Clicca qui per scaricare

Valutare il rischio bio-psico-sociale in oncoematologia pediatrica. Riflessioni sull’applicazione del Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) della Regione Piemonte in psicologia oncologica: risultati preliminari
Titolo Rivista: PSICOLOGIA DELLA SALUTE 
Autori/Curatori: Marina Bertolotti, Elvia Roccia, Giulia Zucchetti, Claudia Peirolo, Tiziana Geuna, Simona Bellini, Daniela Converso 
Anno di pubblicazione:  2017 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  14 P. 145-158 Dimensione file:  245 KB
DOI:  10.3280/PDS2017-001008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


La malattia oncologica di un bambino espone l’intera famiglia a condizioni di forte stress fisico ed emotivo comportando spesso disequilibri e cambiamenti sia sul versante affettivo sia sociale. Al fine di effettuare un corretto screening dei pazienti oncologici e delle famiglie e un appropriato invio allo specialista da parte dell’équipe professionale (oltre che a garantire un appropriato percorso di cura) è stato deliberato dalla Regione Piemonte il PDTA in psicologia oncologica (2009). Il presente studio intende presentare i risultati preliminari relativi all’applicazione della Scheda di Complessità (strumento del PDTA che valuta le criticità bio-psico-sociali) all’interno della Struttura di Oncoematologia Pediatrica e Centro Trapianti dell’Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino. I dati riguardano l’applicazione della Scheda da luglio 2011 a luglio 2014. Durante tale periodo la Scheda di Complessità è stata compilata al momento della diagnosi in merito a 308 famiglie (173 casi risultati globalmente complessi e 135 globalmente non complessi). Delle 173 schede risultate complesse, l’area maggiormente critica risulta essere quella psicologica che interessa 147 casi (42%). In 80 casi è già stata effettuata la valutazione anche al momento della fine delle terapie oncologiche e dell’intervento psicologico: 57 casi rimangono o diventano non complessi mentre i restanti 23 risultano complessi anche nella fase della fine delle terapie. Tale complessità può essere però riferita al fatto che alcuni di questi casi (23) risultavano di complessità elevata nell’area sociale mentre altri (7) presentavano una complessità psicologica/psichiatrica precedente alla diagnosi. La Scheda risulta dunque uno strumento utile per valutare eventuali rischi nelle famiglie, scegliere l’intervento e il livello più appropriato da adottare e valutarne l’outcome.


Keywords: Pazienti oncologici, psiconcologia, famiglia, PDTA

  1. AA.VV., PDTA in psicologia oncologica, AReSS (2009). --http://www.regione.piemonte.it/sanita/cms2/documentazione/category/168-documentazione-2010-2014
  2. Barakat L.P., Marmer P.L. and Schwartz L.A. (2010). Quality of life of adolescents with cancer: family risks and resources. Health and Quality of Life Outcomes 8(1): 1., 10.1186/1477-7525-8-6DOI: 10.1186/1477-7525-8-6
  3. Bertolotti M. (2013). Aspetti psicologici: non per tutti lo stesso percorso [Psychological aspects: not for all the same path]. Epidemioliogia e Prevenzione, 37(1 suppl 1): 1-296.
  4. Da Silva F.M., Jacob E. and Nascimento L.C. (2010). Impact of childhood cancer on parents’ relationships: an integrative review. Journal of Nursing Scholarship, 42(3): 250-261.
  5. Deliberazione della Giunta Regionale 16 aprile 2013, n. 41-5670 Approvazione dello schema di convenzione tra la Regione Piemonte e la Regione Autonoma Valle d’Aosta per la riorganizzazione ed il prosieguo delle attività della Rete interregionale di Oncologia e Oncoematologia Pediatrica.
  6. Gritti P., Di Caprio E.L. e Resicato G. (2011). L’approccio alla famiglia in psiconcologica [The approach to the family in psychoncology]. NÓOS, 2: 115-35.
  7. Long K.A. and Marsland A.L. (2011). Family adjustment to childhood cancer: A systematic review. Clinical Child and Family Psychology Review, 14(1): 57-88.
  8. Kazak A.E. (2006). Pediatric psychosocial preventative health model (PPPHM): Research, practice and collaboration in pediatric family systems medicine. Family Systems and Health, 24: 381-395., 10.1037/1091-7527.24.4.38DOI: 10.1037/1091-7527.24.4.38
  9. Kazak A.E., Brier M., Alderfer M.A., Reilly A., Fooks Parker S., Rogerwick S., Ditaranto S. and Barakat L.P. (2012). Screening for psychosocial risk in pediatric cancer. Pediatric Blood & Cancer, 59(5): 822-827.
  10. Northouse L.L., Katapodi M.C., Schafenacker A.M. and Weiss D. (2012). The impact of caregiving on the psychological well-being of family caregivers and cancer patients. Seminars in Oncology Nursing, 28(4): 236-245.
  11. Pai A.L., Patiño-Fernández A.M., McSherry M., Beele D., Alderfer M.A., Reilly A.T., Hwang W. and Kazak A.E. (2008). The Psychosocial Assessment Tool (PAT2. 0): Psychometric properties of a screener for psychosocial distress in families of children newly diagnosed with cancer. Journal of Pediatric Psychology, 33(1): 50-62.
  12. Patenaude A.F. and Kupst M.J. (2005). Psychosocial functioning in pediatric cancer. Journal of Paediatric Psychology, 30(1): 9-27.
  13. Perricone G., Polizzi C., Morales M.R. e Fontana V. (2013). Percezione del funzionamento familiare e strategie di coping in madri di bambini affetti da neoplasia in fase tratta mentale [Perception of family functioning and coping strategies in mothers of children suffering from tumour during the treatment phase]. Psicologia della Salute, 3: 101-113., 10.3280/PDS2013-003005DOI: 10.3280/PDS2013-003005
  14. Pomicino L. e Zanazzo G.A. (2014). I percorsi di assistenza ai bambini guariti da tumore: l’esperienza dei Centri AIEOP [The assistance path of children survived to childhood cancer: the experience of AIEO centers]. Associazione Culturale Pediatri, 21(1): 3-7.
  15. Rodriguez E.M., Dunn M.J., Zuckerman T., Vannatta K., Gerhardt C.A. and Compas B.E. (2011). Cancer-related sources of stress for children with cancer and their parents. Journal of Pediatric Psychology, 37(2): 185-97.
  16. Stehl M.L., Kazak A.E., Alderfer M.A., Rodriguez A., Hwang W.T., Pai A.L., Boeving A. and Reilly A. (2009). Conducting a randomized clinical trial of an psychological intervention for parents/caregivers of children with cancer shortly after diagnosis. Journal of Pediatric Psychology, 34(8): 803-816.
  17. Veneroni L., Ripamonti C. e Clerici C.A. (2007). Tecniche d’intervento psicologico con pazienti in età evolutiva affetti da malattie organiche gravi: una rassegna degli studi empirici sull’efficacia [Techniques of psychological intervention with patients in children with serious organic disease: a review of empirical studies on the effectiveness]. Psicologia della Salute, 3: 111-142., 10.1400/9959DOI: 10.1400/9959
  18. Vrijmoet-Wiersma C.J., van Klink J.M., Kolk A.M., Koopman H.M., Ball L.M. and Egeler R.M. (2008). Assessment of parental psychological stress in pediatric cancer: A review. Journal of Pediatric Psychology, 33(7): 694-706.
  19. Witt W.P., Litzelman K., Wisk L.E., Spear H.A., Catrine K., Levin N. and Gottlieb C.A. (2010). Stress-mediated quality of life outcomes in parents of childhood cancer and brain tumor survivors: a case–control study. Quality of Life Research, 19(7): 995-1005.



  1. Annunziata Romeo, Valentina Tesio, Benedetta Vicino, Fabrizio Colonna, Enrico Fusaro, Daniela Converso, Lorys Castelli, Il trattamento psicoterapeutico nella Sindrome Fibromialgica: le applicazioni della terapia dinamica breve in un setting ospedaliero italiano in PSICOLOGIA DELLA SALUTE 1/2019 pp. 119, DOI: 10.3280/PDS2019-001007

Marina Bertolotti, Elvia Roccia, Giulia Zucchetti, Claudia Peirolo, Tiziana Geuna, Simona Bellini, Daniela Converso, in "PSICOLOGIA DELLA SALUTE" 1/2017, pp. 145-158, DOI:10.3280/PDS2017-001008

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche