Clicca qui per scaricare

Che genere di medicina? Fenomeni di segregazione occupazionale dentro la professione
Titolo Rivista: SOCIOLOGIA DEL LAVORO  
Autori/Curatori: Giulia Maria Cavaletto 
Anno di pubblicazione:  2017 Fascicolo: 148 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  19 P. 37-55 Dimensione file:  121 KB
DOI:  10.3280/SL2017-148003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il fenomeno della segregazione occupazionale verticale e gerarchica, pur in attenuazione all’interno di tutte le organizzazioni, mostra ancora di resistere nell’ambito sanitario. All’interno di esso è in modo specifico la professione medica a mostrare ancora significative disuguaglianze nelle opportunità di carriera tra uomini e donne: ciò si evidenzia in fenomeni di segregazione tra specialità, e nelle carriere verticali verso il primariato, ancora prevalentemente maschile, pur a fronte di un incremento costante negli ultimi dieci anni delle laureate. Attraverso dati secondari di fonte istituzionale e interviste discorsive con mediche appartenenti a due coorti (le Pioniere e le Maratonete) sono stati indagati i vincoli e le opportunità di carriera dentro le organizzazioni sanitarie, con particolare attenzione ai criteri per reclutamento e promozioni e l’effetto dell’interferenza tra vita familiare e professionale.


Keywords: Medicina, segregazione occupazionale, reclutamento, promozione

  1. Abbatecola E. (2015). Donna Faber. Lavori maschili, stereotipi e strategie di resistenza. Welfare e ergonomia, n. 2: 110-123.
  2. Almalaurea (2016). XVIII Indagine – Condizione occupazionale dei laureati. Bologna: Consorzio Universitario Almalaurea.
  3. Anaao Assomed (2016). Gli ostacoli per una vita non solo di corsia: è anche una questione di genere? Rapporto di ricerca Anaao Assomed, disponibile all’indirizzo: www.quotidianosanita.it/allegati/allegato6826873.pdf.
  4. ANVUR (2016). Rapporto biennale sullo stato del sistema universitario e della ricerca. Roma: ANVUR.
  5. Balbo L. (1978). La doppia presenza. Inchiesta, 32: 3-6.
  6. Camera M., Mascolo R. (2012). Le competenze infermieristiche ed ostetriche.libreriauniversitaria.it: 54-55.
  7. Carli L.L., Eagly A.H. (2001). Gender, Hierarchy, and Leadership: An introduction. Journal of Social Issues, 57, 4: 629-636.
  8. Casarico A., Profeta P. (2010). Donne in attesa. L’Italia delle disparità di genere. Milano: Egea.
  9. Cocca M.P. (2015). L’anatomo-patologa: un lavoro di genere? Tutto sanità, interventi 2015, www.tuttosanità.it.
  10. David P., Vicarelli G. (1994). Donne nelle professioni degli uomini. Milano: FrancoAngeli.
  11. De Luca D. (2007). Consenso e dissenso nella valutazione sociale delle occupazioni. Le differenze di genere. Quaderni di Sociologia, n. 45: 137-161.
  12. Dreher G.F., Ash R.A. (1990). A comparative study of mentoring among men and women in managerial, professional, and technical positions. Journal of Applied Psychology, 75, 5: 539-546.
  13. FNOMCeo (2014). L’universo dei medici e degli odontoiatri 2012, disponibile all’indirizzo: www.quotidianosanita.it/allegati/allegato8348016.pdf.
  14. Fuochi G., Mencarini L., Solera C. (2014). I padri coinvolti e i mariti egalitari: per scelta o per vincoli? Uno sguardo alle coppie italiane con figli piccolo. About Gender, vol. 3, n. 6.
  15. Gaunt R., Benjamin O. (2007). Job insecurity, stress and gender: The moderating role of gender ideology. Community, Work and Family, 10(3): 341-355.
  16. Glick P., Fiske S.T. (2001). Ambivalent sexism. In: Zanna M.P., ed., Advances in Experimental Social Psychology, 33. San Diego: Academic Press: 115‐188.
  17. Leighton D., Thain D. (1993). Selecting new directors. Business Quarterly, 57: 16-25.
  18. Masser B.M., Abrams D. (2004). Reinforcing the glass ceiling: The consequences of hostile sexism for female managerial candidates. Sex Roles, 51: 609-615.
  19. Petrides K., McManus I. (2004). Mapping medical careers: questionnaire assessment of career preferences in medical school applicants and final-year students. BMC Medical Education, 4(1).
  20. Rosci E. (2007). Madri acrobate, Milano: Raffaello Cortina.
  21. Rosina A., Testa M. (2007). Senza figli: intenzioni e comportamenti italiani nel quadro europeo. Rivista di studi familiari, n. 1: 71-81.
  22. Sala E. (2003). All’interno della scatola nera. Uno studio sulle carriere di donne e uomini ai vertici delle aziende. Polis, 7, 2: 285-314.
  23. Sidanius J., Pratto F. (1999). Social dominance: An intergroup theory of social hierarchy and oppressions. New York: Cambridge University Press.
  24. Spina E., Vicarelli G. (2015). Professionalization and Professionalism: the Case of Italian Dentisty. Professions&Professionalism, vol. 5, n. 3.
  25. SSN (Servizio sanitario nazionale, 2016), Personale delle ASL e degli Istituti di ricovero pubblici ed equiparati, a cura della Direzione Generale della Digitalizzazione del Sistema Informativo Sanitario e della Statistica. Roma: Ufficio di Statistica.
  26. Swiss D., Walker J. (1993). Women and the Work/Family Dilemma: How Today’s Professional Women are Confronting the Maternal Wall. New York: John Wiley & Sons.
  27. Todesco L. (2013). Quello che gli uomini non fanno. Il lavoro famigliare nella società contemporanea. Roma: Carocci.
  28. Tousijn W. (2000). Il sistema delle occupazioni sanitarie. Bologna: il Mulino.
  29. Vicarelli G. (2008). Donne di medicina. Il percorso professionale delle donne medico in Italia. Bologna: il Mulino.

Giulia Maria Cavaletto, in "SOCIOLOGIA DEL LAVORO " 148/2017, pp. 37-55, DOI:10.3280/SL2017-148003

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche