La "consistenza" degli Io-soggetto e l’assetto della cura

Titolo Rivista: RICERCA PSICOANALITICA
Autori/Curatori: Olga Spagnuolo
Anno di pubblicazione: 2016 Fascicolo: 3 Lingua: Italiano
Numero pagine: 10 P. 57-66 Dimensione file: 172 KB
DOI: 10.3280/RPR2016-003005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Quali sono gli obiettivi della cura analitica? Certamente ci interessa di limitare la sofferenza del paziente ed è fondamentale accogliere il suo specifico modo di concepirla, forse il nostro primo obiettivo è portarlo a vedere, o meglio a sentire, come il suo problema sia invece proprio l’esito di una soluzione ormai disfunzionale e offrirgli con ciò la possibilità di cambiare qualcosa. Ma un secondo e parallelo obiettivo ha invece, a mio parere, un valore altrettanto fondamentale. Esso prescinde (pur essendo a questo strettamente connesso) dal "dinamico" che determina e rinnova la ripetizione, per mirare a poter sentire la "consistenza" dell’essere, il proprio "peso" nel mondo, sapere di esserne cioè una parte unica e peculiare: un soggetto vivo che "è" quel che è, anzi: che "è" proprio perché è quel che è. Miriamo quindi a una presenza che sia intimità con il mondo, che sia cioè profonda partecipazione e a partire dal riconoscimento e dalla legittimazione della propria intera soggettualità, la incarni interamente nel mondo.

  1. Agostino. Confessioni. Bur, Biblioteca univ. Rizzoli, 2006.
  2. Baranger W. e M. (1961). Trad. it.: La situazione analitica come campo bipersonal. Milano: Raffaello Cortina Editore, 1990.
  3. Bion W. (1962). Trad. it.: Apprendere dall’esperienza. Roma: Armando, 1972.
  4. Bucci W. (1997). Trad. it.: Psicoanalisi e scienza cognitiva. Roma: Fioriti, 1999.
  5. Ceruti M. (2009). Il vincolo e la possibilità Milano: Cortina
  6. Freud S. (1912). OSF, vol IV. Torino: Boringhieri.
  7. Freud S. (1914). OSF, vol VI. Torino: Boringhieri.
  8. Julienne F. (2014). Trad. it.: Sull’intimità: lontano dal frastuono dell’amore. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  9. Leopardi G. L’infinito. In: Canti. Milano: La Feltrinelli, 2008.
  10. Little M. (1951). Trad. it.: Il controtransfert e la risposta del paziente. In: Albarella e Donadio, a cura di, Studi sul controtransfert. Napoli: Liguori, 1998.
  11. Minolli M. (2009). Psicoanalisi della relazione. Milano: FrancoAngeli.
  12. Morin E. (2011). Trad. it.: La sfida della complessità. Firenze: Le lettere.
  13. Pasolini PP. (1957). Il pianto della scavatrice, In: Le ceneri di Gramsci. Milano: Garzanti.
  14. Racker H. (1968). Trad. it.: Studi sulla tecnica psicoanalitica Roma: Armando, 1970.
  15. Searles H. (1965). Trad. it.: Scritti sulla schizofrenia. Torino: Boringhieri, 1974.
  16. Szymborska W. (1945-2009). Trad. it.: Niente è in regalo. In: La gioia di scrivere. Milano: Adelphi.
  17. Turillazzi Manfredi S. (1994). Le certezze perdute della psicoanalisi clinica. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  18. Weil S. (1943). Trad. it.: La persona e il sacro. Milano: Adelphi, 2012.

Olga Spagnuolo, La "consistenza" degli Io-soggetto e l’assetto della cura in "RICERCA PSICOANALITICA" 3/2016, pp 57-66, DOI: 10.3280/RPR2016-003005