Clicca qui per scaricare

Community hub e rigenerazione urbana. Qualche nota interdisciplinare
Titolo Rivista: TERRITORIO 
Autori/Curatori: Andrea Bocco, Gaspare Caliri, Erika Lazzarino, Nicoletta Tranquillo 
Anno di pubblicazione:  2018 Fascicolo: 84 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  8 P. 79-86 Dimensione file:  341 KB
DOI:  10.3280/TR2018-084012
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo compie un attraversamento interdisciplinare dei community hub, a partire dalle esperienze di attivazione sociale degli autori, i quali sono anche antropologi, semiotici e architetti. Viene presentata una analisi plurale che aggancia la teoria dal lato della pratica sul campo, nella quale il gruppo di lavoro, che nel 2016 aveva avviato le prime perlustrazioni sul tema, declina e approfondisce qui i community hub nei loro tratti specifici di ‘disarticolatori’ epistemologici, dispositivi di relazione e centri di produzione. L’obiettivo è quello di formulare alcuni degli esiti della sperimentazione e dell’osservazione dei community hub come elementi di una diversa grammatica del cambiamento urbano.


Keywords: Rigenerazione urbana; attivazione sociale; produzione urbana

  1. Appadurai A., 2014, Il futuro come fatto culturale. Saggi sulla condizione globale. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  2. Aprile W., Bolamd B., Mirti S., 2006, Interaction Design Primer. Milano: Postmedia Books.
  3. Bianchetti C., 2014, a cura di, Territori della condivisione. Macerata: Quodlibet.
  4. Bifulco L., 2012, «Melinda e Melinda. Note su partecipazione, agency e capacità di aspirare». In: De Leonardis O., Deriu M. (a cura di), Il futuro nel quotidiano. Studi sociologici sulla capacità di aspirare. Milano: Egea.
  5. Bocco A., 2012, a cura di, Qui è ora. Macerata: Quodlibet.
  6. Caliri G., Tranquillo N., 2016, «Fenomenologia di un community hub: Kilowatt e le Serre dei Giardini a Bologna». In: Montanari F., Mizzau L. (a cura di), I luoghi dell’innovazione aperta. Modelli di sviluppo territoriale e inclusione sociale. Roma: Fondazione Giacomo Brodolini, 135-145.
  7. Clifford J., 1993, I frutti puri impazziscono. Etnografia, letteratura e arte nel secolo XX. Torino: Bollati Boringhieri.
  8. Cognetti F., 2011, «Storie di una casa. Storie di abitanti». In: Infussi F. (a cura di), Dal recinto al territorio. Milano, esplorazioni nella città pubblica. Torino: Pearson Italia.
  9. Feld S., Basso K., 1996, eds., Senses of Place. Santa Fe: School of American Research Press.
  10. Franck K.A., Stevens Q., 2007, eds., Loose Space: Possibility and Diversity in Urban Life. London: Routledge.
  11. Friedman J., 2001, «The Iron Cage of Creativity: An Exploration». In: Liep J. (ed.), Locating Cultural Creativity. London: Pluto Press.
  12. Friedman Y., 2009, L’architettura di sopravvivenza. Torino: Bollati Boringhieri.
  13. Greimas A.J., 1970, Du sens. Paris: Le Seuil.
  14. Hallam E., Ingold T., 2007, eds., Creativity and Cultural Improvisation. Oxford-New York: Berg.
  15. Hjelmslev L.T., 1943, Omkring sprogteoriens grundlaeggelse. Copenaghen: Akademisk forlag.
  16. Ingold T., 1986, Evolution and Social Life. Cambridge: Cambridge University Press.
  17. Innerarity D., 2008, Il nuovo spazio pubblico. Roma: Meltemi.
  18. Kail A., Lumley T., 2012, Theory of Change. The Beginning of Making a Difference. London: New Philanthropy Capital.
  19. Latour B., 2005, Reassembling the social: an introduction to actor-networktheory. Oxford: Oxford u.p.
  20. Lazzarino E., 2014, «Ricerca-azione fra etnografia e auto-etnografia: pratiche dell’abitare in una periferia milanese». In: Cellamare C., Cognetti F. (a cura di), Practices of Reappropriation. Milano: Planum Publisher.
  21. Lazzarino E., 2016, Le periferie rigenerano l’innovazione sociale. Qualche nota antropologica. Repository pubblica del Comune di Milano. www.lavoroeformazioneincomune.it/wp-content/uploads/2016/04/ELazzarino-Dynamoscopio_paper.pdf (ultimo accesso: 2018.02.20).
  22. Liep J., 2001, «Introduction». In: Liep J. (ed.), Locating Cultural Creativity. London: Pluto Press.
  23. Lotman J.M., 1985, La semiosfera. Venezia: Marsilio.
  24. Low S.M., Lawrence-Zúñiga D., 2003, eds., Anthropology of Space and Place: Locating Culture. USA: Blackwell Publishing.
  25. Manzini E., 2015, Design, When Everybody Designs. An introduction to design for social innovation. USA: The MIT Press.
  26. Moulaert F., Swyngedouw E., Martinelli F., Gonzalez S., 2010, eds., Can Neighbourhoods Save the City? Community Development and Social Innovation. London: Routledge.
  27. O’Brien D., Matthews P., 2016, eds., After Urban Regeneration. Community, Policy and Place. Bristol: Policy Press.
  28. Sennett R., 1992, La coscienza dell’occhio. Milano: Feltrinelli.
  29. Suchman L., 2011, «Anthropological Relocations and the Limits of Design». Annual Review of Anthropology, 40: 1-18.
  30. Till J., 2009, Architecture Depends. Cambridge: The MIT Press.
  31. Ward C., 1996, Talking to Architects. London: Freedom Press.
  32. Zamagni S., Venturi P., Rago S., 2016, «Valutare l’impatto sociale. La questione della misurazione nelle imprese sociali». Impresa Sociale, 8 settembre 2017. www.rivistaimpresasociale.it/rivista/item/141-misurazione-impatto-sociale.html (ultimo accesso: 2018.02.20).

Andrea Bocco, Gaspare Caliri, Erika Lazzarino, Nicoletta Tranquillo, in "TERRITORIO" 84/2018, pp. 79-86, DOI:10.3280/TR2018-084012

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche