Clicca qui per scaricare

Costruire progetti terapeutici con le famiglie immigrate: la complessa ricomposizione di un puzzle
Titolo Rivista: TERAPIA FAMILIARE 
Autori/Curatori: Lorena Cavalieri, Cinzia Cimmino, Ruggiero Daniele Russo 
Anno di pubblicazione:  2018 Fascicolo: 116 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  23 P. 75-97 Dimensione file:  114 KB
DOI:  10.3280/TF2018-001005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Nel presente lavoro viene illustrato un modello di costruzione del progetto terapeutico con le famiglie immigrate, che è parte di un modello più ampio di psicoterapia che considera tra i suoi punti di riferimento: l’importanza della cultura e del lavoro di rete. Sono centrali, in questo lavoro: il passaggio da una diagnosi di invio a una diagnosi relazionale, ossia che abbia un significato dentro le dinamiche familiari, trigenerazionali e culturali di quella famiglia; e la condivisione di un progetto terapeutico. È ritenuta un punto focale, la condivisione, non solo con la famiglia, ma anche con gli attori sociali, qualora coinvolti nella gestione o semplicemente invio in terapia di famiglie immigrate. Viene inoltre descritto un caso complesso, nel quale sono chiamati in causa, a vario titolo, diversi servizi e che è stato inviato in terapia in modo coatto dal tribunale.


Keywords: Immigrazione, cultura, diagnosi relazionale, progetto terapeutico, lavoro di rete, bambini.

  1. Andolfi M. (a cura di) (2009). Il bambino nella terapia familiare. Milano: Franco-Angeli.
  2. Andolfi M. (2015). La terapia familiare multigenerazionale. Strumenti e risorse del terapeuta. Milano: Raffaello Cortina.
  3. Andolfi M. (2016). How to give voice to children in family therapy. In: Borcsa M., Stratton P. (eds.), Origins and Originality in Family Therapy and Systemic Practice. Berlino: Springer.
  4. Andolfi M., Haber R. (a cura di) (1995). La consulenza in terapia familiare. Una prospettiva sistemica. Milano: Raffaello Cortina.
  5. Andolfi M., Cavalieri L., Falcucci M. (2000). La psicoterapia come processo transculturale. Psicobiettivo, XX, 1: 13-28.
  6. Andolfi M., Cavalieri L. (2010). Familles immigrées et psychothérapie transculturelle. In: Le nouvelles familles: Approches cliniques, sous la direction de Salvatore D’Amore, Belge: De Boeck.
  7. Bains J. (2005). Race, culture and psychiatry: a history of transcultural psychiatry. In: History of Psychiatry. London: Sage.
  8. Beneduce R. (2007). Etnopsichiatria. Sofferenza mentale ed alterità fra Storia, dominio e cultura. Roma: Carocci.
  9. Boss P. (2000). Ambiguous Loss: Learning to Live with Unresolved Grief. Harvard Cambridge: University Press.
  10. Bowen M. (1979). Dalla famiglia all’individuo. La differenziazione del sé nel sistema familiare. Roma: Astrolabio.
  11. Castiglioni M., Riva E., Inghilleri P. (a cura di) (2010). Dispositivi transculturali per la cura degli adolescenti. Un modello di intervento. Milano: FrancoAngeli.
  12. Cavalieri L. (2004). Psicoterapie e immigrazione, due percorsi in una stanza. In: Andolfi M. (a cura di), Famiglie immigrate e psicoterapia transculturale. Milano: FrancoAngeli.
  13. Cavalieri L. (2016). Cultural Mediation: An Encounter between Cultures. Human Systems: The journal of Therapy, Consultation & Training, 27, 3: 235-250.
  14. Cirillo S., Di Blasio P. (1989). La famiglia maltrattante. Diagnosi e terapia. Milano: Raffaello Cortina.
  15. Clifford J. (1993). I frutti puri impazziscono. Etnografia, letteratura e arte nel secolo XX. Torino: Bollati Boringhieri.
  16. Coppo P. (2003). Tra psiche e culture. Elementi di etnopsichiatria. Torino: Bollati Boringhieri.
  17. de Bernart R. (2013). The photografic genogram. L’immagine della famiglia. In: Loewenthal D. (ed.), Phototherapy and therapeutic photography in a digital age. New York: Routledge.
  18. De Francisci A., Piersanti T. (2006). La famiglia tra vincoli e risorse. Percorsi terapeutici complessi. Milano: FrancoAngeli.
  19. Devereux G. (1978). Saggi di etnopsichiatria generale. Roma: Armando.
  20. Di Nicola V. (1997). A stranger in the family. Culture families and therapy. New York: Norton.
  21. Diop-Ben-Geloune A. (2003). Cultures et psychotherapie. In: Collingon R., Gueye M. (a cura di), Psychiatrie, psychanalyse, culture, société de Psychopatologie et d’Hygiene mentale de Dakar. Dakar: SPHMD. Testo disponibile al sito http://psychopathologieafricaine.refer.sn/
  22. Falcucci M., Mascellani A., Santona A., Sciamplicotti F. (a cura di) (2006). La terapia di coppia in una prospettiva trigenerazionale. I seminari di Maurizio Andolfi. Roma: APF.
  23. Falicov C.J.C. (1995). Training to think culturally: a multidimensional comparative framework. Family Process, 34, 4: 373-388.
  24. Goussot A. (2014). L’approccio transculturale nella relazione di aiuto. Il contributo di George Devereux tra psicoterapia ed educazione. Fano: Aras Edizioni.
  25. Herz D.G. (1981). The stress of migration. In: Eitinger L., Schwarz P. (a cura di), Strangers in the word World, Bern: Hans Huber, 70-83.
  26. Kirmayer L. (1994). Improvisation and Authority in Illness Meaning. Culture, Medicine and Psychiatry, 18, 2: 183-214. Testo disponibile sul sito: https://link.springer.com/article/10.1007/BF01379449
  27. Lau A. (1984). Transcultural issues in family therapy. Journal of Family Therapy, 6: 91-112.
  28. Losi N. (2000). Vite altrove. Migrazione e disagio psichico. Milano: Feltrinelli.
  29. Nathan T. (2003). Non siamo soli al mondo. Torino: Bollati Boringhieri.
  30. Nathan T. (2013). Psicoterapia democratica. Milano: Raffaello Cortina.
  31. Onnis L. (2009). Come usa la diagnosi lo psicologo sistemico. In Dazzi N., Lingiardi V. Gazzillo F. (a cura di), La diagnosi in psicologia clinica. Personalità e psicopatologia. Milano: Raffaello Cortina.
  32. Porcellana M., Contini M., Curia M., Mazzucchelli L., Ruffetta C., Samoré C., Simoncini L., Stirone V., Nahon L., Pagani C. (2009). Centro Di Consultazione Etnopsichiatrica di Milano: Studio Osservazionale Descrittivo. Psichiatria di Comunità, VIII, 1: 46-52.
  33. Pompili M. (2009), “Parole d’ordine” al Centro di Consultazione Etnopsichiatria dell’Azienda Ospedaliera di Ca’ Granda – Niguarda Milano. I Fogli di Oriss, 31-32: 207-219.
  34. Selvini M. (2007). Dodici dimensioni per orientare la diagnosi sistemica. Terapia Familiare, 84: 9-29.
  35. Sluzki C.E. (1979). Migration and family conflict. Family Process, 18 (4): 379-390.
  36. Tarantini L. (a cura di) (2014). L’altro prossimo venturo. La relazione terapeutica con il migrante. Milano: FrancoAngeli.
  37. Telfener U. (2016). Working with Migrants in Italy: an Ethical Practice Based on Respect. Human Systems: The journal of Therapy, Consultation & Training, 27, 3: 235-250.
  38. Terranova Cecchini R. (2010). La storia italiana della psicoterapia transculturale: origini e basi teoriche. In: Castiglioni M., Riva E., Inghilleri P. (a cura di) (2010), Dispositivi transculturali per la cura degli adolescenti. Un modello di intervento. Milano: FrancoAngeli.
  39. Walsh F. (2008). La resilienza familiare. Milano: Raffaello Cortina

Lorena Cavalieri, Cinzia Cimmino, Ruggiero Daniele Russo, in "TERAPIA FAMILIARE" 116/2018, pp. 75-97, DOI:10.3280/TF2018-001005

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche