Clicca qui per scaricare

Gli "spazi del cibo" per nuove abitabilità delle periferie urbane
Titolo Rivista: TERRITORIO 
Autori/Curatori: Sara Basso, Paola Di Biagi 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: 79 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  2 P. 17-18 Dimensione file:  104 KB
DOI:  10.3280/TR2016-079002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Non più riconducibile alla sola dimensione agricolo-rurale, la questione alimentare coinvolge oggi lo spazio urbano nella sua interezza, intrecciandosi inevitabilmente con temi di carattere più generale, quali giustizia sociale e spaziale, salute pubblica, sicurezza alimentare, economia urbana, qualità dello spazio pubblico, tutela e valorizzazione delle risorse e delle identità territoriali, ecc. Obiettivo del servizio è mettere a fuoco alcune possibili chiavi di lettura delle relazioni tra cibo e città, con una particolare attenzione al ruolo che spazi e processi del cibo possono avere nel migliorare l’abitabilità nei quartieri periferici di edilizia residenziale pubblica


Keywords: Spazi del cibo; riqualificazione urbana; politiche agro-urbane

  1. Calori A., 2009, a cura di, Coltivare la città. Giro del mondo in dieci progetti di filiera corta. Milano: Terre di Mezzo Editore.
  2. Calori A., Magarini A, 2015, a cura di, Food and the City. Politiche del cibo per città sostenibili. Milano: Edizioni Ambiente.
  3. Di Iacovo F., Brunori G, Innocenti S., 2013, «Le strategie urbane: il piano del cibo». Agriregioneeuropa, 32: 9.
  4. Gabellini P., 2014, «La strada della resilienza». In: Russo M. (a cura di), Urbanistica per una diversa crescita. Progettare il territorio contemporaneo. Roma: Donzelli, 37-45.

Sara Basso, Paola Di Biagi, in "TERRITORIO" 79/2016, pp. 17-18, DOI:10.3280/TR2016-079002

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche