Salire a bordo. Le prime sedute di una psicoterapia gruppoanalitica. Riflessioni teoriche, cliniche e conduzione

Titolo Rivista: GRUPPI
Autori/Curatori: Daniela Marcucci, Bruno Chipi
Anno di pubblicazione: 2016 Fascicolo: 1 Lingua: Italiano
Numero pagine: 19 P. 104-122 Dimensione file: 228 KB
DOI: 10.3280/GRU2016-001009
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Questo lavoro si occupa della fase iniziale di una psicoterapia gruppo-analitica. In modo specifico l’attenzione è stata posta su alcune zone d’ombra delle prime sedute. La domanda che ci siamo posti è stata: "Che cosa accade quando più per-sone si incontrano per la prima volta in un gruppo di psicoterapia che esiste ini-zialmente solo come un a-priori pre-costituito dall’intenzionalità del terapeuta?". La riflessione è partita dal rapporto gruppoanalisi/contemporaneità facendo riferi-mento ad autori del passato e del presente, e a un confronto continuo con la clinica. L’intento è quello di riflettere su quel "sulcus primigenius" nel quale si può rintracciare "la fondazione" del Gruppo. Di questi primi atti costitutivi resteranno memoria e slancio creativo, determinanti per l’andamento della psicoterapia. Sono state date alcune indicazioni di buone pratiche ai (giovani) psicoterapeuti affinché con il loro modo di essere e di fare possano favorire lo sviluppo di tutte le potenzialità di cura presenti in un gruppo.

  1. Ancona L. (1992). Il pensiero gruppoanalitico di S.H. Foulkes in Attualità in Psi-cologia, 7, 1: 52-56.
  2. Anzieu D. (1975). Il gruppo e l’inconscio. Roma: Borla, 1986.
  3. Balint M. (1952). L’amore primario. Firenze: Guaraldi, 1973.
  4. Bauman Z. e Mauro E. (2015). Babel. Bari: Laterza.
  5. Calvino I. (1996). Le città invisibili. Milano: Mondadori.
  6. Chipi B. e Urbani S. (2011). Appunti e indicazioni tecniche per la conduzione di gruppi gruppoanalitici di pazienti istituzionalizzati con gravi patologie. In: Fa-solo F. e Galuppi O., a cura di, Gruppi per adulti. Padova: Cleup.
  7. de Polo R. (2007). La bussola psicoanalitica tra individuo, gruppo e società. Milano: FrancoAngeli.
  8. Di Petta G. (2010). Il vissuto del vuoto: tempo, affetti, cambiamento. Comprendre, 21: 130-181.
  9. Eco U. (1975). Trattato di semiotica. Milano: Bompiani.
  10. Foulkes S.H. (1948), Introduction to Groupanalytic Psycotherapy. London: reprinted Karnac 1983 (trad. it.: Pisani R.A., a cura di, Introduzione alla psicoterapia gruppoanalitica. Roma: EUR, 1991).
  11. Foulkes S.H. & Antony E.J. (1965). Group Psycotherapy: the psycoanalytical ap-proach. London: reprinted Karnac, 1984 (trad. it.: Pisani R.A., a cura di, L’ap-proccio psicoanalitico alla psicoterapia di gruppo. Roma: EUR, 1998.
  12. Freud S. (1921). Psicologia delle masse e analisi dell’Io. In: OSF, 9. Torino: Bo-ringhieri.
  13. Lacan J. (2007). Il seminario. Libro X. L’angoscia, 1962-1963. Torino: Einaudi.
  14. Marchetto M., a cura di (2013). Buber M. La vita come dialogo. Brescia: La Scuola.
  15. Martinotti G. e Fiume I., a cura di (2013). Incontri. Conversando con Bruno Cal-lieri. Roma: EUR.
  16. Napolitani F. (1974). Gruppoanalisi relazionale ed équipe clinico-didattica. Archi-vio di Psicologia Neurologia e Psichiatria, XXXV, fasc. IV.
  17. Neri C. (2003). Gruppo. Roma: Borla.
  18. Ondarza Linares J. (1999). Psicoterapia di Gruppo. In: Trattato italiano di Psichiatria. Milano: Masson.
  19. Pozzetti R. (2013). Il nodo e il cerchio. Milano: FrancoAngeli.
  20. Recalcati M. (2010). L’uomo senza inconscio. Figure della nuova clinica psicoa-nalitica. Milano: Raffaello Cortina.
  21. Resnik S. (2006). Biografie dell’inconscio. Roma: Borla, 2007.
  22. Ronchi E. (1998). “Il corpo oltre i confini della pelle. Relazione terapeutica e per-cezione di sé come parte di un soggetto collettivo”. Relazione al Congresso “Ai confini del reale, corporeità nella relazione terapeutica”. Cosenza, 27 giugno.
  23. Vasta F.N., Girelli R. e Gullo S., a cura di (2013). Quale omogeneità nei gruppi? Elementi di teoria, clinica e ricerca. Roma: Alpes Italia.
  24. Vattimo G., a cura di (2014). Martin Heidegger. Saggi e discorsi. Milano: Mursia.

Daniela Marcucci, Bruno Chipi, Salire a bordo. Le prime sedute di una psicoterapia gruppoanalitica. Riflessioni teoriche, cliniche e conduzione in "GRUPPI" 1/2016, pp 104-122, DOI: 10.3280/GRU2016-001009