le rappresentazioni dell’autore, del soggetto rappresentato, dell’opera e del fruitore stesso; sono quindi dei mediatori rappresentazionali per la comunicazione tra menti. La funzione comunicativa dell’opera d’arte ed espressiva e presentata nei suoi aspetti cruciali: indicare i referenti esterni e, nello stesso tempo, evocare lo stato d’animo dell’autore, nonche suggerire aspetti della mente del fruitore stesso. Nella pratica educativa, osservare opere d’arte o produzioni espressive, discuterne insieme, valorizzando le motivazioni e il processo di costruzione di significati che ne scaturisce, aiuta a elaborare la propensione narrativa di bambini e adulti. La ricerca psicologica conferma che tali attivita favoriscono la capacita di mentalizzazione, di riflessivita e di attribuzione di intenzionalita e possono diventare il mezzo per interpretare e comprendere il mondo in ottica intersoggettiva: il quadro dell’artista, ma anche la produzione grafico-pittorica del bambino o dell’adulto, sono tracce e indizi che ci dicono qualche cosa della loro e della nostra mente.


Keywords: Attivita grafico-pittoriche, arte, pensiero riflessivo, ragionamento mentalistico

  1. Argenton, A. (1996). Arte e cognizione. Milano: Raffaello Cortina.
  2. Bloom, P. (2004). Descartes’ baby: How the science of child development explains what makes us human. New York: Basic Books.
  3. Barrett, T. (2002). Interpreting art. Reflecting, Wondering, and Responding. New York: McGraw-Hill.
  4. Bateson, G. (1976). Stile, grazia, informazione nell’arte primitiva. In G. Bateson, Verso un’ecologia della mente. Milano: Adelphi.
  5. Bruner, J.S. (1990). Il conoscere. Saggi per la mano sinistra. Roma: Armando
  6. Editore. Callaghan, T.C., & Rochat, P. (2003). Traces of the artist: sensitivity to the role of the artist in children’s pictorial reasoning. British Journal of Developmental Psychology, 21, 415-445., DOI: 10.1348/026151003322277784
  7. Chatterjee, A. (2004). Prospects for a cognitive neuroscience of visual aesthetics. Bulletin of Psychology and the Arts, 4, 55-60.
  8. Conway, B.R., & Livingstone, M. (2007). Perspectives on science and art. Current Opinion in Neurobiology, 17 , 1-7., DOI: 10.1016/j.conb.2007.07.010
  9. Cupchick, G.C., Vartanian, O., Crawley, A., & Mikulis, D.J. (2009). Viewing artworks: contributions of cognitive control and perceptual facilitation to aesthetic experience. Brain and Cognition, 70, 84-91.
  10. 10.1016/j.bandc.2009.01.003.
  11. De Bartolomeis, F. (2002). Nuove esperienze di educazione artistica. Azzano SanPaolo: Edizioni Junior.
  12. Della Cagnoletta, M. (2010). Arte Terapia. La prospettiva psicodinamica. Roma: Carocci.
  13. Di Dio, C., Macaluso, E., & Rizzolatti, G. (2007). The Golden Beauty: Brain Response to Classical and Renaissance Sculptures. PLoS ONE, 2(11), e1201., DOI: 10.1371/journal.pone.0001201
  14. Dostoevskij, F.M. (1873). I demoni. Parte III, cap. II (tr.it. I demoni. Milano: Rizzoli, 1981, p. 537).
  15. Freedberg, D. (1989). The power of images: Studies in the History and Theory of Response. Chicago and London: Chicago University Press.
  16. Freeman, N.H. (2004). Aesthetic judgement and reasoning. In E.W. Eisner & M.D. Day (Eds.), Handbook of research and policy in art education. (pp. 359-378). Mahwah NJ: Lawrence Erlbaum.
  17. Freeman, N.H., & Allen, M. (2013). Educating the design stance. Behavioral and Brain Science, 36, 141-142., DOI: 10.1017/S0140525X12001616
  18. Freeman, N.H. (2000). Communication and representation: Why mentalistic reasoning is a lifelong endeavour. In P. Mitchell & K. J. Riggs (Eds.), Children’s Reasoning and the Mind (pp. 349—366). London: Psychology Press/Taylor & Francis
  19. Freeman, N.H. (2011). Varieties of pictorial judgement: a functional account. In E. Schellekens & P. Goldie (Eds.), The Aesthetic Mind: Philosophy and Psychology, (pp. 414-426). Oxford: Oxford University Press.
  20. Freud, S. (1913) Totem e Tabu. O.S.F. vol. 7. Torino: Boringhieri.
  21. Karmiloff-Smith, A. (1992). Beyond Modularity: A Developmental Perspective on Cognitive Science. Cambridge, MA: MIT Press.
  22. Gardner, H. (2011). Verita, bellezza, bonta. Educare alle virtu nel ventunesimo secolo. Milano: Feltrinelli.
  23. Gilli, G, & Colombo, L. (2005). Artista, quadro, mondo, fruitore. L’arte nella mente dei bambini. In A. Marchetti, O. Liverta Sempio, F. Lecciso (Eds.). Teoria della mente. Tra normalita e patologia (pp. 71-84). Milano: Raffaello Cortina.
  24. Gilli, G., Colombo, L., Gatti, M., & Ruggi, S. (2007). Arte e bambini. Riflessioni tra teoria, metodo e laboratorio. Scuola Materna per l’Educazione dell’Infanzia, 2, Dossier centrale.
  25. Gilli, G., Gatti, M., Ruggi, S., & Freeman, N.H. (2016). How Children’s Mentalistic Theory Widens their Conception of Pictorial Possibilities. Frontiers Psychology, 26 February 2016., DOI: 10.3389/fpsyg.2016.00177
  26. Gilli, G., & Ruggi, S. (2010). La comprensione dell’opera d’arte. In A. Marchetti & A. Valle (Eds.). Le relazioni sociali del bambino (pp.136-153). Milano: FrancoAngeli.
  27. Jacobsen, T., Schubotz, R.I., Hofel. L., & Von Cramon, DY. (2006). Brain correlates of aesthetic judgment of beauty. NeuroImage. 29, 276-286.
  28. Jolley, R. (2010). Children and pictures: Drawing and understanding. London: Wiley-Blackwell.
  29. Leder, H., Belke, B., Oeberst, A., & Augustin, D. (2004). A model of aesthetic appreciation and aesthetic judgments. British Journal of Psychology., DOI: 10.1348/000712604236981
  30. McManus, I.C. (2011). Beauty is instinctive feeling: experimenting on aesthetics and art. In E. Schellekens & P. Goldie (Eds.), The Aesthetic Mind: Philosophy and Psychology (pp.169–189). Oxford: Oxford University Press.
  31. Morelli, U. (2013). Mente e bellezza. Torino: Allemandi. Malchiodi, C.A. (Ed.) (2014). Artereapia e cura della salute. Milano: Red.
  32. Maridaki-Kassotaki, K., & Freeman, N.H. (2000). Concepts of pictures on display. Empirical Studies of the Arts, 18, 151-158., DOI: 10.2190/24Y7-2GDJAX1A-0RG2
  33. Massaro, D., Savazzi, F., Di Dio, C., Freedberg, D., Gallese, V., Gilli, G. & Marchetti, A. (2012) When Art Moves the Eyes: A Behavioral and Eye-Tracking Study. PLoS ONE, 7(5), e37285., DOI: 10.1371/journal.pone.0037285
  34. Perniola, M. (2015). L’arte espansa. Torino: Giulio Einaudi Editore.
  35. Ruggi, S., Gilli, G., Colombo, L., Tagliabue, S., & Gatti, M. (2012). Contributo alla validazione italiana del Nuovo Test Estetico di Lindauer. Ricerche di Psicologia, 583-603.
  36. Savazzi, F., Massaro, D., Di Dio, C., Gallese, V., Gilli, G., & Marchetti, A. (2014) Exploring Responses to Art in Adolescence: A Behavioral and Eye-Tracking Study. PLoS ONE, 9(7), e102888., DOI: 10.1371/journal.pone.0102888

Gabriella Gilli, in "RICERCHE DI PSICOLOGIA " 3/2016, pp. 423-432, DOI:10.3280/RIP2016-003011

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche