Clicca qui per scaricare

Tecnologia, lavoro e organizzazione: dallo studio del lavoro a quello delle pratiche lavorative
Titolo Rivista: SOCIOLOGIA DEL LAVORO  
Autori/Curatori: Silvia Gherardi 
Anno di pubblicazione:  2018 Fascicolo: 149 suppl. Lingua: Italiano 
Numero pagine:  16 P. 135-150 Dimensione file:  192 KB
DOI:  10.3280/SL2018-149S10
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo rivisita gli anni 1998-2007 della rivista Sociologia del lavoro attraverso una "lente" particolare che cercherà di rendere visibili le "tracce" che il dibattito sulla gestione della conoscenza ed i lavoratori della conoscenza ha lasciato nella rivista. Attraverso queste tracce, s’intende ricollegare e ricostruire i legami tra questa rivista e altre riviste o libri apparsi in contemporanea o che riflettono sul formarsi di un pensiero. Il tema della conoscenza è rilevante, sia perché in quegli anni si afferma una visione della conoscenza come risorsa per l’impresa e il lavoro, sia perché l’attenzione alla conoscenza, come attività situata nelle pratiche lavorative, ha condotto ad un cambiamento epistemologico nel modo di studiare e di concepire la triade tecnologia, organizzazione e lavoro. Lavorare, conoscere, organizzare e innovare sono attività non distinte, né distinguibili entro una pratica lavorativa che intreccia indissolubilmente tecnologia, organizzazione e lavoro.


Keywords: Comunità di pratica, conoscere-in-pratica, lavoro, organizzazione, tecnologia

  1. Brown S.J., Duguid P. (1991). Apprendimento nelle organizzazioni e comunità di pratiche. Verso una visione unificata, apprendimento e innovazione. In: Pontecorvo C., Ajello A.M., Zucchermaglio C. (1995). I contesti sociali dell’apprendimento. Acquisire conoscenze a scuola, a lavoro, nella vita quotidiana. Milano: Led.
  2. Bruni A., Gherardi S. (2007). Studiare le pratiche lavorative. Bologna: Il Mulino.
  3. Bruni A., Gherardi S., Parolin L. (2007). Knowing in a system of fragmented knowledge. Mind, Culture and Activity, 1-2: 83-102., 10.1080/10749030701307754DOI: 10.1080/10749030701307754
  4. Butera F. (2005). Tecnologia, organizzazione e lavoro: il progetto e la persona. Sociologia del lavoro, 4: 45-79.
  5. Constant II E.W. (1984). Communities and hierarchies: Structure in the practice of science and technology. In: Laudan R. a cura di, The Nature of Technological Knowledge. Are Models of Scientific Change Relevant?. Netherlands: Springer., 10.1007/978-94-015-7699-4_2DOI: 10.1007/978-94-015-7699-4_2
  6. Cook S.N., Brown J.S. (1999). Bridging epistemologies: The generative dance between organizational knowledge and organizational knowing. Organization Science, 10: 373-390.
  7. Engeström Y. (1999). Expansive visibilization of work: An activity-theoretical perspective. Computer Supported Cooperative Work, 8: 63-93., 10.1023/A:1008648532192DOI: 10.1023/A:1008648532192
  8. Gherardi S. (2003). Il sogno e il disincanto del knowledge management. Studi Organizzativi, 1: 5-20.
  9. Gherardi S. (2008). Dalla comunità di pratica alle pratiche di una comunità: breve storia di un concetto in viaggio. Studi Organizzativi, 1: 49-72.
  10. Giddens A. (1984). The constitution of society: Outline of the theory of structuration. Berkeley: University of California Press.
  11. Heath C., Button G. (2002). Introduction to Workplace Studies. The British Journal of Sociology, 2: 157-161., 10.1080/00071310220133278DOI: 10.1080/00071310220133278
  12. Hutchins E. (1995). Cognition in the Wild. Cambridge: MIT press.
  13. Landri P. (2007). Tra comunità e pratica. Sociologia del lavoro, 105: 170-180.
  14. Lave J., Wenger E. (1991). Situated Learning: Legitimate Peripheral Participation. Cambridge, MA: University Press.
  15. Lawrence T.B., Suddaby R. (2006). Institutions and institutional work. In: Clegg S., Hardy C., Lawrence T., Nord W. The SAGE Handbook of Organization Studies. London: Sage. pp. 215-254.
  16. McDermott R. (1999). Why information technology inspired but cannot deliver knowledge management. California Management Review, 4: 103-117., 10.2307/4116601DOI: 10.2307/4116601
  17. Minguzzi P. (2006). Gestione della conoscenza e nuovi paradigmi formativi: i risultati di un’indagine. Sociologia del lavoro, 103: 182-193.
  18. Mortara A. (2001). Internet e consumi. Dall’informazione alla relazione. La nascita delle comunità virtuali. Sociologia del lavoro, 83: 167-180.
  19. Nicolini D., Gherardi S., Yanow D., a cura di (2003). Knowing in Organizations: A Practice-based Approach. Armonk, NY: M.E. Sharpe.
  20. Orlikowski W.J. (2000). Using technology and constituting structures: a practice lens for studying technology in organizations. Organization Science, 4: 404-428.
  21. Orlikowski W.J. (2002). Knowing in practice: Enacting a collective capability in distributed organizing. Organization Science, 13: 249-273.
  22. Piccardo C., Benozzo A. (2006). Lo spazio della formazione per le comunità di pratiche. Sociologia del lavoro, 103: 115-131.
  23. Preece J. (1999). Empathic communities: balancing emotional and factual communication. Interacting with Computers, 12: 63-77., 10.1016/S0953-5438(98)00056-3DOI: 10.1016/S0953-5438(98)00056-3
  24. Rullani E. (2003). Società del rischio e reti di conoscenza: il capitale sociale della modernità riflessiva. Sociologia del lavoro, 92: 37-66.
  25. Rullani E. (2004). Economia della conoscenza. Creatività e valore nel capitalismo delle reti. Roma: Carocci.
  26. Strati A. (2003). Centralità della ‘pratica’ nello studio dell’organizzazione e conoscenza sensibile. Sociologia del lavoro, 92: 119-133.
  27. Suchman L. A. (1987). Plans and Situated Actions: The Problem of Human-Machine Communication. Cambridge: Cambridge university press.
  28. Von Krogh G., Ichijo K., Nonaka I. (2000). Enabling Knowledge Creation: How to Unlock the Mystery of Tacit Knowledge & Release the Power of Innovation. Oxford: Oxford Press.
  29. Wenger E. (1998). Communities of Practice. Learning, Meaning and Identity. New York: Cambridge University Press.
  30. Wenger E. (2000). Comunità di pratica e sistemi sociali di apprendimento. Studi Organizzativi, 1: 11-34.
  31. Wenger E., McDermott R.A., Snyder W. (2002). Cultivating Communities of Practice: A Guide to Managing Knowledge. Harvard: Harvard Business Press.

Silvia Gherardi, in "SOCIOLOGIA DEL LAVORO " 149 suppl./2018, pp. 135-150, DOI:10.3280/SL2018-149S10

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche