Clicca qui per scaricare

La contrattazione decentrata per il lavoro e la produttività. Il caso degli accordi aziendali della provincia di Brescia
Titolo Rivista: QUADERNI DI ECONOMIA DEL LAVORO 
Autori/Curatori: Sergio Albertini 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: 105  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  18 P. 191-208 Dimensione file:  186 KB
DOI:  10.3280/QUA2016-105010
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il capitolo propone una riflessione sulle relazioni industriali a livello d’impresa considerate come condizione necessaria per l’adozione di pratiche avanzate di gestione del personale. In particolare l’ipotesi di ricerca è che la contrattazione decentrata di secondo livello - sotto determinate condizioni - possa risultare una pratica manageriale innovativa e partecipata, funzionale alla crescita sia della produttività che del benessere dei lavoratori. In questa direzione il saggio analizza il materiale informativo relativo a 1403 accordi aziendali sottoscritti in provincia di Brescia nel periodo 2008-2014. L’evidenza empirica mostra come la principale condizione per coniugare le esigenze dei lavoratori con le esigenze di competitività delle imprese sia lo scambio tra flessibilità interna del lavoro e partecipazione democratica ai processi decisionali


  1. ADAPT (2016). La contrattazione collettiva in Italia (2015). Il Rapporto ADAPT. ADAPT University Press.
  2. Albertini S., Leoni R., a cura di (2009). Innovazioni organizzative e pratiche di lavoro nelle imprese industriali del Nord. Milano: FrancoAngeli.
  3. Banca D’Italia (2013). Indagine sulle imprese industriali e dei servizi. Supplementi al Bollettino Statistico – Indagini Campionarie. Roma.
  4. Cappelli P., Neumark D. (2001). Do High Performance Work Practices Improve Establishment-Level Outcomes? Industrial and Labour Relations Review, 54(4): 737-775.
  5. CISL - Dipartimento Lavoro Formazione Contrattazione, OCSEL – Osservatorio Sulla Contrattazione (2015). Caratteristiche e tendenze della contrattazione di secondo livello negli anni 2013-2014. Report 2015.
  6. CNEL-ISTAT (2015). Progetto CNEL-ISTAT: Produttività, struttura e performance delle imprese esportatrici, mercato del lavoro e contrattazione decentrata. Roma, agosto.
  7. Croucher R., Rizov M. (2009). Human resource management and performance in European firms. Cambridge Journal of Economics, 33: 253-272.
  8. D’Amuri F., Giorgiantonio C. (2014). Diffusione e prospettive della contrattazione aziendale in Italia. Occasional Papers, n. 221. Banca D’Italia.
  9. Grandori A. (2015). 10 Tesi sull’impresa. Contro I luoghi comuni dell’economia. Bologna: il Mulino.
  10. Leoni R. (2013). Organization of Work Practices and Productivity: an Assessment of Research on World-Class Manufacturing. In: Grandori A., a cura di, Handbook of Economic Organization. Integrating Economic and organization Theory. Cheltenham: Edward Elgar.
  11. OSMER (2016). Primo rapporto sulla contrattazione decentrate della provincia di Brescia. Università degli Studi di Brescia (in corso di pubblicazione).
  12. Pache A. C., Santos F. (2013). Inside the hybrid organizations: selective coupling as a response to competing institutional logics. Academy of Management Journal, 56(4): 972-1001.
  13. Signoretti A. (2014). Analysis of Italian medium-sized enterprises’ collective bargaining from an international perspective: Evidence from the manufacturing sector. Economic and Industrial Democracy, 1-23.

Sergio Albertini, in "QUADERNI DI ECONOMIA DEL LAVORO" 105/2016, pp. 191-208, DOI:10.3280/QUA2016-105010

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche