Clicca qui per scaricare

Col-azioni. Pratiche di convivialità per la rigenerazione degli spazi pubblici
Titolo Rivista: TERRITORIO 
Autori/Curatori: Annalisa Metta, Maria Livia Olivetti 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: 79 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  6 P. 47-52 Dimensione file:  345 KB
DOI:  10.3280/TR2016-079008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Nel 1995 la fao individua la città come territorio per la produzione di cibo. Da allora, la tendenza a integrarvi lo spazio tenue, necessario per il pascolo animale e la coltivazione, ha prodotto un sostanzioso e valido corpus di strategie, metodi, realizzazioni. Di pari passo, in Europa, la ricerca sulla rigenerazione degli insediamenti residenziali pubblici si è intensificata, secondo un significativo parallelo storico/tematico. Le implicazioni reciproche tra spazi aperti urbani e alimentazione sono pertinenti non solo in termini di produzione, ma anche di preparazione e consumo di cibo. Condividere negli spazi pubblici la più domestica delle azioni, mangiare insieme all’aperto, può trasformare il significato e il valore di luoghi compromessi, svelandone il potenziale di accoglienza e convivialità. Con Col-azioni chiamiamo le esperienze di rigenerazione degli spazi pubblici in contesti urbani fragili, che trovano comune strumento nella condivisione del cibo


Keywords: Architettura dei comportamenti; rituali urbani; spazio pubblico

  1. Agamben G., 2014, L’uso dei corpi. Homo Sacer, IV. Milano: Neri Pozza.
  2. Amato F. et al., 2015, «‘Serpentone Reload’ an Experience of Citizens Involvement in Regeneration of Peripheral Urban Spaces». In: Gervasi O. et al. (eds.), ICCSA 2015, part II, lncs. Berlin: Springer.
  3. Barthe-Deloizy F., 2008, dir., Le pique-nique. Ou l’éloge d’un Bonheur ordinaire. Paris: Bréal.
  4. Borasi G., Zardini M., 2008, eds., Actions: What You Can Do with the City. Montreal: Sun Publishers.
  5. Gronsky A., 2013, Pastoral/Moscow Suburbs. Roma: Contrasto.
  6. Harvey D., 1998, L’esperienza urbana. Milano: Il Saggiatore.
  7. Flusty S., 1997, «Building Paranoia». In: Ellin N. (ed.), Architecture of Fear. New York: Princeton Architectural Press.
  8. Imbert D., 2015, ed., Food and the City: Histories of Culture and Cultivation. Georgetown: Dumbarton Oaks Pub.
  9. La Cecla F., 2015, Contro l’urbanistica. Torino: Einaudi, Torino.
  10. Metta A., 2012, «Lo spessore della città alta zero». In De Matteis F., Marini S. (a cura di), Nello spessore. Traiettorie e stanze dentro la città. Roma: Edizioni Nuova Cultura.
  11. Metta A., Olivetti M.L., 2013, «Design as Adaptive and Provisional Practice».
  12. In: Staniscia S. (eds.), Reds Rome Ecological Design Symposium. Trento: List-Lab Laboratorio Internazionale Editoriale.
  13. Montanari M., 1989, Convivio. Storia e cultura dei piaceri della tavola. Roma-Bari: Laterza.
  14. Nucera E., 2016, Coltivare paesaggi prossimi. Itinerari e progetti tra l’urbano e il rurale. Reggio Calabria: tesi di dottorato in Architettura, Dipartimento darte, Università degli Studi Mediterranea.
  15. Olivetti M.L., Metta A., Lambertini A., 2014, a cura di, Progettare paesaggi quotidiani. Roma: Gangemi.
  16. Schiere H., 2001, ed., Livestock Keeping in Urban Areas. A Review of Traditional Technologies Based on Literature and Field Experience. Rome: fao Animal Production and Health, 151.
  17. Venegoni D., 2011, Una inusitata cena condominiale multietnica. -- https://dariovenegoni.wordpress.com/2011/06/23/una-inusitata-cena-condominiale-multietnica/; ultimo accesso 30/5/2016).

Annalisa Metta, Maria Livia Olivetti, in "TERRITORIO" 79/2016, pp. 47-52, DOI:10.3280/TR2016-079008

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche