Il lavoro che cambia letto attraverso 5 tendenze

Titolo Rivista: QUADERNI DI ECONOMIA DEL LAVORO
Autori/Curatori: Marco Frey
Anno di pubblicazione: 2016 Fascicolo: 106 Lingua: Italiano
Numero pagine: 0 P. 223-238 Dimensione file: 213 KB
DOI: 10.3280/QUA2016-106011
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Il contributo analizza alcune trasformazioni in atto nel mercato del lavoro relativamente a cinque tendenze che stanno caratterizzando l’evoluzione del sistema economico e produttivo: <br/> 1) la forte attenzione alla sostenibilità dello sviluppo, riletta attraverso i processi di greening e di circolarità dell’economia; <br/> 2) la rilevante proiezione internazionale delle imprese italiane più innovative non necessariamente di grandi dimensioni (le cosiddette multinazionali tascabili); <br/> 3) i processi di disruptive innovation nella manifattura, come Industria 4.0 e i nuovi artigiani che usano sempre di più le tecnologie dell’informazione; <br/> 4) la sharing economy (in cui il passaggio dalla proprietà dei beni all’uso è anche la conseguenza della riduzione delle disponibilità economiche delle famiglie); <br/> 5) lo sviluppo di modalità di organizzazione e di attività lavorative che assumono forme sempre più ibride tra il profit e il non profit, riempiendo in ciò anche i vuoti lasciati aperti dall’intervento pubblico.

  1. Cappone M., Mocavini A. (2014). Studio sul lavoro nelle organizzazioni di volontariato. Osservatorio ISFOL, 1-2.
  2. Carniti P. (2013). La Risacca. Matera: Altrimedia.
  3. Frey M., Battaglia M., a cura di (2015). Green Jobs. Quaderni di Economia del lavoro, n. 104, Milano: FrancoAngeli.
  4. Hartmann C. E., Bovenschulte M. (2013). Skills Needs Analysis for “Industry 4.0” Based on Roadmaps for Smart Systems. In: Using Technology Foresights for Identifying Future Skills Needs. Skolkovo Moskow School of Management, ILO, pp 24-36.
  5. ILO (2012). Decent work indicators: concepts and definitions. ILO manual. International Labour Office, first edition.
  6. Katz L., Krueger A (2016). The Rise and Nature of Alternative Work. Arrangements in the United States, 1995-2015. National Bureau of Economic research Working Paper, 16 marzo.
  7. Mediobanca, Unioncamere (2016). Le medie imprese italiane.
  8. Mainieri M. (2015). Sharing Economy: la mappatura delle piattaforme italiane. Collaboriamo.org, phd.
  9. OpenMind BBVA (2015). Reinventing the Company in the Digital Age.
  10. Pontoni F., Cusumano N. (2013). Green economy per una nuova e migliore occupazione. Studio dell’università Bocconi svolto per conto del Parlamento europeo.
  11. Seghezzi F. (2016). Lavoro e relazioni industriali nell’Industria 4.0. Bollettino ADAPT, n.1.
  12. Symbola (2015), Unioncamere, Green Italy. La sfida del futuro. Quaderni di Symbola.
  13. World Economic Forum (2015). Industrial Internet of Things. Unleashing the potential of connected products and services, REF 020315.

Marco Frey, Il lavoro che cambia letto attraverso 5 tendenze in "QUADERNI DI ECONOMIA DEL LAVORO" 106/2016, pp 223-238, DOI: 10.3280/QUA2016-106011