Clicca qui per scaricare

Strumenti. Le convenzioni urbanistiche, una tradizione negoziale
Titolo Rivista: TERRITORIO 
Autori/Curatori: Nicole De Togni 
Anno di pubblicazione:  2018 Fascicolo: 84 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  4 P. 68-71 Dimensione file:  249 KB
DOI:  10.3280/TR2018-084009
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Le convenzioni urbanistiche - legittimate formalmente con la L.765/1967 - sono uno strumento pianificatorio di definizione, attuazione e contrattazione delle dinamiche di crescita ed evoluzione della città italiana fin dalla nascita dello Stato unitario. Esplorate soprattutto in relazione ai settori residenziali nelle aree di espansione, danno in realtà forma alla città alle scale e negli aspetti più vari: costituiscono un’occasione unica di negoziazione tra municipalità e attori molto diversificati per provenienza disciplinare ed obiettivi; concorrono significativamente alla costruzione della città pubblica; dialogano con il piano regolatore senza necessariamente costituire uno strumento di adulterazione delle politiche pianificatorie come proposto dalla cornice interpretativa consolidatasi sul dibattito relativo a genesi e conseguenze del Piano regolatore generale di Milano del 1953.


Keywords: Convenzioni urbanistiche; politiche urbane; urban design

  1. Boatti A. 1986, «Il piano regolatore del 1953 e la sua attuazione: dall’utopia del Piano ar agli anni della speculazione». In: Campos Venuti G. (a cura di), Un secolo di urbanistica a Milano. Milano: Clup, 43-89.
  2. Campos Venuti G., 1986, a cura di, Un secolo di urbanistica a Milano. Milano: Clup.
  3. Campos Venuti G., Oliva F., 1993, a cura di, Cinquant’anni di urbanistica in Italia. 1942-1992. Roma-Bari: Laterza.
  4. Caramellino G., Renzoni C., 2016, «Negotiating the middle-class city. Housing and equipping post-war Turin, 1950-1980». Cidades, Comunidades e Territórios, 33: 68-88.
  5. De Togni N., 2015, Negoziando la città. Le convenzioni urbanistiche nel centro storico di Milano tra contrattazione e programmazione, Politecnico di Torino (tesi di dottorato).
  6. Graziosi S., Viganò A., 1970, «Milano vendesi. Vent’anni di malgoverno urbanistico della città». Relazioni Sociali, numero speciale.
  7. Patetta L., 1973, «Alcune opere recenti del professionismo milanese». Controspazio, 1: 67-98.
  8. Portoghesi P., Vercelloni V., 1969, «L’occhio vuole la sua parte: l’edilizia milanese fra la quantità e la qualità». Controspazio, 2-3: 6-21.
  9. Tortoreto E., 1977, «La mancata ‘difesa di Milano’ dal 1945 al 1950: considerazioni sulle linee politiche della ricostruzione edilizia». Storia urbana, 1: 97-133.
  10. Vercelloni V., 1961, «Milano 1861-1961: un secolo di occasioni mancate nello sviluppo della città». Casabella Continuità, 253: 28-41.
  11. Zanfi F., 2013, «Convenzioni urbanistiche e nuovo paesaggio residenziale per i ceti medi a Milano tra gli anni ’50 e ’70». Territorio, 64: 66-74., 10.3280/TR2013-064011DOI: 10.3280/TR2013-064011

Nicole De Togni, in "TERRITORIO" 84/2018, pp. 68-71, DOI:10.3280/TR2018-084009

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche