Clicca qui per scaricare

Il bambino con problemi della relazione aggressivo/ostile: dalla diagnosi relazionale all’applicazione in fasi del modello multigenerazionale
Titolo Rivista: TERAPIA FAMILIARE 
Autori/Curatori: Silvia Mazzoni, Simona Parigi, Ruggiero Daniele Russo, Fulvio Sciamplicotti 
Anno di pubblicazione:  2018 Fascicolo: 116 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  21 P. 31-51 Dimensione file:  138 KB
DOI:  10.3280/TF2018-001003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo focalizza il tema dei disturbi della relazione aggressivo-ostile tra bambini nella prima infanzia e genitori. Viene utilizzato come punto di ancoraggio un caso clinico di una bambina di 4 anni e proposto un inquadramento diagnostico che considera diversi livelli di osservazione: quello delle caratteristiche della bambina, quello delle caratteristiche della genitorialità e cogenitorialità e quello dell’ambiente familiare multigenerazionale. Viene quindi presentato un processo terapeutico che dimostra il modo in cui - lavorando in fasi distinte - si può entrare in rapporto con i genitori supportandoli nelle strategie di gestione della sintomatologia della figlia, per poi passare progressivamente alla scoperta delle trame della storia familiare multigenerazionale che risultano coerenti - sia in termini di significato che di funzione - con il disturbo presentato attraverso la richiesta di aiuto terapeutico.


Keywords: Disturbi della relazione, DC: 0-5, psicopatologia evolutiva, diagnosi relazionale, relazione aggressiva-ostile, terapia familiare multigenerazionale.

  1. Andolfi M. (1977). La terapia con la famiglia. Roma: Astrolabio.
  2. Achenbach T.M., Ruffle T.M. (2000). The Child Behavior Checklist and related Forms for assessing Behavioral/Emotional Problems and Competencies. Pediatric in Review, 21 (1): 265-271.
  3. Ackerman N.W. (1958). The Psychodynamics of Family Life. New York: Basic Books (trad. it.: Psicodinamica della vita familiare. Torino: Bollati Boringhieri, 1999).
  4. Andolfi M. (1995). Il bambino come consulente. In: Andolfi M., Haber R. (a cura di), La consulenza in Terapia Familiare. Milano: Raffaello Cortina.
  5. Andolfi M. (2010). Il bambino in terapia familiare. Milano: FrancoAngeli.
  6. Andolfi M., Falcucci M., Mascellani A., Santona A., Sciamplicotti F. (a cura di) (2007). Il bambino come risorsa nella terapia familiare. I seminari di Maurizio Andolfi. Roma: APF.
  7. APA (2014). Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali DSM-5. Milano: Raffaello Cortina.
  8. Cirillo S., Selvini M., Sorrentino A.M. (2016). Entrare in terapia. Le sette porte della terapia sistemica. Milano: Raffaello Cortina.
  9. Cummings E.M., Davies P.T., Campbell S.B. (2000). Developmental Psuchopathology and Family Process. Theory, research and Clinical Implications. New York: The Guilford Press.
  10. Davies P.T., Cicchetti D. (2004). Toward an integration of family systems and developmental psychopathology approaches. Development and Psychopathology, 16: 477-481.
  11. Gordon R. (2003). Il ponte: una metafora dei processi psichici. Torino: Bollati Boringhieri.
  12. Keeney B.P. (1982). What is an epistemology of family therapy? Family Process, 21: 153-168.
  13. McHale J.P. (2007). Charting the Bumpy Road of Coparenthood. Washington DC: Zero to Three (trad. it.: La sfida della cogenitorialità. Milano: Raffaello Cortina, 2010).
  14. Minuchin S. (1974). Families and family therapy. Cambridge (Mass.): Harvard University Press (trad. it.: Famiglie e terapia della famiglia. Roma: Astrolabio, 1981).
  15. Sameroff A.J., Emde R.N. (1989). Relationships Disturbances in Early Childhood. A Developmental Approach. New York: Basic Books (trad. it.: I disturbi delle relazioni nella prima infanzia. Torino: Bollati Boringhieri, 1991).
  16. Sameroff A.J., McDonaugh S.C., Rosenblum K.L. (eds.) (2004). Treating parentinfant relationship problems, strategies for intervention. New York: The Guilford Press (trad. it.: Il trattamento clinico della relazione genitore-bambino. Bologna, il Mulino, 2006).
  17. Sander L. (2006). Sistemi viventi. L’emergere della persona attraverso l’evoluzione della consapevolezza. Milano: Raffaello Cortina.
  18. Sorrentino A.M. (2005). Bambini e terapia familiare. Perché i bambini scompaiono dalle sedute familiari? Terapia Familiare, 77: 53-63.
  19. Stern D. (1987). Il mondo interpersonale del bambino. Torino: Bollati Boringhieri.
  20. Winnicott D.W. (1960). The theory of the parent-infant relationship. International Journal of Psychoanalysis, 41: 585-595.
  21. Zeanah C.H., Lieberman A. (2016). Defining relational pathology in early childhood: the diagnostic classification of mental health and developmental disorders of infancy and early childhood DC: 0-5 approach. Infant Mental Health Journal, 37 (5): 509-520.
  22. Zero to Three (1994). Diagnostic classification of mental health and developmental disorders of infancy and early childhood (DC: 0-3). Washington DC: Zero to Three (trad. it.: Classificazione Diagnostica: 0-3. Classificazione diagnostica della salute mentale e dei disturbi di sviluppo nell’infanzia. Milano: Masson, 1997).
  23. Zero to Three (2005). Diagnostic classification of mental health and developmental disorders of infancy and early childhood: revised edition (DC: 0-3R). Washington DC: Zero to Three (trad. it.: Classificazione Diagnostica: 0-3. Classificazione diagnostica della salute mentale e dei disturbi di sviluppo nell’infanzia. 1a Revisione, Roma: Fioriti, 2008).
  24. Zero to Three (2017). Diagnostic classification of mental health and developmental disorders of infancy and early childhood: revised edition (DC: 0-5). Washington DC: Zero to Three.

Silvia Mazzoni, Simona Parigi, Ruggiero Daniele Russo, Fulvio Sciamplicotti, in "TERAPIA FAMILIARE" 116/2018, pp. 31-51, DOI:10.3280/TF2018-001003

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche