Clicca qui per scaricare

La rincorsa mancata. Istruzione e cambiamento tecnologico in Italia a confronto con le altre economie avanzate
Titolo Rivista: QUADERNI DI ECONOMIA DEL LAVORO 
Autori/Curatori: Giuseppe Croce 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: 106  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  23 P. 77-99 Dimensione file:  829 KB
DOI:  10.3280/QUA2016-106005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


A confronto con i dati relativi al resto delle economie avanzate, la situazione occupazionale dei laureati in Italia si presenta come un’anomalia di segno negativo. Sebbene in crescita, la quota di popolazione laureata è ancora inferiore rispetto a quella delle altre economie. Malgrado questa loro scarsità relativa, i laureati italiani, in particolar modo quelli più giovani, percepiscono un premio salariale più basso e hanno minori possibilità di occupazione. Sebbene questa situazione sia verosimilmente il risultato dell’interazione di diversi fattori, la spiegazione più coerente con la realtà descritta chiama in causa le rigidità del sistema produttivo, che non sembra in grado di sfruttare le opportunità rappresentate dalle nuove tecnologie e dall’aumento dell’offerta di lavoro qualificato disponibile ad un costo relativamente basso. A ciò si aggiungono gli ostacoli all’accrescimento ulteriore della quota di laureati, i problemi di mismatch e gli effetti delle istituzioni di mercato del lavoro e della loro evoluzione.


  1. Acemoglu D. (2002). Technical change, inequality and the labor market. Journal of economic perspectives, XL.
  2. Autor D.H., Katz L.F., Kearney M.S. (2006). The Polarization of the US Labor Market. American Economic Review Papers and Proceedings, 96.
  3. Brandolini A., Bugamelli M., a cura di (2009). Rapporto sulle tendenze nel sistema produttivo italiano. Questioni di economia e finanza, 45. Banca d’Italia.
  4. Bratti M., Checchi D., de Blasio G. (2008). Does the expansion of higher education increase the quality of educational opportunities? Evidence from Italy. Labour, 22.
  5. Brunello G., Comi S., Lucifora C. (2000). The returns to education in Italy: a new look at the evidence. IZA Discussion paper, 130.
  6. Capparucci M. (2009). Politiche del lavoro e politiche dei redditi. Modelli teorici e processi di riforma. Quaderni di Economia del lavoro, 88-89.
  7. Caroleo F.E., Pastore F. (2013). Overeducation at a Glance: Determinants and Wage Effects of the Educational Mismatch, Looking at the AlmaLaurea Data. IZA Discussion paper, 7788.
  8. Ciccarone G., Saltari E. (2015). Cyclical downturn or structural disease? The decline of the Italian economy in the last twenty years. Journal of Modern Italian Studies, 20(2).
  9. Croce G. (2012). L’overeducation in Europa e in Italia: dobbiamo prenderla sul serio? Meridiana, Roma: Viella, pp. 71-72..
  10. Croce G., Ghignoni E. (2012). Demand and supply of skilled labour and overeducation in Europe: a country-level analysis. Comparative Economic Studies, 54.
  11. Dew-Becker I., Gordon R.J. (2008) The role of labor market changes in the slowdown of European productivity growth. NBER Working Paper, 13840.
  12. European Commission (2015) Employment and Social Developments in Europe 2014. Bruxelles.
  13. Frey L., Ghignoni E. (2000) Trasformazioni del sistema formativo e qualificazione dell’offerta di lavoro per generazioni. Quaderni di Economia del lavoro, 67.
  14. Frey L., Livraghi P. (2001) “Nuova economia” e lavoro a elevato livello di apprendimento. Quaderni di Economia del lavoro, 71.
  15. Frey L., Livraghi R., Pappadà G. (2003). Lavoro a elevato livello qualitativo e sistemi economici/sociali fondati sulla conoscenza. Quaderni di Economia del lavoro, 76-77.
  16. Gabriele S., Raitano M. (2008). La trasmissione intergenerazionale dei titoli di studio nell’Unione Europea. Rivista delle politiche sociali, 2.
  17. Goldin C., Katz L. (2008). The race between educatoin and technology. Harvard: Belknap Press, Harvard University Press.
  18. Goos M., Manning A., Salomons A. (2009). Job Polarization in Europe. American Economic Review, 99 (2).
  19. Gordon R.J. (2016). The rise and fall of American growth. Princeton: Princeton University Press.
  20. Hanushek, E.A. et al. (2013). Returns to Skills Around the World: Evidence from PIAAC. OECD Education Working Papers, 101. OECD Publishing.
  21. Hendricks L., Schoellman T. (2014). Student abilites during the expansion of US education. Journal of monetary economics, 63.
  22. OECD (2011). Divided We Stand: Why Inequality Keeps Rising. OECD Publishing.
  23. OECD (2014). Education at a Glance 2014. OECD Publishing.
  24. OECD (2015) Education at a Glance 2015. OECD Publishing.
  25. Olivieri E. (2012). Il cambiamento delle opportunità lavorative. Questioni di economia e finanza, 117. Banca d’Italia.
  26. Paccagnella, M. (2015). Skills and Wage Inequality: Evidence from PIAAC. OECD Education Working Papers, 114. OECD Publishing.
  27. Ricci A., Naticchioni P. (2011). L’evoluzione dei rendimenti salariali dell’istruzione. In: Ricci A., a cura di, Istruzione, formazione e mercato del lavoro: i rendimenti del capitale umano in Italia. Roma: ISFOL.
  28. Rosolia A. e Torrini R. (2007). The generation gap: relative earnings of young and older workers in Italy. Temi di discussione, 639. Banca d’Italia.
  29. Schivardi F., Torrini R. (2011). Cambiamenti strutturali e capitale umano nel sistema produttivo italiano. Questioni di economia e finanzia, 108. Banca d’Italia.
  30. Snower D. (1996). The low skill-bad job trap. In: Booth A. e Snower D., a cura di, Acquiring skills. Cambridge: Cambridge University Press.
  31. Teulings C., Baldwin R. (2014). Secular Stagnation: Facts, Causes, and Cures. London: CEPR Press.
  32. Tinbergen J. (1975). Income distribution: analysis and policies. Amsterdam: North-Holland Publishing.
  33. Visco I. (2009). Investire in conoscenza. Bologna: il Mulino.



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The request was aborted: Could not create SSL/TLS secure channel.

Giuseppe Croce, in "QUADERNI DI ECONOMIA DEL LAVORO" 106/2016, pp. 77-99, DOI:10.3280/QUA2016-106005

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche