Clicca qui per scaricare

La sfida delle donne in accademia: asimmetrie di potere, socializzazione alla professione e stili di leadership
Titolo Rivista: SOCIOLOGIA DEL LAVORO  
Autori/Curatori: Francesca Colella, Giovanna Gianturco, Mariella Nocenzi 
Anno di pubblicazione:  2017 Fascicolo: 148 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  20 P. 17-36 Dimensione file:  140 KB
DOI:  10.3280/SL2017-148002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Nel corso degli ultimi decenni, il rapporto delle donne con le istituzioni accademiche italiane è cambiato: tale trasformazione si rivela molto interessante sociologicamente poiché l’accademia è una delle istituzioni nelle quali è possibile evidenziare le maggiori disuguaglianze di carriera, come dimostrato da importanti studi. In questo senso, è importante focalizzare l’attenzione su come le donne abbiano messo in atto processi di ridefinizione dell'identità sociale e individuale sulla base della socializzazione alla professione, grazie alla quale esse interiorizzano norme e valori del gruppo di riferimento, in cui il potere decisionale è ancora di pertinenza esclusiva, o quasi, del mondo maschile. Insistendo su norme e valori assimilati attraverso la socializzazione, si è posta particolare attenzione alle pratiche e alle strategie che le donne intraprendono con la finalità di individuare una "via di accesso" al processo di mutamento degli «automatismi» delle comunità accademiche.


Keywords: Donne e asimmetrie di genere, socializzazione alle professioni, stili di leadership

  1. Antonelli F., Sarra G., Sorrentino R. (2013). Il sesso mancante nell’università italiana. In: in.genere. www.ingenere.it/articoli/il-sesso-mancante-nelluniversititaliana.
  2. ANVUR, Rapporto biennale sullo stato della docenza e della ricerca 2016, www.anvur.org/attachments/article/1045/Rapporto_ANVUR_SINTESI_20~.pdf.
  3. Baccini A., Rosselli A. (2014). Abilitazione scientifica nazionale: miglioramenti da migliorare. In: in.genere. www.ingenere.it/articoli/abilitazione-scientificanazionale-miglioramenti-da-migliorare.
  4. Bagues M., Zinovyeva N. (2011). Donne che giudicano le donne. In cattedra. In: in.genere. www.ingenere.it/articoli/donne-che-giudicano-le-donne-cattedra.
  5. Berger P.L., Luckmann T. (1969). La realtà come costruzione sociale. Bologna: il Mulino.
  6. Bertolini S. (2010). Genere e precarietà tra lavoro e famiglia: percezioni, aspettative e strategie delle giovani donne. Rivista delle Autonomie Locali e delle Politiche Sociali, n. 1. Bologna: il Mulino: 72-92.
  7. Bianco M.L. (1997). Donne al lavoro. Cinque itinerari fra le diseguaglianze di genere. Torino: Scriptorium.
  8. Bianco M.L. (2002). Effetti della riforma dei concorsi universitari su carriere accademiche e dinamiche di genere. Polis, 3.
  9. Bimbi F. (1981). Legittimazione scientifica o autolegittimazione dell’eresia? Percorsi del femminismo e presenza delle donne nel lavoro intellettuale. Quaderni di studi internazionali sulla donna Nuova DW, n. 15. Roma: Coines Edizioni.
  10. Bisi S. (2008). Donne e potere. Acireale-Roma: Bonanno.
  11. Bourdieu P. (1984). La Distinzione. Critica sociale del gusto. Bologna: il Mulino.
  12. Bourdieu P. (1998). Il Dominio Maschile. Milano: Feltrinelli.
  13. Bourdieu P. (2003). Il mestiere di scienziato. Milano: Feltrinelli.
  14. Bourdieu P. (2013). Homo Academicus. Bari: Edizione Dedalo.
  15. Bourdieu P., Wacquant L. (1992). Réponses. Pour une anthropologie réflexive. Paris: Seuil.
  16. Brezzi F. (2008). Dall’autorità all’autorevolezza: la prassi etica femminista. In: Bisi S., Donne e potere. Acireale-Roma: Bonanno.
  17. Checchi D., Cicognani S., Kulic N. (2016). Ricercatrici. Le quote di genere in commissione non bastano. In: in.genere. www.ingenere.it/articoli/ricercatriciquote-genere-non-bastano.
  18. Colella F., Gianturco G. (2015). La rottura del monologo accademico: genere e dinamiche di potere nell’Università italiana. In: Fontana R., a cura di, Le donne nell’accademia italiana. Identità, potere e carriera. Milano: Mondadori Università: 72-92.
  19. De Lauretis T. (1999). Soggetti eccentrici. Milano: Feltrinelli.
  20. Del Boca D., Mencarini L., Pasqua S. (2012). Valorizzare le donne conviene. Bologna: il Mulino.
  21. Ferrari Occhionero M., Nocenzi M. (2009). Equilibri di genere in Europa. Roma: Aracne.
  22. Fontana R., a cura di (2015), Le donne nell’accademia italiana. Identità, potere e carriera. Milano: Mondadori Università.
  23. Foucault M. (1977). Microfisica del potere. Torino: Einaudi.
  24. Frattini R., Rossi P. (2012). Report sulle donne nell’Università Italiana. Meno di zero, 3: 8-9.
  25. Gherardi S. (1998). Il genere e le organizzazioni. Il simbolismo del femminile e del maschile nella vita organizzativa. Milano: Raffaello Cortina.
  26. Gianturco G., Colella F. (2017). Costruendo un mosaico. Caratteristiche e peculiarità della ricerca qualitativa. In: Petroccia S., a cura di, Between Glocal and Local. Cultural Changes, vol. 2. Bologna: Società Editrice Esculapio: 277-308.
  27. Gianturco G. (2005). L’intervista qualitativa. Dal discorso al testo scritto. Milano: Guerini e Associati.
  28. Gorden R. (1975). Interviewing. Strategy, Techniques and Tactis. Homewood-Illinois: Dorsey Press
  29. Granovetter M. (1974). Getting a Job. A study of Contacts and Careers. Cambridge: Harvard University Press.
  30. ISTAT, Popolazione 15 anni e oltre per titolo di studio, dati estr. 31 marzo, I.Stat, http://dati.istat.it/Index.aspx?DataSetCode=DCCV_POPTIT.
  31. Le Feuvre N., eds. (2015). Contextualizing Women’s Academic Careers: Comparative Perspectives on Gender, Care and Employment Regimes in Seven European Countries, GARCIA working paper 1, University of Trento.
  32. Merton R.K. (1973). The Sociology of Science: Theoretical and Empirical Investigations. Chicago: University of Chicago Press.
  33. MIUR-Servizio Statistico (2016). Le carriere femminili nel settore universitario. Roma.
  34. Nappi A. (2008). Potersi dire (Can women be heard?). In: Bisi S., Donne e potere. Acireale-Roma: Bonanno.
  35. Nocenzi M. (2016). Diritto e diritti nella società globale. Tutele differenziate e soggetti vulnerabili. In: Alicino F., a cura di, Il costituzionalismo di fronte all’Islam. Giurisdizioni alternative belle società multiculturali. Roma: Bordeaux: 249-308.
  36. Pacelli L., Olagnero M. (2015). Lavoro è potere? Segregazione occupazionale e leadership femminile. In: Giurisprudenza italiana, Utet Giuridica: 2248-2256.
  37. Parkin F. (1979). Classi sociali e stato: un’analisi neoweberiana. Bologna: Zanichelli.
  38. Petroccia S., a cura di (2017). Between Glocal and Local. Cultural Changes, vol. 2. Bologna: Società Editrice Esculapio.
  39. Pruna M. L. (2007). Donne al lavoro. Bologna: il Mulino.
  40. Putnam R. (2000). Bowling alone: The collapse and revival of American community. New York: Simon and Schuster.
  41. Schizzerotto A. (2002). Vite ineguali: diseguaglianze e corsi di vita nell’Italia contemporanea. Bologna: il Mulino.
  42. Spirito B. (2008). Le gemelle dizigotiche. Introduzione alla conoscenza sociologica. Napoli: Liguori.
  43. Touraine A. (2009). Il mondo è delle donne. Milano: il Saggiatore.
  44. White H.C (1970). Chains of Opportunity: System Models of Mobility in Organizations. Cambridge: Harvard University Press.
  45. Wittig M. (1992). One in not borne a Woman, in The Straight mind and Other Essays. Boston: Beacon Press.
  46. Zanfrini L., Riva E. (2010). Non è un problema delle donne. La conciliazione lavorativa come chiave di volta della qualità sociale. Milano: FrancoAngeli.

Francesca Colella, Giovanna Gianturco, Mariella Nocenzi, in "SOCIOLOGIA DEL LAVORO " 148/2017, pp. 17-36, DOI:10.3280/SL2017-148002

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche