Claudio Pavone, uno storico inattuale e necessario. Rileggendo un suo documento
Titolo Rivista: ITALIA CONTEMPORANEA 
Autori/Curatori: Tiziana Noce 
Anno di pubblicazione:  2017 Fascicolo: 285  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  21 P. 241-261 Dimensione file:  0 KB
DOI:  10.3280/ic285-oa2
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 

 

Articolo Open Access
Clicca qui per vederlo.

Il saggio presenta uno scritto inedito di Claudio Pavone, uno "schizzo autobiografico" tratteggiato su richiesta di Albert O. Irschman. Lo schizzo contiene ricordi e considerazioni che si situano a metà fra Una guerra civile. Saggio storico sulla moralità nella Resistenza, l’opera del 1991 che ha innovato gli studi sul tema, e La mia Resistenza, un libro di memorie pubblicato nel 2015. Lo scritto di Pavone è analizzato alla luce di due fra i maggiori temi che hanno accompagnato la sua riflessione intellettuale: la tensione fra riferimenti ideali diversi e ugualmente sentiti e gli esiti politici di tali riferimenti; l’astensione dalla lotta armata, una scelta impegnativa soprattutto per chi come Pavone riteneva la resistenza armata all’occupazione tedesca e alla Repubblica Sociale Italiana un’opzione necessaria e legittima.


Keywords: Storia contemporanea, Resistenza, Claudio Pavone, Autobiografia, Antifascismo, Seconda guerra mondiale

Tiziana Noce, in "ITALIA CONTEMPORANEA" 285/2017, pp. 241-261, DOI:10.3280/ic285-oa2

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche