Clicca qui per scaricare

Il significato di una transizione
Titolo Rivista: SOCIOLOGIA DEL LAVORO  
Autori/Curatori: Arnaldo Bagnasco 
Anno di pubblicazione:  2018 Fascicolo: 149 suppl. Lingua: Italiano 
Numero pagine:  15 P. 99-113 Dimensione file:  184 KB
DOI:  10.3280/SL2018-149S08
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’autore avvia le proprie riflessioni interrogandosi sulle specificità degli anni ‘90. La risposta viene cercata in una disamina dell’andamento delle economie avanzate, fra le quali anche quella italiana, individuando gli aspetti salienti della transizione che ha contraddistinto quel decennio. La parte centrale del saggio è dedicata alla scoperta da parte dei sociologi "dell’arcipelago dei distretti industriali", società locali nelle quali risultano congruenti economia, politica e cultura. Proprio la sociologia, orientata a connettere i diversi aspetti dei fenomeni, a cogliere i fatti sociali formati nello spazio, a leggere il radicamento dei fenomeni economici nelle dinamiche sociali, ha contribuito a sviluppare interessanti chiavi interpretative dei distretti. Sempre con riferimento all’analisi dello sviluppo locale, nella seconda parte l’autore riprende il tema della città come sistema locale, riprendendo i concetti di global-city e global city region.


Keywords: Sviluppo locale, distretti industriali, global-city, global city region

  1. AIS (Associazione Italiana di Sociologia) (1996). La transizione italiana degli anni ’90. Reti, contesti, attori in una società che cambia. Sociologia del lavoro, 63.
  2. Bagnasco A. (2003). Società fuori squadra. Come cambia l’organizzazione sociale. Bologna: Il Mulino.
  3. Becattini G. (2007). Dal distretto industriale allo sviluppo locale. Scritti sulla Toscana. La ricerca sul campo e la «Libera Scuola» di Artimino. Firenze: Le Monnier.
  4. Berta G. (2016). Che fine ha fatto il capitalismo italiano? Bologna: Il Mulino.
  5. Brusco S. (1999). The rules of game in industrial districts. In: Grandori A., a cura di, Interfirm Networks. Organization and Industrial Competiveness. London and New York: Routledge, pp. 17-40.
  6. Colli A. (2002). Il quarto capitalismo. Un profilo italiano. Venezia: Marsilio.
  7. Dematteis G., a cura di (2011). Le grandi città italiane. Società e territori da ricomporre. Venezia: Marsilio.
  8. Mariotti S. (2007). Globalizzazione e città: le lepri del capitalismo. Stato e mercato, 1: 79-106., 10.1425/24305DOI: 10.1425/24305
  9. Mutti A. (2002). Sociologia economica. Il lavoro fuori e dentro l’impresa. Bologna: Il Mulino.
  10. Paci M. (2015). Lezioni di sociologia storica. Bologna: Il Mulino.
  11. Perulli P., a cura di (2012). Nord. Una città regione globale. Bologna: Il Mulino.
  12. Pichierri A. (1990). Cooperazione, regolazione politica, successo economico nelle formazioni sociali locali. Sociologia del lavoro, 41-42: 71-82.
  13. Sassen S. (1991). The Global City: New York, London, Tokyo. Princeton: Princeton University Press (trad.it. Città globali: New York, Londra, Tokyo. Torino: Utet, 1997).
  14. Scott A.J., a cura di (2001). Global City-Regions. Trends, Theory, Policy. Oxford: Oxford Universiy Press.
  15. Tosi S., Vitale T. (2016). Modernizzazione, agire di comunità e azione collettiva. Stato e Mercato, 2: 241-272., 10.1425/84069DOI: 10.1425/84069
  16. Trigilia C. (2005). Sviluppo locale. Un progetto per l’Italia. Bari-Roma: Laterza.

Arnaldo Bagnasco, in "SOCIOLOGIA DEL LAVORO " 149 suppl./2018, pp. 99-113, DOI:10.3280/SL2018-149S08

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche